octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu potrebbe essere rovesciato dopo che i rivali Naftali Bennett e Yair Lapid hanno accettato di lavorare per formare un governo di unità nazionale

Naftali Bennett, leader del piccolo partito yemenita di destra, ha annunciato domenica sera che sta lavorando a un accordo di coalizione con Yair Lapid, il leader del partito di centro, Yesh Atid, per entrare a far parte di un nuovo governo.

È un evento sismico in La politica israelianaSe la coalizione presterà giuramento, Netanyahu finirà 12 anni come primo ministro.

In un discorso in prima serata di domenica, Bennett ha detto agli israeliani che si sarebbe unito al nuovo governo per impedire il quinto turno elettorale e “salvare il paese dalla frode”.

“Dopo quattro elezioni e altri due mesi, ha dimostrato a tutti noi che semplicemente non esiste un potenziale governo di destra guidato da Netanyahu. Si tratta o di una quinta elezione o di un governo di unità nazionale”, ha detto Bennett.

Ha respinto i suggerimenti secondo cui la coalizione, che includerebbe una vasta gamma di partiti, sarebbe un governo di sinistra, e invece ha elogiato la volontà dei potenziali partner di coalizione di consentirgli di diventare il leader di Israele.

“La sinistra sta facendo difficili concessioni per permettermi … di diventare primo ministro”, ha detto, aggiungendo che “questo governo non interromperà il collegamento, non cederà i territori e non avrà paura di lanciare un operazione militare se necessario. “

Poco dopo aver parlato Bennett, Netanyahu Ha fatto una sua dichiarazione denunciando il leader del partito Yamina come un uomo a cui non importava altro che diventare primo ministro.

Ricordando agli israeliani che prima delle elezioni di marzo, Bennett aveva detto che non avrebbe partecipato a un governo guidato da Lapid, Netanyahu ha affermato che i principi del suo avversario di destra avevano poco peso.

READ  Il Vaticano rivela di possedere più di 5.000 immobili | Vaticano

Netanyahu ha detto che Bennett stava cercando di far emergere “l’inganno del secolo”.

È ampiamente previsto che qualsiasi accordo di unità vedrebbe il primo ministro ruotare mentre Bennett si sposta al primo e al secondo posto Lapid.

Il leader di Yesh Atid Yair Lapid parla in una conferenza stampa il 6 maggio a Tel Aviv, Israele.

È un accordo insolito e unico nel suo genere per il fatto che il partito di Bennett ha vinto solo sette seggi alle ultime elezioni. Ma il suo partito è diventato uno dei responsabili della politica israeliana, poiché sia ​​Netanyahu che il blocco che sostiene il “cambiamento” hanno cercato di cooptare Bennett, poiché aveva bisogno dei suoi sette seggi per avvicinarli alla 61a maggioranza necessaria per formare un governo nel Knesset. , Il Parlamento israeliano.

La coalizione “Cambiamento” sarà probabilmente composta da partiti da destra a sinistra nella politica israeliana, ma certamente avrà ancora bisogno di un qualche tipo di sostegno esterno per raggiungere la soglia dei 61 seggi. Questo sostegno potrebbe provenire dall’esterno del governo, come uno dei partiti arabi, molto probabilmente la Lista islamica araba unita, guidata da Mansour Abbas.

E potrebbe non esserci molta unificazione come questo ampio gruppo di partiti oltre al loro desiderio di rovesciare Netanyahu. Con questioni urgenti come come Hanno mantenuto il cessate il fuoco Questo potrebbe essere un governo fragile che può essere facilmente diviso a causa delle divisioni ideologiche con i combattenti guidati da Hamas a Gaza e dell’escalation delle tensioni a Gerusalemme est e in Cisgiordania.

Lapid ora ha bisogno di raggiungere e firmare accordi di coalizione formale con tutte le parti prima di annunciare la sua coalizione, prima per il presidente di Israele e poi per il presidente della Knesset.

READ  Nigeria: uomini armati rilasciano decine di giovani studenti rapiti da scuola tre mesi fa

Il Parlamento ha quindi una settimana per votare sull’accordo di coalizione prima che il nuovo governo e un nuovo primo ministro israeliano prestino giuramento.