septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Guinea militare consolida il controllo, il leader dell’opposizione segnala apertura alla trasformazione

CONAKRY (Reuters) – Il principale leader dell’opposizione guineana ha dichiarato martedì di essere disponibile a partecipare a un periodo di transizione dopo un colpo di stato militare nel fine settimana in cui i soldati che hanno preso il potere hanno consolidato il loro controllo.

I paesi dell’Africa occidentale hanno minacciato sanzioni dopo aver estromesso il presidente Alpha Condé, che stava scontando un terzo mandato dopo che la costituzione era stata modificata per consentirlo.

I suoi oppositori hanno affermato che il cambiamento era illegale e la frustrazione è degenerata in sanguinose proteste l’anno scorso. Hamidou Barry dell’Organizzazione guineana per i diritti umani ha dichiarato che martedì sera sono stati rilasciati 80 prigionieri politici detenuti dal governo Condé, tra cui un certo numero di coloro che hanno partecipato a una campagna contro il suo terzo mandato.

I leader della regione si incontreranno per discutere della Guinea mercoledì, non giovedì, come suggerito in una precedente nota della task force.

Il leader del colpo di stato Mamadi Domboya, un ex ufficiale della Legione straniera francese, ha Promessa di un governo di transizione di unità nazionale e “una nuova era di governance e sviluppo economico”. Ma deve ancora spiegare esattamente cosa ciò comporterà o stabilire un lasso di tempo.

Selo Daline Diallo, il principale leader dell’opposizione in Guinea, ha detto a Reuters martedì di averlo fatto Non sono ancora stati consultati Sul trasloco ma era pronto a condividere.

“Invieremo rappresentanti, perché no, a partecipare al processo di restituzione del Paese all’ordine costituzionale”, ha detto Diallo, l’ex primo ministro che è arrivato secondo dopo Condé in tre elezioni consecutive, l’ultima delle quali è stata lo scorso ottobre.

READ  Mio fratello dice che la morte del leader antivaccini poteva essere evitata

La rivolta di domenica, in cui Conde e altri politici di spicco sono stati arrestati o banditi dai viaggi, è la terza da aprile in Africa occidentale e centrale, suscitando timori di un ritorno al governo militare in una regione che ha fatto passi da gigante verso la democrazia multipartitica da allora. gli anni novanta.

Conakry è rimasto calmo per il secondo giorno dopo il golpe, con alcuni posti di blocco militari rimossi. Il traffico era normale, martedì, nella penisola di Kallum, centro amministrativo della capitale.

Elementi delle forze speciali prendono posizione durante una rivolta che ha portato al rovesciamento del presidente Alpha Conde nel distretto di Kallum di Conakry, Guinea, 5 settembre 2021. REUTERS/Salio Sambe/File Photo

Nel tentativo di consolidare il loro potere, i soldati che guidarono il colpo di stato installarono ufficiali dell’esercito nelle otto regioni principali della Guinea e in varie regioni amministrative.

bauxite

Il colpo di stato ha sollevato preoccupazioni sulla fornitura di bauxite, il principale minerale di alluminio, dalla Guinea, il principale produttore.

Il contratto di riferimento dell’alluminio sul London Metal Exchange è rimasto vicino al massimo da 10 anni lunedì.

Tuttavia, le miniere non hanno segnalato alcuna interruzione. Il produttore statale cinese di alluminio CHALCO (601600.SS), il progetto di bauxite in Guinea ha affermato di funzionare normalmente.

Società australiane di estrazione di bauxite e oro elencate da Lindian Resources (LIN.AX) e polimetalli Risorse (POL.AX) Anche martedì, hanno affermato che le loro attività non sono state interessate.

Il Cremlino ha detto che stava seguendo da vicino la situazione politica e sperava Interessi commerciali russi, che comprende tre grandi miniere di bauxite e una raffineria di allumina, non sarà interessato.

READ  Una donna di Singapore è stata incarcerata per 30 anni per aver ucciso una cameriera del Myanmar che l'ha torturata e affamata

Durante il suo decennio al potere, Condé guidò la Guinea attraverso la crescita economica, ma la disoccupazione rimase elevata.

I sondaggi condotti da Afrobarometer indicano che la maggioranza dei guineani ritiene che il livello di corruzione sia aumentato, mentre è aumentato anche il malcontento per l’economia e le condizioni di vita personali.

Diallo ha detto che la corruzione è diventata endemica sotto Conde.

“Un’élite si è sollevata in modo sfacciato mentre la povertà aumentava e le infrastrutture del Paese crollavano. C’era anche un malessere generale nel Paese”, ha detto.

Segnalazioni aggiuntive di Hereward Holland e Pat Felix

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.