septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La nuova aggiunta della Russia alla stazione spaziale: quando guardarla

All’inizio di quest’anno, i funzionari spaziali russi stavano parlando del ritiro dalla Stazione Spaziale Internazionale nel 2025. Ma ciò non ha impedito loro di inviare una nuova aggiunta alla loro parte dell’avamposto. L’unità si chiama Nauka e il suo design e sviluppo sono iniziati più di 20 anni fa.

L’unità colma una lacuna nella parte russa della stazione per una capsula destinata a esperimenti scientifici ed è considerata fondamentale per l’intero programma russo. Fornirà anche una serie di altri miglioramenti alla sezione russa della stazione.

Ecco cosa devi sapere sul modulo Nauka e sul suo arrivo alla stazione spaziale giovedì.

Il nuovo velivolo russo dovrebbe arrivare alla stazione spaziale giovedì alle 9:25 circa.

La NASA TV trasmetterà in diretta alle 8:30 ET. Gli spettatori che vogliono guardare l’operazione in russo possono impostarla su tQuesta è la pagina YouTube di RoscosmosAgenzia spaziale russa.

Il Nauka è stato originariamente creato come backup per un’altra unità russa, Zarya, ed è stato successivamente riutilizzato. Nauka in russo significa scienza e il suo compito principale: fornire attrezzature di laboratorio per esperimenti.

Inoltre, l’unità include una cabina isolata dalle radiazioni con un soggiorno aggiuntivo per gli astronauti, una toilette, nuovi sistemi di ricircolo dell’acqua e filtrazione dell’aria, spazio di archiviazione e un braccio robotico fornito dall’Agenzia spaziale europea.

Con un peso di oltre 20 tonnellate e una lunghezza di oltre 42 piedi, la Nauka è destinata a diventare una delle unità più grandi della stazione. Sarà necessaria una serie di passeggiate spaziali per collegarli ai circuiti elettrici e di comando della stazione.

READ  La Cina sta sviluppando il proprio elicottero su Marte

Lo sviluppo del modulo è iniziato a metà degli anni ’90, prima che i primi componenti della stazione fossero sollevati e molto prima delle attuali tensioni politiche con gli Stati Uniti, che hanno aumentato le prospettive del ritiro della Russia dalla stazione spaziale entro il 2025.

Il suo lancio è stato ripetutamente ritardato a causa di difetti di fabbricazione e mancanza di fondi, che hanno lasciato un vuoto nella parte russa dello stabilimento. La Russia è attualmente l’unico grande operatore che non dispone di una propria unità di laboratorio.

Dotata di pannelli solari, la Nauka renderà la parte orbitale russa meno dipendente dall’energia proveniente dal versante americano. Lo spazio abitabile aggiuntivo, compreso un letto per un cosmonauta, consentirà di espandere l’equipaggio russo permanente a tre membri.

Il razzo russo Proton ha portato in orbita senza problemi la nuova unità, ma i problemi sono sorti quasi immediatamente.

Un malfunzionamento nei motori della navicella spaziale ha costretto gli scienziati a tornare sulla Terra nervosi per diversi giorni, secondo Agenzia spaziale europea European, il cui braccio robotico è fissato all’unità. “Il calvario ha insistito sul fatto che fosse parte del viaggio”, ha detto l’agenzia in una nota.

Mentre Nauka alla fine raggiungerà la stazione, ha volato come un’astronave autonoma per diversi giorni in orbita. L’unità ha schierato i propri pannelli solari e antenne, ma poi non è riuscita ad avviare i motori per aumentare la sua orbita, un problema che potrebbe porre fine al lavoro. L’Agenzia spaziale europea ha affermato che gli ingegneri russi sono stati in grado di correggere questo, descrivendo l’episodio come “un paio di giorni frenetici al centro di controllo della missione”.

READ  Diverse contee della Pennsylvania occidentale hanno ora un alto livello di trasmissione di COVID-19 nella comunità

Roscosmos, l’agenzia spaziale russa, non ha affrontato direttamente i problemi nei suoi aggiornamenti alla missione, rilevando solo in nuova versione giovedì scorso che i propulsori dell’unità erano, di fatto, in funzione. “La telemetria ha confermato l’operatività dell’unità di propulsione”, ha affermato Roscosmos nella nota.