septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La decisione sulla maschera del CDC è arrivata dopo i risultati sorprendenti dell’epidemia sulla spiaggia di Cape Cod

CAPO COD, Messa. — Un nuovo studio mostra che la variante delta del COVID-19 ha prodotto quantità simili di virus in persone vaccinate e non vaccinate se infettate, illustrando il principale driver dietro le linee guida federali che ora raccomandano agli americani più vaccinati di indossare maschere al chiuso.

Gli esperti affermano che la vaccinazione riduce in primo luogo la probabilità di contrarre COVID-19, ma per coloro che lo fanno, questi dati suggeriscono che potrebbero avere una propensione simile a diffonderlo come persone non vaccinate.

“Cariche virali più elevate indicano un aumento del rischio di trasmissione e sollevano la preoccupazione che, a differenza di altre variabili, le persone con vaccinia delta possono trasmettere il virus”, ha affermato la dott.ssa Rochelle Walinsky, direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Dichiarazione del venerdì.

Lo studio, pubblicato venerdì dal CDC, descrive i 469 residenti del Massachusetts che sono stati infettati nell’epidemia di luglio nella contea di Barnstable, che include la destinazione delle vacanze estive Provincetown. Non ci sono state segnalazioni di decessi tra di loro.

Circa il 74% – o 346 casi – è stato completamente vaccinato. Di questi casi, il 79% ha riportato sintomi. I casi geneticamente sequenziati hanno rivelato che la variante delta era il principale colpevole.

Livelli di trasmissione del CDC COVID-19 per contea degli Stati Uniti

La mappa non viene visualizzata correttamente? Clicca qui per aprire una nuova finestra.

I ricercatori hanno trovato prove che i carichi virali erano simili tra 127 persone che erano completamente vaccinate e 84 persone che non erano state vaccinate, erano parzialmente vaccinate o avevano uno stato di vaccinazione sconosciuto. La carica virale è un proxy della probabilità che qualcuno trasmetta il virus ad altri.

Martedì, Walensky ha esaminato questi risultati mentre divulgava indicazioni secondo cui le persone in aree con trasmissione COVID-19 “elevata” o “significativa” dovrebbero riprendere a indossare maschere al chiuso. Più del 75% della popolazione statunitense vive in queste aree.

Walensky ha detto venerdì che la scoperta che la variante delta ha portato a cariche virali simili “è stata una scoperta fondamentale che ha portato alla raccomandazione aggiornata della maschera CDC”.

READ  Gli scienziati hanno appena scoperto l'asteroide più veloce del sistema solare

“La raccomandazione sul mascheramento è stata aggiornata per garantire che il pubblico vaccinato non trasmetta inavvertitamente il virus ad altri, compresi i propri cari che non sono immunizzati o che sono immunocompromessi”.

Rimangono le domande

Prima di Delta, era noto che la vaccinazione influenzava i fattori che potevano influenzare la trasmissione. Non solo le persone vaccinate tendevano ad avere carichi di virus inferiori, ma avevano anche sintomi più lievi e si ammalavano per meno tempo.

Ma la ricerca ha dimostrato che i delta si diffondono più fortemente. All’inizio di questo mese, ad esempio, gli scienziati cinesi hanno descritto cariche virali che erano circa 1.000 volte superiori con i delta rispetto ai ceppi precedenti.

Giovedì, un documento interno del CDC ha affermato che la variante delta era trasmissibile quasi quanto la varicella, mentre il ceppo iniziale era simile al comune raffreddore. Ciò significa che in determinate circostanze, una persona infetta può essere passata a due o tre persone, in media, all’inizio di un’epidemia. Ma ora, con delta, questo numero può essere compreso tra cinque e nove.

“È uno dei virus più trasmissibili che conosciamo. Morbillo, varicella, che – sono tutti là fuori”, ha detto Walinsky alla CNN giovedì.

Il documento del CDC ha anche citato rapporti secondo cui la variante potrebbe causare anche malattie più gravi.

Ma anche con cariche virali simili, non è certo che le persone vaccinate siano contagiose quanto le persone non vaccinate.

La dottoressa Monica Gandhi, specialista in malattie infettive presso l’Università della California, a San Francisco, che non è stata coinvolta nella ricerca, ha affermato.

Gandhi ha affermato che ci sono più parti del sistema immunitario, inclusi anticorpi e cellule T, che sollevano importanti domande sull’uso della carica virale, che viene misurata dai test della reazione a catena della polimerasi (PCR), come indicatore di quanto sia infettivo qualcuno.

READ  La temperatura superficiale della Siberia sale a 118 gradi da capogiro

Il nuovo rapporto afferma che “sono necessari studi microbiologici per confermare questi risultati” per cariche virali simili tra le infezioni penetranti. Rileva inoltre che “l’infezione da penetranza asintomatica può essere sottorappresentata” perché è meno probabile che venga rilevata.

All’inizio di questa settimana, Walensky ha affermato che le indagini in corso sull’epidemia aiuteranno a rivelare di più su ciò che accade quando si verifica questa infezione soprannaturale.

“Ora stiamo continuando a seguire quei gruppi per capire l’impatto di queste persone vaccinate che vanno avanti”, ha detto. “Ma ancora una volta, vorrei ripetere, crediamo che la stragrande maggioranza della trasmissione avvenga in persone non vaccinate e attraverso persone non vaccinate”.

Motivi in ​​più per vaccinarsi

Anche con Delta, i vaccini COVID-19 riducono ancora la diffusione del virus. Inoltre, le persone che sono state vaccinate hanno molte meno probabilità di finire in ospedale.

Il documento interno dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stima che i vaccini riducono il rischio di malattie gravi o di morte di 10 volte o più e riducono il rischio di infezione di tre volte.

“La vaccinazione continua a prevenire malattie gravi, ospedalizzazione e morte, anche con Delta”, ha detto Walinsky questa settimana.

Dei residenti del Massachusetts nell’ultimo studio, nessuno è morto e solo cinque sono stati ricoverati in ospedale.

Di questi cinque, una persona non era vaccinata e presentava condizioni mediche di base e quattro erano vaccinate. L’età degli individui vaccinati variava da 20 a 70 anni e due di loro avevano condizioni di salute pregresse.

Ulteriori infezioni sono state identificate tra i visitatori di almeno altri 22 stati che hanno visitato l’area dal 3 al 17 luglio. Migliaia di persone si sono radunate per le festività estive e le persone infette hanno riferito di essere andate a “eventi affollati al chiuso e all’aperto in luoghi che includono bar, ristoranti e case in affitto degli ospiti”.

Sebbene questi risultati abbiano spinto il CDC ad aggiornare le sue linee guida per le aree con livelli più elevati di trasmissione del virus, lo studio rileva che la contea di Barnstable non era una di quelle aree fino allo scoppio. Tra il 3 e il 17 luglio, i nuovi casi giornalieri sono passati da una media di 14 giorni di 0 a 177 casi ogni 100.000 residenti.

READ  Anche il computer di backup del telescopio spaziale Hubble ora non funziona correttamente

Lo studio rileva che “anche le giurisdizioni che non hanno una trasmissione significativa o elevata di COVID-19 possono prendere in considerazione l’espansione delle strategie di prevenzione, incluso l’occultamento negli spazi pubblici interni indipendentemente dallo stato di vaccinazione”.

“Le misure di cui abbiamo bisogno per tenere tutto sotto controllo sono estreme. Le misure di cui hai bisogno sono estreme”, ha detto Walinsky alla CNN giovedì.

Lo studio rileva inoltre che sono prevedibili infezioni penetranti, soprattutto con l’aumento della popolazione vaccinata. “Con l’aumento della copertura vaccinale a livello di popolazione, è probabile che le persone vaccinate rappresentino una percentuale maggiore di casi di COVID-19”, hanno scritto gli autori.

La CNN aveva precedentemente riportato un focolaio legato a Provincetown. In tutto, almeno 882 casi sono stati collegati al gruppo finora, di cui circa il 60% residenti nel Massachusetts, secondo i funzionari locali.

Il manager di Provincetown, Alex Morse, ha detto alla CNN venerdì che la città sembra prendere una svolta positiva, con una maschera interna in atto e il tasso di positività dei test in calo.

“Pensiamo di andare nella giusta direzione, ma siamo chiaramente preoccupati per quello che è successo qui nelle ultime settimane”, ha detto Morse al giornalista della CNN John Berman.

Una fonte che ha familiarità con la decisione del CDC di aggiornare le sue raccomandazioni ha detto alla CNN che, oltre ai risultati della carica virale, la diffusione del delta generale e l’assunzione del vaccino meno del previsto hanno giocato un ruolo chiave nella recente iterazione della direttiva.

The-CNN-Wire™ e © 2021 Cable News Network, Inc. , una società della WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.