junio 29, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La giunta del Mali afferma che l’ambasciatore francese ha 72 ore per lasciare il Paese

L’inviato francese Joel Meyer è stato convocato lunedì dal ministero degli Esteri del paese dell’Africa occidentale e gli è stato ordinato di lasciare «dichiarazioni ostili e oltraggiose» da parte di obiettivi francesi presi di mira dalla giunta, ha affermato un portavoce militare in una nota.

«Il governo della Repubblica del Mali informa la comunità nazionale e internazionale che in questo giorno, lunedì 31 gennaio 2022, l’ambasciatore di Francia in Mali Sua Eccellenza Joel Meyer è stato chiamato dal Ministro degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale, che gli ha notificato la decisione del governo di incaricarlo di lasciare il Paese entro 72 ore», si legge nella nota.

L’ultimatum arriva appena una settimana dopo che il Mali ha interrotto i rapporti diplomatici con la Francia, annunciando un cambiamento nella sua lingua ufficiale dal francese al bambara e ordinando alle truppe francesi di evacuare il suo territorio, secondo un recente comunicato.

Le relazioni bilaterali tra la Francia e le recenti autorità provvisorie del Mali si sono deteriorate in poche settimane a causa della proposta dei militari di ritardare la transizione verso la democrazia a seguito di due colpi di stato successivi negli ultimi 17 mesi.

La scorsa settimana, il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha descritto il governo di transizione del Mali guidato dal leader del colpo di stato Assimi Goita come «fuori controllo» e illegittimo, ha riferito Reuters, aumentando le tensioni tra i due paesi.

La giunta ha condannato i commenti nella sua dichiarazione di lunedì, aggiungendo che erano «contrari allo sviluppo delle relazioni amichevoli tra le nazioni». La proposta del comandante delle forze speciali Goita per un rinvio elettorale di cinque anni è stata respinta dal blocco ECOWAS di 15 membri, che ha imposto sanzioni e sospeso il Mali dall’ente regionale.

READ  Los trabajadores de un bufete de abogados británico toman el 20% de su salario para trabajar desde casa a tiempo completo

Goita è stato determinante nella destituzione del presidente Boubacar Ibrahim Keita nell’agosto 2020, dopo di che le autorità provvisorie del paese hanno proposto una transizione di 18 mesi a un governo civile che è fallito. Keita è morto il 16 gennaio, sedici mesi dopo essere stato estromesso.

Nel maggio 2021, Goita ha organizzato un secondo colpo di stato e ha preso il potere dopo aver deposto le autorità provvisorie.