agosto 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La pressione di Google e Facebook si allenta man mano che le misure antitrust avanzano in commissione

WASHINGTON – Un comitato della Camera ha approvato una legislazione di vasta portata per Frenare il dominio dei giganti della tecnologia nel mercatoinclusi Google e Facebook Inc. Affiliati di Alphabet Inc. Ma molti degli sforzi hanno incontrato un’intensa pressione da parte delle aziende colpite, che ha rallentato il lavoro del comitato e ha annunciato una battaglia campale al Senato.

In un pacchetto di sei fatture, la misura più importante approvata mercoledì sera richiede che le più grandi piattaforme Internet rendano più facile per gli utenti trasferire i propri dati su altre piattaforme e persino comunicare con utenti su altre piattaforme. Bill – comunemente noto come Aumenta la compatibilità e la concorrenza abilitando o accedendo agli switch di servizioتبديلLa Federal Trade Commission darà ampi nuovi poteri per stabilire standard individuali per i giganti della tecnologia. M., 25-19.

Un’altra scala è Diritto della concorrenza e delle opportunitàÈ passato presto giovedì. Il disegno di legge vieta di fatto le acquisizioni da parte di piattaforme dominanti di società che pongono loro minacce competitive, nonché acquisizioni che espandono o rafforzano il loro potere di mercato. Proposta di legge approvata, 24-17.

I progetti di legge devono ancora essere approvati dall’intera Camera dei Rappresentanti, poiché la tempistica per portarli al pubblico per il voto finale rimane poco chiara.

Ma il dibattito sull’organo legislativo della Commissione Giustizia della Camera è andato avanti per gran parte del giorno e della notte, poiché i repubblicani – e alcuni democratici – hanno sollevato preoccupazioni e introdotto emendamenti.

La parte centrale del pacchetto, una misura per impedire alle grandi aziende tecnologiche di favorire i propri prodotti in una serie di circostanze sulle loro piattaforme, non è stata presa in considerazione fino a mercoledì sera tardi. Questa legge è nota come American Choice and Innovation Act, impedirebbe alle grandi piattaforme di adottare comportamenti che differenziano i loro prodotti o servizi, danneggiano altri utenti aziendali o discriminano tra utenti aziendali nella stessa situazione.

Sono stati adottati anche altri due progetti di legge meno controversi, uno che aumenta le tasse federali sulle revisioni delle fusioni aziendali e uno che assiste i procuratori generali dello stato nelle battaglie procedurali nei casi giudiziari antitrust.

Il pacchetto è stato il culmine di una lunga indagine da parte della House Antitrust Subcommittee. Ha scoperto che le grandi aziende tecnologiche hanno sfruttato il loro dominio per soffocare la concorrenza e soffocare l’innovazione, aggiungendo che il Congresso dovrebbe considerare di costringerle a separare le loro piattaforme da altre linee di business.

Nel loro insieme, i progetti di legge rappresentano l’inizio degli sforzi di molti membri del Congresso per rivitalizzare l’applicazione dell’antitrust tra le aziende high-tech aggiornando le leggi che, a loro avviso, sono in ritardo. Il rappresentante David Cicilline (D., Rey) ha affermato che il potere assoluto delle più grandi aziende tecnologiche minaccia la giustizia economica e persino la stessa democrazia americana.

“In sostanza, questo problema riguarda fondamentalmente se abbiamo o meno un’economia in cui le aziende che lottano per la sopravvivenza economica possano effettivamente avere successo”, ha affermato Cecline.

Lo sforzo ha ottenuto il sostegno dell’amministrazione Biden, che di recente ha sorpreso le aziende della Silicon Valley nominando un giovane progressista Critico tecnico senior, Lina KhanCome presidente della Federal Trade Commission, che è una delle due agenzie federali che applicano le leggi antitrust statunitensi. La signora Khan è un ex ufficiale antitrust della Camera che ha lavorato a grandi indagini tecnologiche. Si prevede di riorientare gli sforzi di applicazione dell’agenzia sui problemi anticoncorrenziali.

READ  L'acquisizione di Arm di Nvidia ottiene il supporto di Broadcom, MediaTek e Marvell

Ma la Casa Bianca ha indicato che potrebbe essere necessario più lavoro su alcune delle leggi, riflettendo potenziali problemi futuri.

“Il presidente è incoraggiato dall’azione bipartisan per affrontare i problemi creati dalle grandi piattaforme tecnologiche”, ha affermato un funzionario della Casa Bianca. “Speriamo che il processo legislativo continui ad andare avanti su queste proposte bipartisan e non vediamo l’ora di lavorare con il Congresso per sviluppare ulteriormente queste idee”.

Lo sforzo legislativo ha anche affrontato una feroce opposizione da parte di diverse importanti aziende tecnologiche e dei loro alleati di Washington su entrambi i lati del corridoio.

Google ha spinto i legislatori a ritardare l’azione sulle fatture in sospeso da ulteriori discussioni. “I consumatori e le piccole imprese statunitensi rimarranno scioccati dal modo in cui queste fatture interromperanno molti dei loro servizi preferiti”, ha affermato Mark Isakwitz, vicepresidente del governo e delle politiche pubbliche di Google. “Tutto ciò minerebbe in modo significativo la leadership tecnologica americana, danneggerebbe il modo in cui le piccole imprese comunicano con i consumatori e solleverebbe seri problemi di privacy e sicurezza”.

La società Apple. Un rapporto di mercoledì si oppone alle disposizioni dell’US Online Choice and Innovation Act che consentirebbe agli utenti di scaricare app sui propri iPhone. Senza la necessità di utilizzare l’App Store di Apple. La società ha affermato che ciò danneggerebbe i clienti minacciando la loro privacy e il controllo parentale e potenzialmente esponendo i dati degli utenti ad attacchi ransomware.

L’hardware, il software e i servizi di Apple funzionano così all’unisono che viene spesso chiamato “giardino recintato”. L’idea è centrale nel recente audit antitrust e nel caso Epic vs. Mela. Joanna Stern di WSJ è andata in un vero giardino recintato per spiegare tutto. Illustrazione fotografica: Adele Morgan / The Wall Street Journal

Molti repubblicani hanno anche espresso preoccupazione per il fatto che il pacchetto sia stato sopravvalutato affidando troppo nuovo potere alle agenzie governative, mentre alcuni democratici favorevoli alla tecnologia hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che la legislazione non fosse stata sufficientemente rivista.

Il rappresentante Jim Jordan (R., Ohio), un critico esplicito della legislazione, ha affermato che rappresenta un esempio preoccupante di grande tecnologia e grande governo “ora che si sposano e lavorano insieme”. Si è lamentato del fatto che darebbe alla Federal Trade Commission un potere senza precedenti per stabilire la politica industriale e persino imporre la propria agenda politica alle aziende colpite.

Alcuni legislatori hanno anche notato che Microsoft ha esercitato pressioni per evitare di essere coperta dalla legislazione, che generalmente riguarda solo le piattaforme più grandi. Il signor Cislin ha negato che il disegno di legge esentasse qualsiasi azienda.

Una portavoce di Microsoft ha affermato che la società non ha cercato di apportare modifiche al disegno di legge per evitare di essere influenzata dalla legislazione.

Altri legislatori hanno messo in dubbio la saggezza di regolamentare solo le più grandi piattaforme tecnologiche.

La battaglia rischia di intensificarsi nelle prossime settimane. Mentre la legislazione antitrust rimane uno dei maggiori punti deboli del Congresso quest’anno per le grandi aziende tecnologiche, molti dei progetti di legge di vasta portata della Commissione devono affrontare battaglie in salita per diventare leggi nella loro forma attuale.

Al Senato, Amy Klobuchar (D., Minnesota) sta conducendo uno sforzo per approvare la legislazione antitrust e ha sviluppato un’ampia gamma di modifiche. Si è inoltre concentrato sullo sviluppo di ulteriori proposte sulla falsariga di alcune misure della Camera, in particolare il disegno di legge sulla non discriminazione.

“Non vedo l’ora di continuare a lavorare con i membri della Camera e del Senato per frenare il potere assoluto della grande tecnologia”, ha affermato in una nota.

Legislatori contro aziende tecnologiche

Per saperne di più La copertura del Wall Street Journal sugli sforzi legislativi scelti dagli editori

scrivere a John D. McKinnon a [email protected]

Copyright © 2020 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8