junio 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Juventus ha battuto l’Atalanta 2-1 e ha vinto la finale di Coppa Italia | Gli sport

Reggio Emilia, Italia (AFP) – Gianluigi Buffon ha alzato il trofeo finale della sua brillante carriera con la Juventus dopo la vittoria per 2-1 della sua squadra sull’Atalanta in Coppa Italia mercoledì per mettere un po ‘di brillantezza in una stagione deludente.

Il trofeo è stato il 14 ° titolo record per la Juventus e il primo per l’attaccante Cristiano Ronaldo dopo che i bianconeri hanno perso l’ultima partita lo scorso anno.

“Oggi è stata una grande emozione”. Il 43enne Buffon ha dichiarato: “Un traguardo come questo mi rende orgoglioso ed ero felice di avere i miei compagni di squadra partecipare a tante avventure fino a questa finale”.

“Loro, la Juventus, i dirigenti, il presidente ei miei compagni faranno sempre parte della mia vita. Penso di aver dato tanto amore, professionalità, orgoglio e coraggio ogni volta che vado allo stadio con questo. camicia e ne sono orgoglioso.

I tifosi hanno potuto festeggiare all’interno dello stadio per la prima volta in Italia in oltre un anno. Circa 4.300 tifosi hanno potuto partecipare dopo che il governo italiano ha approvato che lo stadio Mapei di Reggio Emilia avesse una capienza del 20%.

Ai tifosi è stato vietato di assistere alle partite in Italia per la maggior parte dell’anno scorso a causa della pandemia di coronavirus, tranne per un breve periodo dopo l’inizio della stagione, quando sono stati ammessi fino a 1.000 spettatori negli stadi.

Dejan Kulusevsky e Federico Chiesa hanno segnato per la Juventus, affiancando il gol di Ruslan Malinowski per l’Atalanta poco prima della fine del primo tempo.

Questa è la seconda Coppa per Pirlo nella sua prima stagione da allenatore, dopo aver portato la Juventus alla Supercoppa italiana a gennaio.

Tuttavia, la Juventus ha visto il suo regno di nove anni con l’Inter finita con il titolo di Serie A, ed è a rischio di finire il campionato fuori dai primi quattro e di perdere un posto in Champions League.

“Avevamo una grande voglia di vincere, nonostante la stagione non è stata molto positiva – ha detto Pirlo -. Ci siamo riorganizzati e penso che ci siamo meritati questa coppa”.

L’Atalanta gareggiava per il suo primo titolo di Coppa Italia dal 1963 e aveva perso tre finali precedenti, incluso nel 2019 contro la Lazio.

“Vincere il titolo in Italia è una grande difficoltà per le squadre al di fuori dei” grandi “, ha dichiarato il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini, così come per la Coppa Italia. “Siamo felici di essere arrivati ​​in finale, abbiamo giocato ad armi pari. Siamo anche entusiasti di qualificarci per la Champions League per il terzo anno consecutivo.

“Raggiungere i nostri obiettivi è la nostra vittoria. Sono deluso dai giocatori che hanno giocato con tanta voglia di vincere, ma questo è il calcio. Partiamo decisamente a testa alta”.

Il portiere è stato nominato vincitore della Coppa del Mondo Per lasciare la Juventus – Per la seconda volta – alla fine della stagione.

La Juventus ha avanzato contro la partita al 31 ‘, quando Juan Cuadrado ha sparato in contropiede e ha fatto rotolare Weston McKinney oltre Kulusevsky per spostarsi all’angolo più lontano.

L’Atalanta ha pareggiato 10 minuti dopo quando Remo Freuiler è riuscito a vincere la palla in un duello con il centrocampista della Juventus Adrian Rabiot e stenderla sulla destra. Quindi è stato fatto rotolare su Malinovsky per frantumarlo nel soffitto a griglia.

La Juventus ha quasi ripreso il vantaggio in un’ora quando Ronaldo ha tirato il tallone a Chesa, ma il suo tentativo è arrivato dal palo destro, con il portiere dell’Atalanta Pierluigi Golini sconfitto.

I bianconeri hanno segnato il gol della vittoria 12 minuti dopo quando Kiza ha giocato 1-2 con Kulusevski prima di scavare nella parte sinistra della rete da distanza ravvicinata.

Copyright 2021 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.