enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il leader dell’opposizione ha affermato che l’Occidente dovrebbe opporsi alla Russia in Kazakistan

  • Il leader dell’opposizione afferma che l’Occidente deve agire sul Kazakistan
  • Ablyazov dice che la Cina resterà dalla sua parte
  • Ablyazov afferma che Putin cerca di creare una nuova URSS
  • Ablyazov afferma che l’Occidente non finanzia le proteste

LONDRA (Reuters) – Un ex ministro che ora guida l’opposizione del Kazakistan ha detto a Reuters che l’Occidente dovrebbe tirare il Kazakistan fuori dall’orbita di Mosca o il presidente russo Vladimir Putin spingerebbe il Paese dell’Asia centrale in «una struttura come l’Unione Sovietica». .

proteste Iniziato come risposta all’aumento dei prezzi del carburante, questa settimana si è trasformato in un movimento su larga scala contro Nursultan Nazarbayev, che si è dimesso da presidente nel 2019 dopo decenni in carica, ma rimane il vero potere in Kazakistan.

Il presidente Kassym-Jomart Tokayev, il successore scelto da Nazarbayev, ha richiamato le truppe dalla Russia alleata come parte di una coalizione guidata da Mosca nota come Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO). Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Mukhtar Ablyazov, ex banchiere, ministro del governo e leader di un movimento di opposizione chiamato Scelta Democratica del Kazakistan, ha affermato che l’Occidente ha bisogno di entrare nella mischia.

«Se ciò non accade, il Kazakistan si trasformerà in Bielorussia e (il presidente russo Vladimir) Putin imporrà sistematicamente il suo programma, ricreando una struttura come l’Unione Sovietica», ha detto Ablyazov a Reuters in Russia da Parigi. L’Occidente deve strappare il Kazakistan dalla Russia.

«La Russia è già entrata e ha inviato truppe. La CSTO è la Russia. Questa è un’occupazione della Russia», ha detto.

READ  Ospedali sudcoreani sotto forte pressione poiché in un giorno sono stati registrati 7.175 casi di Covid | Corea del Sud

Non ha detto come l’Occidente dovrebbe ritirare il Kazakistan dall’orbita della Russia, o se dovrebbe essere usata la forza.

Il Kazakistan, una delle ex repubbliche sovietiche, è stretto tra Russia, Cina, Kirghizistan, Uzbekistan e Turkmenistan.

Ablyazov ha detto che la Cina starà semplicemente a guardare gli eventi in Kazakistan.

Un’auto bruciata durante le proteste scatenate dagli alti prezzi del carburante è vista su una strada ad Almaty, in Kazakistan, il 6 gennaio 2022. REUTERS/Pavel Mikheev

Ablyazov, 58 anni, condannato in contumacia in Kazakistan per frode, appropriazione indebita e organizzazione di un omicidio, vive in Francia dove gli è stato concesso lo status di rifugiato. Ha respinto le accuse contro di lui in Russia e Kazakistan come motivate politicamente.

Ha servito come ministro dell’energia negli anni ’90 sotto Nazarbayev, ma le relazioni si sono inasprite. Le autorità kazake affermano che Ablyazov ha istigato e finanziato proteste nel 2016 che hanno costretto Nazarbayev a ritardare le impopolari riforme della proprietà terriera.

«Mobili» Nazarbayev

Ablyazov scelse Nazarbayev, che era il capo del Partito comunista kazako prima di diventare presidente, come dittatore che aveva portato il popolo del Kazakistan in una situazione di stallo geopolitico, arricchendo l’élite morente.

«Nazarbayev – non nel paese ora – ma non significa nulla perché ha un telefono e connessioni – e tutti al potere, incluso Tokayev, faranno ciò che ordina», ha detto, descrivendo Tokayev come «i mobili dell’ex presidente .» «.

«Mi vedo come il leader dell’opposizione», ha detto Ablyazov. «Ogni giorno, i manifestanti mi chiamano e mi chiedono: cosa dobbiamo fare? Siamo qui: cosa dobbiamo fare?»

Ha detto che era pronto ad andare in Kazakistan per guidare un governo ad interim se le proteste dovessero intensificarsi.

“Non solo tornerò – mi chiedono quando tornerò e mi rimproverano di non essere tornato a guidare le proteste – ma la gente non capisce quanto sia difficile per me tornare perché la Russia mi ha condannato a 15 anni di carcere e Il Kazakistan è vivo», ha detto.

READ  Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu potrebbe essere rovesciato dopo che i rivali Naftali Bennett e Yair Lapid hanno accettato di lavorare per formare un governo di unità nazionale

Ablyazov ha respinto i suggerimenti secondo cui l’Occidente aveva finanziato le proteste come tentativo di distrarre l’attenzione dal fatto che le proteste avevano radici locali.

«Conosco la frase cliché sovietica su una spia occidentale», ha detto, «ma sarei felice di essere una spia americana o europea, perché così vivremmo come le persone in America o in Europa, e tutti riderebbero». «E’ un peccato che l’Occidente non mi aiuti, l’Occidente mi ostacola».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Guy Faulconbridge). Montaggio di Alex Richardson, Angus McSwan e Timothy Heritage

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.