junio 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Infantino si rifiuta di negare di aver incontrato un club scheggiato

Il presidente della FIFA Gianni Infantino parla ai giornalisti durante una visita di due giorni con Patrice Mozebi, presidente della Confederation of African Football (CAF) ad Abidjan, Costa d’Avorio, 4 maggio 2021. Reuters / Luc Gnago / File Photo

Il presidente della FIFA Gianni Infantino si è rifiutato di negare che lui o il suo staff abbiano incontrato club ribelli nella Premier League europea prima che lanciassero il loro sinistro progetto il mese scorso, ma ha affermato di non aver mai sostenuto il campionato separatista.

Il presidente della Liga Javier Tepas ha pubblicamente accusato Infantino di essere dietro il progetto, mentre il New York Times giovedì ha citato fonti che hanno affermato che alcuni dipendenti di Infantino erano coinvolti in colloqui sul possibile supporto della FIFA per il piano.

In risposta a una domanda in una teleconferenza, dopo la conferenza FIFA di venerdì, se poteva rifiutare categoricamente l’accusa di Tebas e altre accuse relative al suo coinvolgimento o alla FIFA, Infantino non ha risposto immediatamente alla domanda.

“Dovremmo guardare ai fatti, non alle voci o ai pettegolezzi. Soprattutto quelli che non provengono da certe parti”, ha detto.

“Ho lavorato in varie posizioni legate al calcio per decenni. Conosco molti club e ho parlato con i club per molti anni, da quando ero con la UEFA”, ha detto l’ex Segretario generale dell’UE.

“Quando si parla con i club europei, la Premier League è sempre stata un argomento di discussione, ed è sempre quello che tutti sanno del calcio. Quindi non giochiamo qui”, ha aggiunto.

“Tutti nel calcio sanno che per anni e anni, alcuni club stanno studiando o preparando per questo o altri progetti simili.

READ  Disaccordo tra Nadal, Barty e Naomi Osaka sulla sua posizione mediatica | Open di Francia

“Nei 16 anni in cui sono stato alla UEFA, ci siamo sempre riusciti e posso dirti che ci sono progetti che sono stati molto più avanzati di quelli che abbiamo visto di recente.

“È anche mia responsabilità e responsabilità della FIFA incontrare e discutere con le parti interessate”, ha aggiunto.

Ma il funzionario svizzero ha detto che le discussioni non significano sostenere il progetto.

“Ascoltare alcuni club e parlare con alcuni club, questo non significa certo che la FIFA fosse in alcun modo indietro o collusiva o pianificasse un progetto in Premier League. No”, ha detto.

Il mese scorso, 12 grandi club europei, sei della Premier League inglese, insieme ai principali club italiani e spagnoli, hanno annunciato la creazione della Super League.

Ma dopo pesanti critiche da tutto il gioco, dai governi e dai gruppi di tifosi, i sei club inglesi si sono ritirati dopo sole 48 ore e la proposta è crollata.

La FIFA ha rilasciato una dichiarazione congiunta alla fine di gennaio, dopo che sono emerse notizie sul piano, avvertendo di sanzioni contro i club che si sono divisi, incluso il divieto ai giocatori di partecipare alla Coppa del Mondo FIFA.

“A gennaio ho firmato una dichiarazione che era molto, molto chiara. L’ho firmata io stesso, sono stata la prima a firmare la dichiarazione. Sono stata molto chiara, e questo chiaramente non ha impedito ad alcuni club di andare avanti con il loro progetto.

“In quel momento, l’allontanamento era inevitabile e la divisione non è mai stata un bene per nessuno, e non c’è nessuna buona guerra di sorta.

“Ancora una volta sono stato molto chiaro e risoluto alla Conferenza UEFA (ad aprile), e l’ho detto in quel momento e lo ripeto: o partecipi o esci”.

READ  Suns-Nuggets: Chris Paul e Devin Booker riscrivono false narrazioni mentre Phoenix esce di un passo dalle finali NBA

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.