enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Riuscirà la «troppo sicura» Carrie Lam a salvare la sua eredità a Hong Kong?

HONG KONG – Gli studenti sono rimasti seduti in silenzio mentre i soldati hanno fatto irruzione nell’atrio di un liceo di Hong Kong, sventolando la bandiera cinese. I MC parlano il mandarino, la lingua della Cina continentale, piuttosto che il cantonese, la lingua dominante della città. Quindi Carrie Lam, amministratore delegato di Hong Kong, è salita sul podio per glorificare l’importanza del patriottismo nei giovani della città.

Questa è stata la quarta visita della signora Lam a una scuola nelle ultime settimane – una cifra sorprendente per un leader che aveva appena messo piede nel campus per due anni. Quando le proteste anti-governative hanno travolto la città nel 2019, i giovani erano tra i partecipanti più fedeli, con gli studenti delle scuole superiori Interrompere le stagioni e formare catene umane.

Ma ora, come ha chiarito la scena di questo mese a scuola, Boy Que, le cose sono cambiate: la parte pro-Cina – e quindi la signora Lam – è tornata di nuovo al potere. Mentre il cliché di Hong Kong sostiene da tempo che il CEO serve due padroni, Pechino e il popolo di Hong Kong, le proteste del 2019 e la crisi che ne è derivata hanno chiarito che solo una persona conta davvero.

Con tale chiarezza, la sig.ra Lam, 64 anni, sembra essere recentemente diventata una donna energica, niente a che vedere con il leader che è scomparso alla vista al culmine delle proteste per giorni e giorni.

Ho stabilito una visione ambiziosa percompletamente risoltoproblema abitativo di Hong Kong, costruendo più di 900.000 unità nei sobborghi settentrionali della città, in gran parte sottosviluppati. Ha visitato Wuhan questo mese per rafforzare i legami economici e culturali di Hong Kong con la terraferma. Ha rilasciato lunghe interviste ai media, respingendo con un sorriso i timori che la città venga schiacciata da Pechino.

«Sono molto fiducioso a Hong Kong», Ha detto alla cerimonia di premiazione il mese scorso. «Spero di avere 30 anni in meno, in modo da poter iniziare a contribuire a Hong Kong e beneficiare di Hong Kong molto meglio per un periodo di tempo più lungo».

La signora Lam ha evitato le domande sul fatto che avrebbe cercato un secondo mandato a marzo e il suo ufficio si è rifiutato di renderla disponibile per un colloquio. Ma gli osservatori dicono che il suo comportamento indica che una donna sta provando per altri cinque anni al potere.

La lotteria è chiara. Se lasci l’ufficio adesso, sarai ricordato come Il CEO più impopolare Nella storia di Hong Kong, la cui reazione stentata a una rivolta popolare ha portato alla nascita di un Un radicale declino delle libertà civili per la città da Pechino, che rappresenta un declino della posizione globale di Hong Kong e Migrazione della popolazione. Pochi anche nel campo pro-Pechino sono disposti a difenderlo.

Ma se Pechino gli concede un altro mandato, potrebbe provare a riabilitare la sua eredità, affrontando la carenza di alloggi di Hong Kong, un problema che ha trattenuto tutti i leader prima di esso, e accelerando l’integrazione con la terraferma, che alcuni sostengono risollevare l’economia della città. Nessun amministratore delegato precedente ha completato due mandati – certamente una sfida allettante per la signora Lamm, che lotta per la perfezione.

READ  La Nigeria sospende Twitter dopo che il tweet del presidente è stato cancellato | Nigeria

Anche i critici della signora Lam ammettono che è una manager molto competente e potrebbe essere in grado di andare avanti con le politiche abitative e occupazionali che ha delineato. Forse la cosa più importante è che l’epurazione politica a Pechino ha spazzato via quasi tutto il dissenso. Hong Kong terrà le sue prime elezioni legislative dopo Pechino domenica Riconfigurare il sistema questa primavera Per consentire solo ai candidati approvati dal governo di candidarsi.

Ancora più discutibile è la capacità della signora Lam di convincere i residenti di Hong Kong che vedere Pechino è davvero meglio, e per chi. Mentre Pechino sostiene che i guadagni economici guariranno le divisioni sociali di Hong Kong e che i legami più stretti con la terraferma promuoveranno il patriottismo naturale, il campo pro-democrazia insiste sul fatto che nulla migliorerà senza ripristinare i diritti politici.

Questo potrebbe essere il motivo per cui la signora Lam, con tutta la sua retorica sul futuro, si è concentrata anche sulla riformulazione del passato, in particolare su ciò che intendeva Pechino quando prometteva a Hong Kong, l’ex colonia britannica, la semi-autonomia.

La signora Lam una volta ha sostenuto le elezioni dirette per il CEO. (Attualmente, l’amministratore delegato di Hong Kong è scelto da una giuria di 1.500 persone, in una votazione supervisionata da Pechino.) Il mese scorso, ha detto che era «sbagliato» pensare che Pechino fosse «una città» a suffragio universale a Hong Kong, anche sebbene fosse stato fissato come obiettivo nella mini-costituzione di Hong Kong.

Jasper Tsang, fondatore del più grande partito pro-Pechino di Hong Kong, ha affermato che la trasformazione della signora Lam è stata una «grande ironia». «Dopo le proteste del 2019, il suo lavoro ora è cancellare ciò che tutti pensavamo una volta, compresa se stessa».

Per gran parte della sua carriera, la signora Lam si è presentata come una figura più moderata, impegnata a Pechino ma aperta al compromesso.

È salita alla posizione più alta nel 2017 per succedere a Leung Chun-ying, un pro-Pechino la cui posizione dura nelle proteste per la democrazia del 2014 lo ha reso estremamente impopolare. La signora Lamm si è invece presentata come una forza lavoro efficace, amministrativa piuttosto che politica. Ha parlato del tempo che ha trascorso come capo di stato al liceo femminile cattolico, dove piangeva nelle rare occasioni in cui non era la prima della sua classe. Il suo curriculum ufficiale elencava tutte le 20 posizioni governative che ricopriva prima di diventare CEO.

Ha anche costruito la sua reputazione come sua negoziatrice ha condotto i colloqui del governo Con i leader studenteschi durante le proteste del 2014, sembrava a suo agio con il tradizionalmente stretto rapporto di Hong Kong con l’Occidente, quando una volta ha parlato del suo desiderio di andare in pensione con suo marito e due figli in Gran Bretagna.

Uno dei suoi primi atti come CEO è stato quello di nominare ex leader dell’opposizione nel suo governo. Nel marzo 2018, ha partecipato a una raccolta fondi del Partito Democratico e ha donato quasi $ 4.000 – Prima volta Un amministratore delegato ha dato pubblicamente a un partito di opposizione.

READ  L'Australia ha battuto il mondo con il suo lockdown per il Covid. Ora è profondamente diviso su come riaprire

«All’inizio, ho cercato di essere più una figura unificante», ha detto Dennis Cook, un ex deputato pro-democrazia. «Tutte le parti stavano già facendo del loro meglio per sanare la frattura nella società».

La signora Lam non si sarebbe mai aspettata l’oltraggio del contraccolpo alla sua proposta nel 2019 di consentire l’estradizione nella Cina continentale. Le manifestazioni pubbliche, iniziate in risposta al disegno di legge, si sono trasformate in condanne di lunga data di Pechino su larga scala.

Se, all’inizio del suo mandato, la signora Lamm sembrava rendere impossibile il servizio di due padroni, ciò si è rivelato insostenibile. Nel giugno 2020, dopo che il governo centrale è diventato impaziente di fronte alla risposta del governo di Hong Kong, Trascendere la gestione della signora Lam per forzare Legge sulla sicurezza globale.

Nei mesi successivi, Decine di leader dell’opposizione sono stati arrestatiGiornale pro-democrazia Costretto a chiudere Il governo degli Stati Uniti ha imposto Sanzioni per la signora Lam.

Tuttavia, l’intervento di Pechino sarebbe un’ancora di salvezza per questo. Non ci sono più dubbi sul fatto che l’amministratore delegato stia rispondendo a Pechino o alla gente di Hong Kong. Ora, la signora Lam doveva stare al gioco.

«Ci sono tutti i tipi di ironia nella vita», ha detto in a recente intervista Con il South China Morning Post sulle proteste. «Pensavi che questa fosse la fine del mondo, e all’improvviso non lo era. Era l’inizio di un futuro luminoso.»

Il discorso della signora Lam ora rispecchia la retorica del Partito Comunista Cinese, con un misto di pesanti denunce e gergo burocratico. Alle conferenze stampa insulta la «cosiddetta democrazia» dell’Occidente. Nel suo discorso politico annuale di quest’anno, si è appropriato dell’autorità del Partito Comunista sugli affari di Hong Kong, a differenza dei discorsi precedenti in cui non ha menzionato il partito.

Charles Ho, un ricco magnate pro-Pechino ha Criticare Nella sua risposta alle proteste, la signora Lam ha affermato che sarebbe stata licenziata o retrocessa se fosse stata al comando sulla terraferma. Ma dopo la legge sulla sicurezza, la signora Lam ha lavorato duramente per ripristinare la buona volontà di Pechino, ha detto.

«Ogni volta che fa discorsi, ringrazia il governo centrale o menziona Xi», ha detto Hu, riferendosi a Xi Jinping, il leader della Cina. «Ho imparato a compiacere.»

Le future discussioni sull’eredità della signora Lam ruoteranno in parte attorno alla questione di quanta scelta avesse sul suo destino. Era una cameriera disposta nel tentativo del partito di schiacciare le libertà di Hong Kong? O stava facendo del suo meglio per resistere alla tirannia di Pechino?

Ad ogni modo, la signora Lam sembra godersi la nuova situazione. A luglio, ad esempio, quando ha rinnegato la sua promessa della campagna elettorale di estendere le norme anti-corruzione all’amministratore delegato, ha chiarito che la responsabilità del leader era di Pechino.

«È un po’ al di sopra dei rami esecutivo, legislativo e giudiziario», ha detto. Lei disse.

READ  Tokyo 2020: Cori 'Coco' Gauff salterà le Olimpiadi dopo essere risultato positivo al Covid-19

Allan Zeeman, uno sviluppatore immobiliare e consulente della signora Lam, ha detto che la signora Lam è stata liberata dal suo pieno abbraccio di Pechino. «Non puoi accontentare tutti», ha detto. «Lei ha le sue priorità ora.»

Da nessuna parte la sua fiducia era più evidente che nella sua proposta di costruire una «metropoli del nord» oltre il confine dalla città cinese di Shenzhen, sostituendo quello che è attualmente un mosaico di città e distretti industriali con un hub high-tech che può ospitare 2,5 milioni di persone. Nelle parole della signora Lam, Il progetto Allevierebbe la crisi abitativa e collegherebbe la città alla terraferma in un unico luogo.

Proposte simili sono state impantanate per anni dall’opposizione degli abitanti dei villaggi e degli ambientalisti. Ma la signora Lam ha affermato che non era più un problema, poiché il Security Act aveva ripristinato «l’ordine sociale».

La sua presentazione potrebbe funzionare. I giornali pro-Pechino di Hong Kong, spesso visti come opinion leader delle autorità centrali, hanno pubblicato un editoriale elogiando i recenti discorsi della signora Lam. Willy Lam, un ricercatore politico di Hong Kong, ha affermato che nessuno degli altri principali candidati esecutivi si è fatto avanti, indicando forse l’approvazione di Pechino.

«Ci sono molte persone disposte a piegarsi per compiacere Pechino», ha detto. Ma la signora Lam «ha una credibile esperienza nell’usare il servizio civile per raggiungere obiettivi specifici mandati da Pechino».

In effetti, la signora Lam sembra sempre più trascurata nell’anticipare – o correre per tenere il passo – le richieste del governo centrale.

In autunno, i funzionari del Central Liaison Office, il braccio di Pechino a Hong Kong, si sono sparsi per la città per visitare migliaia di residenti a basso reddito, in un’ampia manifestazione mediatica di simpatia per le loro condizioni di vita. La signora Lam è rimasta sconcertata: ha ammesso ai giornalisti che «non si rendeva conto“L’entità della loro diffusione fino a quando non ne ho letto sul giornale.

Dopo una settimana di queste visite, la signora Lam è scesa lei stessa in diverse famiglie a basso reddito.

La signora Lam, nonostante tutto il suo ritrovato coraggio, sembra rendersi conto di quanto debole sia la sua apparente missione politica. Le sue ultime apparizioni pubbliche sono state scritte in modo fitto. Ad agosto, l’ho tenuta Il primo consiglio comunale in due anni – Con 90 partecipanti su 106 selezionati con cura dal governo.

Allo stesso modo, la visita della signora Lam a Pui Que questo mese è stata sotto controllo. La scuola è nota per essere pro-Pechino. Dopo che la signora Lamm ha parlato, ha presentato le piastre ai donatori e ha sorriso con ciascuno di loro per alcuni secondi. Ha presieduto l’apertura della sala fitness della scuola, scattando foto dietro una fila di cyclette.

Non ha parlato con nessuno studente. Poi è andata a un’auto vicina ed è scomparsa all’interno.

Austin Ramsey e joi dong Contribuire alla redazione dei report.