enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Italia: La proposta per una statua della prima donna a ricevere un dottorato accende il dibattito | Italia

La proposta di inserire una statua della prima donna al mondo a ricevere un dottorato di ricerca.

Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ricevette il dottorato in filosofia nel 1678 presso l’Università di Padova. Ma non fu incluso alla fine del XVIII secolo quando le autorità di Padova escogitarono un piano per erigere statue nel Prado della Valle, la piazza più grande d’Italia. Persone della città o storici famosi che vi erano associati.

All’inizio c’erano 88 statue alte 90 metri2 La piazza ellittica rende omaggio a uomini, tra cui lo scienziato italiano Galileo Galilei, lo scultore Antonio Canova e molti papi. Ma dopo la presa della Repubblica di Venezia, 10 statue dedicate ai cani veneziani furono distrutte dall’esercito di Napoleone; In seguito fu sostituito da otto obelischi, mentre due piedistalli erano vuoti.

Nonostante la statua in onore di Biscopia sia già all’Università di Padova, due consiglieri comunali, Simone Piliteri e Margherita Colonello, hanno proposto di festeggiarlo insieme su uno dei piedistalli vuoti del Prado del Valle. «Tutte le statue dedicate alle statue di pietra, senza eccezione, probabilmente non erano molto conosciute come uomini», ha scritto la coppia in una mozione presentata al consiglio comunale.

La raccomandazione è arrivata dopo che Mi Riconosci, un’associazione di esperti che lavorano nel campo dei beni culturali, ha censito tutte le statue di personaggi italiani installate nei luoghi pubblici in tutto il paese e ha scoperto che solo 148 erano dedicate alle donne.

Federica Argoraci, storica dell’arte di Mi Riconosci, ha affermato che la sequenza per soli uomini di Prado della Valle «ha influenzato le nostre vite e l’immaginario collettivo». Diceva: “Il regolamento Prato della valore del 1776 vietava il possesso di statue di santi, persone vive e persone che non avevano contatti con la città, ma mai vietava la rappresentazione di donne.

READ  Dall'Italia alla Biblioteca di Oxford: una nuova casa per i segreti di Antonio Carloscio | Antonio Carlosio

«Ovviamente questo è il risultato di una certa tendenza storica, ma oggi è possibile realizzare un progetto che sia pienamente integrato con la storia della piazza.

Tuttavia, il piano ha subito suscitato polemiche, con i manifestanti che hanno sostenuto che collocare la statua della Biscopia nella piazza fosse «fuori contesto» rispetto alla sua storia. Carlo Fomian, professore di storia all’Università di Padova, ha detto che l’idea «costosa e bizzarra» è «un po’ trendy, ma culturalmente incoerente».

«Spostare monumenti come i Lego è un gioco pericoloso e ignorante», ha detto al quotidiano locale Il Matino de Padova. “Invece, dobbiamo aiutare le persone a trovare l’originale [statue], Sab con successo all’università.

Secondo lo storico dell’arte David Tramer, i due piedistalli vuoti dovevano essere vuoti perché simboleggiavano la storica distruzione delle truppe napoleoniche.

Fabricio Magani, custode del patrimonio culturale padovano, è stato aperto all’idea, ma ha suggerito una figura femminile della storia recente da celebrare in piazza.

«Anche il progetto di erigere una statua che rappresenti una figura di spicco in città ha suscitato tante polemiche», ha detto Leonardo Bison, giornalista padovano. «Ma è sorprendente che non ci sia piscopia quando ci sono altri individui maschi meno importanti».