septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Russia apre un nuovo procedimento penale contro i principali alleati di Navalny

russo Le autorità hanno aperto un nuovo procedimento penale contro i due più stretti alleati del leader dell’opposizione incarcerato Alexei Navalny, l’ultimo di una serie di mosse per strangolare la sua squadra già assediata.

Martedì la commissione investigativa ha annunciato l’apertura di un’inchiesta contro Leonid Volkov e Ivan Zhdanov, accusandoli di raccogliere fondi per gruppi estremisti. La pena per l’accusa è fino a otto anni di reclusione.

Gatti “pipistrello olimpico” uccisi dopo aver volato per più di 1.200 miglia da Londra alla Russia

A giugno, un tribunale ha bandito la Fondazione anticorruzione Navalny e una rete dei suoi uffici regionali come organizzazioni estremiste. La designazione ha impedito alle persone associate ai gruppi di cercare cariche pubbliche e le ha sottoposte a lunghe pene detentive.

La fondazione ha sospeso i suoi sforzi di crowdfunding poco prima della sentenza del tribunale per mitigare i rischi per i suoi sostenitori. Tuttavia, il team di Navalny ha annunciato la scorsa settimana che sta riprendendo la raccolta fondi attraverso l’uso di transazioni crittografiche che aggirano il sistema bancario russo e consentono ai donatori di rimanere anonimi.

Le autorità russe hanno rapidamente bloccato il sito web di raccolta fondi lanciato dal team di Navalny. Il comitato investigativo ha avviato un’indagine penale, confermando che Volkov e Zhdanov hanno cercato di continuare le “attività illegali” delle organizzazioni bandite.

La Russia sta costruendo due nuovi aerei “Doomsday” su ordine di Putin

I due alleati di Navalny sono stati oggetto di numerose indagini penali negli ultimi anni e hanno lasciato la Russia.

Entrambi hanno reagito con sarcasmo alla notizia martedì. “Amici miei, è un vero problema. Ho perso il conto delle cause penali intentate contro di me. Ho violato il diritto di voto, evaso l’esercito (coscrizione), fallito sentenze giudiziarie, nascosto denaro, rubato denaro, riciclato denaro, e poi ?” Zdanov ha scritto su Instagram.

READ  E poiché l'Iran sta virando a destra, le relazioni con gli stati del Golfo Arabo potrebbero dipendere dall'accordo nucleare

Volkov ha fatto eco ai suoi sentimenti in un post su Facebook, dicendo: “La politica in Russia nel 2021 è quando sei in riunione, il tuo telefono inizia a esplodere con notifiche, domande e chiamate, mentre pensi casualmente: ‘Oh, forse è un nuovo procedimento penale'”, la riunione continuò tranquillamente, quindi controlla i tuoi messaggi ed è già un nuovo procedimento penale.”

Navalny, l’arcinemico del presidente russo Vladimir Putin, è stato arrestato a gennaio al suo ritorno dalla Germania, dove ha trascorso cinque mesi a riprendersi da un avvelenamento da agenti nervini che attribuisce al Cremlino, un’accusa che i funzionari russi hanno respinto.

A febbraio, Navalny è stato condannato a scontare due anni e mezzo di carcere per aver violato condanne sospese dalla sua condanna per appropriazione indebita del 2014 che aveva respinto come politicamente motivata.

Il suo arresto e la sua prigionia hanno scatenato un’ondata di proteste di massa che sembrava rappresentare una grande sfida per il Cremlino. Le autorità hanno risposto con arresti di massa di manifestanti e procedimenti penali nei confronti dei più stretti collaboratori di Navalny.

Molti da allora hanno lasciato la Russia, mentre altri sono stati posti agli arresti domiciliari o ad altre restrizioni che impediscono loro di partecipare ad attività politiche.

La Russia avverte gli Stati Uniti che i missili ipermassicci in Europa potrebbero portare a “conflitti non intenzionali”

Dopo aver bollato la Fondazione Navalny e gli uffici regionali come estremisti, le autorità russe hanno bloccato circa 50 siti web gestiti dalla sua squadra o dai suoi sostenitori con l’accusa di diffondere propaganda di massa estremista.

Gli alleati di Navalny hanno collegato l’intensa campagna elettorale alle imminenti elezioni parlamentari russe. Le elezioni del 19 settembre sono ampiamente viste come una parte importante degli sforzi di Putin per consolidare il suo governo in vista delle elezioni presidenziali del paese nel 2024.

READ  L'uscita dell'Australia dalla pandemia di Covid-19 ti farà urlare di rabbia o di gioia?

Il leader russo di 68 anni, che è al potere da più di due decenni, lo scorso anno ha spinto per cambiamenti costituzionali che gli avrebbero permesso di rimanere al potere fino al 2036.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

Con l’avvicinarsi della data del voto, i sostenitori dell’opposizione, i giornalisti indipendenti e gli attivisti per i diritti umani in Russia devono affrontare una crescente pressione del governo. Le autorità russe hanno dichiarato molti media e giornalisti indipendenti “agenti stranieri” – una designazione che comporta un maggiore controllo del governo e porta con sé forti connotazioni di disprezzo che possono screditare i destinatari – e hanno preso di mira importanti giornalisti investigativi con raid.