enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Russia chiede che l’Ucraina e i paesi ex sovietici siano esclusi dall’adesione alla NATO | Notizie NATO

La Russia ha pubblicato progetti di patti di sicurezza che chiedono alla NATO di rifiutare l’adesione dell’Ucraina e di altri ex stati sovietici e di annullare il dispiegamento di truppe e armi nell’Europa centrale e orientale.

I documenti, rilasciati venerdì, chiedevano anche il divieto di inviare navi da guerra e aerei statunitensi e russi in aree da cui potrebbero attaccare il territorio dell’altro, nonché l’interruzione delle esercitazioni militari della NATO vicino ai confini della Russia.

Le proposte sono state presentate agli Stati Uniti e ai loro alleati all’inizio di questa settimana e contengono elementi – come un effettivo veto russo sulla futura adesione dell’Ucraina alla NATO – che l’Occidente ha già escluso.

Il segretario generale della NATO ha sottolineato venerdì che qualsiasi colloquio sulla sicurezza con Mosca deve tenere conto delle preoccupazioni dell’alleanza e coinvolgere l’Ucraina e altri partner.

Allo stesso modo, la Casa Bianca ha affermato che stava discutendo le proposte con alleati e partner statunitensi, ma ha osservato che tutti i paesi hanno il diritto di decidere il proprio futuro senza interferenze esterne.

La pubblicazione delle bozze di accordi arriva tra le crescenti tensioni su un accumulo di truppe russe vicino all’Ucraina che ha sollevato timori ucraini e occidentali di un’invasione. Mosca nega i piani per attaccare il suo vicino.

Dopo la pubblicazione delle bozze di documenti, il viceministro degli Esteri Sergei Ryabkov ha affermato che le relazioni della Russia con gli Stati Uniti e la NATO si sono avvicinate a un «punto pericoloso», affermando che gli schieramenti e le esercitazioni della coalizione vicino ai confini della Russia hanno sollevato minacce «inaccettabili» alla sua sicurezza.

Ha detto ai giornalisti che Mosca voleva che gli Stati Uniti avviassero immediatamente i colloqui sulle proposte a Ginevra.

READ  L'Egitto ripristina l'antica strada che collegava i templi di Luxor e Karnak | Egitto

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che l’alleanza ha ricevuto i documenti russi e ha osservato che qualsiasi dialogo con Mosca «dovrà anche affrontare le preoccupazioni della NATO sulle azioni della Russia, si basa sui principi e sui documenti di base della sicurezza europea ed è condotto in consultazione con i partner europei della NATO, come l’Ucraina.

Ha aggiunto che 30 paesi della Nato «hanno chiarito che se la Russia intraprende passi concreti per ridurre le tensioni, siamo pronti a lavorare per rafforzare le misure di rafforzamento della fiducia».

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a discutere le preoccupazioni di Mosca sulla NATO nei colloqui con i funzionari russi.

Ma ha sottolineato che Washington è impegnata nel «principio di non stare senza di te» nel plasmare la politica che interessa gli alleati europei.

Sullivan ha detto in una conferenza organizzata dal Council on Foreign Relations.

«È molto difficile vedere gli accordi completati se continuiamo a vedere un ciclo di escalation», ha aggiunto.

Nel frattempo, il ministero degli Esteri ucraino ha affermato che Kiev aveva un «diritto sovrano esclusivo» di condurre la propria politica estera e che solo lui e la NATO potevano determinare la loro relazione, inclusa la questione dell’adesione dell’Ucraina.

Mosca ha sollecitato la ripresa del processo di pace nell’Ucraina orientale, dove circa 15.000 persone sono state uccise in un conflitto durato sette anni tra le forze governative ucraine e i separatisti sostenuti dalla Russia.

Le bozze di accordi russi – un trattato di sicurezza Russia-USA e un trattato di sicurezza Russia-NATO – obbligherebbero Washington e i suoi alleati a fermare l’espansione della NATO verso est in altre ex repubbliche sovietiche, inclusa la revoca della promessa del 2008 di adesione alla Georgia.

READ  Ostaggi legati alle auto mentre i ladri prendono di mira le banche in Brasile

Inoltre impedirebbe agli Stati Uniti e ai loro alleati di stabilire basi militari sul territorio di Ucraina, Georgia e altri paesi ex sovietici che non sono membri della NATO.

La bozza della Russia include anche un impegno a non schierare missili a medio raggio in aree in cui potrebbero colpire il territorio dell’altro, una disposizione che segue il ritiro degli Stati Uniti e della Russia da un accordo dell’era della Guerra Fredda che vieta tali armi.

Alcuni analisti politici occidentali hanno suggerito che la Russia stesse deliberatamente avanzando richieste irrealistiche che sapeva non sarebbero state soddisfatte per fornire una distrazione diplomatica pur mantenendo la pressione militare sull’Ucraina.

“C’è qualcosa di molto sbagliato in questa foto, Paul [political] Michael Kaufman, uno specialista russo presso l’organizzazione di ricerca CNA con sede in Virginia, ha scritto su Twitter.

Sam Green, professore di politica russa al King’s College di Londra, ha affermato che Putin stava «tracciando una linea attorno allo spazio post-sovietico e mettendo il segno di ‘nessuna uscita'».

Ha detto: «Non vuole essere un trattato: è una dichiarazione». Ma questo non significa necessariamente che questo sia un preludio alla guerra. È una giustificazione per mantenere la posizione stimolante di Mosca, al fine di mantenere l’equilibrio di Washington e degli altri».

Il presidente Vladimir Putin ha sollevato la richiesta di garanzie di sicurezza in una videochiamata la scorsa settimana con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Durante la conversazione, Biden ha espresso preoccupazione per l’accumulo di forze russe vicino all’Ucraina e ha avvertito che la Russia avrebbe dovuto affrontare «serie conseguenze» se Mosca avesse attaccato il suo vicino.

READ  Ksenia Efremova: il tennista prodigio russo di 12 anni ha un potenziale incredibile, afferma Patrick Muratoglu

Funzionari dell’intelligence statunitense affermano che la Russia ha spostato 70.000 soldati al confine con l’Ucraina e si sta preparando per una possibile invasione all’inizio del prossimo anno. Mosca ha negato qualsiasi intenzione di attaccare e ha accusato le autorità ucraine di aver pianificato un’offensiva per riconquistare l’Ucraina orientale in mano ai ribelli – un’affermazione che l’Ucraina ha respinto.

I combattimenti tra le forze ucraine e i separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale sono iniziati dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014. Ha ucciso più di 14.000 persone e ha devastato il cuore industriale dell’Ucraina chiamato Donbas.