agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Corte Suprema critica la FHFA ma non la smantella: NPR

Nel 2008, in mezzo alla crisi dei mutui subprime, il Congresso ha creato la Federal Housing Finance Agency per supervisionare i giganti dei mutui Fannie Mae e Freddie Mac.

David Zalobowski/AFP


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

David Zalobowski/AFP

Nel 2008, in mezzo alla crisi dei mutui subprime, il Congresso ha creato la Federal Housing Finance Agency per supervisionare i giganti dei mutui Fannie Mae e Freddie Mac.

David Zalobowski/AFP

La Corte Suprema mercoledì ha rifiutato di smantellare l’agenzia federale che dalla Grande Recessione ha supervisionato i giganti dei mutui americani noti come Fannie Mae e Freddie Mac. Ma ha reso più facile per il presidente licenziare il capo dell’agenzia, che finora può essere licenziato solo per qualche motivo.

Con decisione per lo più unanime, il tribunale si è pronunciato anche contro i soci privati ​​della società, che inizialmente avevano fatto causa; Hanno perso la loro pretesa di $ 124 miliardi in gioco nel caso.

Il problema risale al 2008, quando il disastro del mercato immobiliare statunitense ha colpito il resto dell’economia. Le due società che hanno assunto il governo per stabilizzare il mercato immobiliare – Fannie Mae e Freddie Mac – hanno perso più quell’anno rispetto alle 37 perdite dell’anno precedente.

Per evitare ulteriori disastri, il Congresso ha creato la Federal Housing Finance Agency per supervisionare i giganti dei mutui. All’FHFA furono concessi ampi poteri per soddisfare le richieste del momento e assunse temporaneamente il controllo delle finanze di Fannie e Freddie.

Sperando di salvare Fannie, Freddie e il resto del mercato dei mutui da una caduta libera finanziaria, la FHFA ha raggiunto un accordo tra il Tesoro e le due società. In cambio di un investimento di 100 miliardi di dollari in azioni, Fannie e Freddie hanno restituito i pagamenti al Tesoro, come gli interessi standard. Ma il piano presto fallì perché Fannie e Freddie non potevano permettersi i loro pagamenti. Pertanto, la FHFA, temendo che le aziende potessero fallire e trascinare con sé il mercato immobiliare, ha modificato l’accordo con il Tesoro. Dal 2012 in poi, invece di effettuare i pagamenti regolari, le aziende hanno semplicemente consegnato i loro dividendi e niente di più.

READ  I futures su azioni vanno al rialzo prima della decisione della Fed

Gli azionisti privati ​​di Fannie e Freddy si sono opposti, lamentando che tutti i profitti aziendali sono andati al governo.

Hanno esortato la corte non solo a rompere l’accordo del 2012, ma anche a restituire $ 124 miliardi a Fannie e Freddie. Inoltre, hanno anche chiesto alla corte di smantellare la FHFA, spingendo di fatto l’agenzia e tutte le sue decisioni nella spazzatura e minacciando altre agenzie simili, come la Social Security Administration.

Invece, la corte ha seguito la strada intrapresa nell’ultimo capitolo in un caso simile che ha coinvolto il Consumer Financial Protection Bureau. Invece di distruggere l’agenzia, la corte ha convenuto che la FHFA aveva un difetto di progettazione che violava la Costituzione. Il presidente deve poter rimuovere il direttore dell’agenzia senza motivo. Tuttavia, questo difetto non condanna l’intera agenzia all’estinzione. La corte ha scelto di separare la disposizione di rimozione problematica dalla legge lasciando in piedi il resto delle sue disposizioni.