agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La NASA torna su Venere per scoprire come si è trasformata in una landa desolata tossica e se un tempo il pianeta fosse abitabile.

<span class ="شرح"> Due nuove missioni della NASA sperano di rispondere a importanti domande sul passato di Venere. </ span> <span class ="الإسناد"> <فئة ="ربط السريع noclick Resp" href ="https://solarsystem.nasa.gov/resources/486/hemispheric-view-of-venus/" rel ="nofollow noopener" الهدف ="_فارغ" بيانات- ylk ="slk: NASA / JPL / USGS">  NASA/JPL/USGS </a> </span>“Src =” https://s.yimg.com/ny/api/res/1.2/Gk1UxbFSevpBXScCS7z_8w–/YXBwaWQ9aGlnaGxhbmRlcjt3PTcwNTtoPTQwOC44MDIwODMzMzMzMzMzMz/kpiz/v8zMzMz/kpi9/Aresuj2z/v8/v/v/vcjtcjt -. ~ B / aD04MzU7dz0xNDQwO2FwcGlkPXl0YWNoeW9u / https: //media.zenfs.com/en/the_conversation_us_articles_815/cb4fed85112558efe05469677fc76122 “data-src =” https://s.yimg.com/ny/api/res/1.2/Gk1UxbFSevpBXScCSS7z_8wGMDlxctojt3hcw-Q9/YXGbwaPtWg .yimg.com/uu/api/res/1.2/dA8UyCPkz5rjm2ZVv.Ob9w–~B/aD04MzU7dz0xNDQwO2FwcGlkPXl0YWNoeW9u/https://media.zenfs.com/it/the_confconf77811222/</div>
</div>
</div>
<div class=
Due nuove missioni della NASA sperano di rispondere a importanti domande sul passato di Venere. NASA/JPL/USGS

La NASA è finalmente tornata su Venere. Il 2 giugno 2021, l’amministratore della NASA Bill Nelson ha annunciato che l’agenzia aveva selezionato due vincitori da L’ultima gara di missioni per la navicella spaziale della classe DiscoveryEntrambi si stanno dirigendo verso il secondo pianeta dal sole.

Sono uno scienziato planetario e L’evangelista Venere confessa di séEd è per questo che sono così entusiasta del ritorno dell’umanità su Venere.

Questa è la prima volta da quando Missione Magellano Nel 1989, la NASA si è impegnata a inviare un veicolo spaziale per studiare il pianeta vicino. Con i dati che raccoglieranno queste due missioni da Venere, chiamate VERITAS e DAVINCI+, gli scienziati planetari possono iniziare ad affrontare uno dei più grandi misteri del sistema solare: perché Venere, un pianeta all’incirca delle stesse dimensioni, densità ed età della Terra, è così diverso dal mondo che l’umanità chiama a casa?

Venere è tagliata a metà con nuvole verde-gialle a sinistra e l’impressione degli artisti di come potrebbe apparire con oceani, nuvole e vita a destra.

terra sbagliata?

Venere È un pianeta roccioso delle stesse dimensioni della Terra, ma nonostante queste somiglianze, è un luogo selvaggio. Sebbene sia leggermente più vicino al Sole rispetto alla Terra, A effetto serra in fuga Significa che la superficie è molto calda – circa 870 F (465 C), all’incirca la temperatura di un forno autopulente. La pressione superficiale è una pressione schiacciante 90 volte la pressione al livello del mare sulla Terra. Inoltre, ci sono nuvole di acido solforico che ricoprono l’intero pianeta e corrodono tutto ciò che le attraversa.

Ma questo è forse l’aspetto più sorprendente di Venere Forse era molto simile alla Terra. Recenti modelli climatici indicano che in passato il pianeta avrebbe avuto oceani di acqua liquida e un clima temperato. Probabilmente era abitabile fino a 3 miliardi di anni prima che subisse una sorta di catastrofe climatica che causasse il riscaldamento globale. L’obiettivo di queste due nuove missioni su Venere è cercare di determinare se Venere è davvero la gemella della Terra, perché è cambiata e se i grandi pianeti rocciosi, in generale, diventano oasi abitabili come la Terra… o una landa rovente come Venere.

Un satellite quadrato con due alti pannelli solari sopra il colorato pianeta Venere.

Un satellite quadrato con due alti pannelli solari sopra il pianeta brunastro Venere.

nuovi occhi sul fiore

Ciò che può sorprendere è che negli anni Sessanta e Settanta Venere era il fulcro centrale dell’esplorazione spaziale Ad esempio Marte oggi. Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica hanno inviato più di 30 veicoli spaziali in totale sul secondo pianeta dal Sole. Ma dal 1989 solo due missioni sono andate su Venere, entrambe incentrate sullo studio dell’atmosfera: la missione dell’Agenzia Spaziale Europea Venere Express Giappone Akatsuki.

Al contrario, le missioni VERITAS e DAVINCI+ avranno una visione olistica esplorando la storia geologica e climatica di Venere nel suo insieme, in due modi molto diversi ma complementari.

Lo spesso strato globale di nubi di acido solforico che ricoprono Venere rende quasi impossibile vedere la superficie con le normali telecamere. per questa ragione Veicolo orbitale VERITAS – acronimo di “Venus Emissivity, Radio Science, InSAR, Topography and Spectroscopy” – porterà un potente sistema radar. Questo radar può navigare tra le nuvole e raccogliere immagini e dati topografici con una risoluzione fino a 10 volte superiore a qualsiasi precedente missione su Venere. Ciò consentirà agli scienziati di cercare indizi sul clima primitivo di Venere che potrebbero essere stati conservati nelle formazioni rocciose in superficie e potrebbe anche rispondere se il pianeta è geologicamente attivo oggi. Infine, questa entusiasmante missione utilizzerà una speciale telecamera a infrarossi per fissare l’atmosfera a lunghezze d’onda molto specifiche. Le prime misurazioni globali di cosa sono fatte le rocce di Venere Qualcosa di cui gli scienziati sanno molto poco.

Una sonda circolare con attrezzatura di campionamento cade verso Venere.

Una sonda circolare con attrezzatura di campionamento cade verso Venere.

Il compagno di stabilità di Veritas è Da Vinci +, o “Lo studio di Venere nell’atmosfera profonda dei gas nobili, chimica e imaging”. La missione DAVINCI+ include anche un orbiter, ma la vera star dello spettacolo sarà la sonda atmosferica larga un metro. La sonda si tufferà nell’atmosfera di Venere e cadrà liberamente attraverso spesse nubi per circa un’ora prima di raggiungere la superficie.

Durante la discesa, analizzerai l’atmosfera, misurando in particolare una varietà di gas tra cui argon, krypton e xeno. Le diverse storie climatiche di Venere possono comportare diverse proporzioni di questi gas nobili nell’atmosfera – quindi, analizzando queste proporzioni, gli scienziati saranno in grado di determinare quanta acqua si è formata il pianeta e anche quanta acqua ha perso lungo l’orbita terrestre. ultimi 4,5 miliardi di anni.

Ma non è tutto quello che farà la sonda. Immediatamente prima dell’impatto atterrare in un’area chiamata Area alfa Contenente alcune delle rocce più antiche del pianeta, la sonda scatterà immagini a infrarossi della superficie così come appare attraverso l’oscurità della bassa atmosfera. Queste immagini saranno le prime ad essere prese da sopra la superficie ma sotto la superficie della nube, mostrando agli scienziati planetari come mai prima d’ora.

Rappresentazione artistica di un pianeta extrasolare attorno a una stella diversa.

Rappresentazione artistica di un pianeta extrasolare attorno a una stella diversa.

Ora è il momento di tornare su Venere

Ho già discusso per tornare su Venere, per così dire che sono appassionato di questi compiti è un eufemismo. Venere potrebbe contenere la chiave per comprendere il passato – e forse il futuro – della Terra. Come scoprono gli astronomi Sempre più mondi delle dimensioni della Terra intorno ad altre stelle, devono capire se il risultato che vediamo sulla Terra – cieli blu, oceani acquosi e persino una fiorente biosfera – è la norma, o l’infernale landa desolata di Venere è la norma.

[Over 100,000 readers rely on The Conversation’s newsletter to understand the world. Sign up today.]

Diversi decenni di Continua l’esplorazione di Marte Ha mostrato che ogni missione risponde alle domande precedenti e ne solleva anche di nuove. Non so quali sorprese VERITAS e DAVINCI+, il cui lancio è previsto per la fine del 2020, riveleranno su Venere, ma so che scopriranno aspetti del pianeta che nessuno aveva immaginato prima. Scienziati e squadre di spedizioni di tutto il mondo hanno lavorato duramente per raggiungere “Venere contratto‘, e ha iniziato a dare i suoi frutti. Infatti, appena una settimana dopo la NASA, l’Agenzia spaziale europea ha annunciato Ha annunciato anche i suoi piani per una missione su Venere. Con queste nuove missioni, credo – spero – che siamo all’inizio di una nuova età dell’oro dell’esplorazione di Venere.

Questo articolo è stato ripubblicato da Conversazione, un sito di notizie senza scopo di lucro dedicato allo scambio di idee da esperti accademici. scritto da: Paul K. BurnE il North Carolina State University Carolina.

Leggi di più:

Paul K. Byrne non lavora, consulta, possiede o riceve finanziamenti da alcuna azienda, organizzazione o organizzazione che trarrebbe beneficio da questo articolo e non ha rivelato alcuna affiliazione rilevante dopo la nomina accademica.

READ  Dovresti preoccuparti di un asteroide "potenzialmente pericoloso" che attraversa la Terra oggi?