septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il boom delle auto elettriche è una sandbox per i produttori di macchinari industriali

DETROIT (Reuters) – L’aumento degli investimenti da parte di case automobilistiche nuove e consolidate nel mercato dei veicoli elettrici è una fortuna per i produttori di attrezzature di fabbrica che forniscono pale e pale altamente automatizzate ai cercatori nella corsa all’oro per i veicoli elettrici.

I tempi buoni per i produttori di robot e altre attrezzature di fabbrica riflettono la più ampia ripresa della produzione negli Stati Uniti. Dopo un calo post-COVID a 361,8 milioni di dollari nell’aprile 2020, i nuovi ordini sono saliti a quasi 506 milioni di dollari a giugno, secondo l’US Census Bureau.

Grafica Reuters

Ecco un grafico dei nuovi ordini di produzione negli Stati Uniti: https://tmsnrt.rs/3lVyhlM

Nuove fabbriche di auto elettriche, finanziate da investitori che hanno acquisito nuove azioni ordinarie in società come EV Start-up Lucid Group Inc. (LCID.O) aumentare la domanda. “Non sono sicuro che abbia ancora raggiunto il picco. C’è ancora molto da fare”, ha affermato Andrew Lloyd, leader del segmento della mobilità elettrica presso la proprietà di Stellantis. (STLA.MI) Il fornitore Kumau ha detto in un’intervista. “Nei prossimi 18-24 mesi, ci sarà molta domanda in arrivo”.

Crescita nel settore dei veicoli elettrici guidata dal successo di Tesla Inc (TSLA.O), si aggiunge al normale lavoro svolto dai produttori di apparecchiature di produzione per supportare la produzione di veicoli a benzina.

Secondo LMC Automotive, le case automobilistiche investiranno oltre 37 miliardi di dollari negli stabilimenti nordamericani dal 2019 al 2025, con 15 dei 17 nuovi stabilimenti negli Stati Uniti. Più del 77% di questa spesa sarà destinato a progetti di SUV o veicoli elettrici.

I fornitori di apparecchiature non hanno fretta di aumentare quasi la loro piena capacità.

READ  Le azioni asiatiche scendono mentre l'inversione di tendenza della Fed torna indietro; fascia di entrate del tesoro

“C’è un punto naturale in cui diremo ‘no’ alle nuove attività”, ha affermato Lloyd di Comau. “I funzionari del settore hanno affermato che per una sola area dello stabilimento, come un negozio di vernici o una carrozzeria, la casa automobilistica potrebbe facilmente spendere ovunque da $ 200 milioni a $ 300 milioni.” .

“Wild, Wild West” “Questa industria è il selvaggio selvaggio west in questo momento”, John Casor, vicepresidente del segmento automobilistico e pneumatici di Rockwell Automation(Repubblica della Corea del Nord)a Reuters. “C’è una folle corsa per portare sul mercato queste nuove varianti elettriche”. Le case automobilistiche hanno firmato accordi per i fornitori per costruire attrezzature per 37 veicoli elettrici tra quest’anno e il 2023 in Nord America, secondo il consulente del settore Laurie Harbor. Sono esclusi tutti i lavori eseguiti su veicoli a benzina.

“C’è ancora una pipeline con progetti di nuovi produttori di veicoli elettrici”, ha affermato Matthias Christine, portavoce di Durr AG. (DUEG.DE), specializzata in attrezzature per officine di verniciatura, ha visto aumentare la propria attività di veicoli elettrici di circa il 65% lo scorso anno. “Ecco perché non abbiamo ancora visto il picco.”

Ordini ricevuti da Kuka AG, una società di automazione manifatturiera di proprietà del gruppo cinese Midea (000333.SZ), è aumentato del 52% nella prima metà del 2021 a poco meno di 1,9 miliardi di euro (2,23 miliardi di dollari), il secondo livello di 6 mesi più alto nella storia dell’azienda, a causa della forte domanda in Nord America e Asia.

“Circa un anno e mezzo fa abbiamo esaurito la capacità di svolgere qualsiasi lavoro aggiuntivo”, ha affermato Mike LaRose, CEO di Kuka’s. (KU2G.DE) Gruppo automobilistico nelle Americhe. “Sono tutti così occupati, non c’è spazio sul pavimento.”

READ  L'Australia firma accordi per Facebook e Google con un nuovo sistema di licenze

KUKA costruisce carrelli elettrici per General Motors (GM.N) Nel suo stabilimento in Michigan a Aiutaci a soddisfare la domanda iniziale 1 prima che la casa automobilistica statunitense sostituisca l’attrezzatura nel suo stabilimento di Ingersoll, in Ontario, l’anno prossimo per gestire il lavoro regolare. Le case automobilistiche e le aziende produttrici di batterie devono ordinare con 18 mesi di anticipo tutti i robot e le altre apparecchiature di cui hanno bisogno, sebbene Neil Dwecky, Vice President of Automotive di Fanuc Corp. (6954.T) Operazioni negli Stati Uniti, hanno affermato che i clienti vogliono le loro attrezzature prima. Questo è chiamato “effetto Amazon” nel settore.

“Abbiamo costruito una struttura e abbiamo quasi 5.000 robot su scaffali impilati alti 200 piedi, quasi a perdita d’occhio”, ha affermato Dewey, che ha notato che Fanuc America ha stabilito record di vendite e quote di mercato lo scorso anno.

Il COVID sta causando problemi e ritardi anche ad alcune case automobilistiche che cercano di prepararsi.

RJ Scaringe, CEO di EV Startup Rivian, ha dichiarato in una lettera ai clienti il ​​mese scorso che “tutto, dalla costruzione di strutture, all’installazione di apparecchiature, alla fornitura di componenti per veicoli (in particolare semiconduttori) è stato colpito dalla pandemia”.

Tuttavia, vecchi clienti come General Motors, fornitore di componenti e produttore a contratto Magna International (MG.TO) Hanno detto di non aver subito ritardi nella ricezione dell’attrezzatura.

I funzionari del settore hanno affermato che l’altro fattore limitante della capacità è la persistente carenza di manodopera. Per evitare tensioni, start-up come Fisker Inc (FSR.N) Si sono rivolti a produttori a contratto come Magna e Foxconn(2354.TW)il cui potere d’acquisto consente loro di evitare carenze più facilmente, ha affermato il CEO Henrik Fisker. Tuttavia, l’aumento della domanda non significa che questi produttori di apparecchiature si stiano affrettando ad espandere la capacità. Secondo Lloyd, avendo sperimentato periodi di recessione in cui sono stati costretti a effettuare tagli, i fornitori di attrezzature vogliono fare ciò che hanno o, nel caso di Comau, semplicemente aggiungere capacità a breve termine. “Tutti hanno paura di essere colpiti”, ha affermato Mike Tracy, direttore della società di consulenza Agile Group. “Non hanno la capacità di riserva che avevano un tempo.”

READ  Il potenziale piano "compra ora, paga dopo" di Apple sta facendo crollare il settore

(Ben Klayman riferisce a Detroit). Segnalazione aggiuntiva di Joseph White; Montaggio di Dan Grebler

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.