septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I prezzi alla produzione della Cina sono aumentati di più dal 2008, riducendo i profitti

I lavoratori controllano bobine di fogli di alluminio in una fabbrica a Wuhan, in Cina.

STR | AFP | Getty Images

PECHINO – L’indice dei prezzi alla produzione cinese è aumentato del 9% a maggio rispetto a un anno fa, a causa dell’impennata dei prezzi delle materie prime, ha dichiarato mercoledì l’Ufficio nazionale di statistica.

Si tratta dell’aumento più rapido dei costi di produzione dal settembre 2008, quando l’indice è aumentato del 9,13%, secondo Wind Information.

Mentre i guadagni hanno superato le aspettative per un aumento dell’8,5 percento, secondo un sondaggio Reuters, l’aumento è venuto da una base bassa. L’indice è sceso del 3,7% a maggio 2020, durante i primi mesi dell’epidemia di Corona virus.

I prezzi elevati delle materie prime sono una preoccupazione particolare per le aziende coinvolte nei materiali da costruzione, così come nel ferro e nell’acciaio, ha affermato Gan Ji, professore di finanza e direttore accademico dei programmi MBA presso la Cheung Kong Business School di Pechino.

“Queste società sono più pessimiste. Vedono un forte aumento dei costi e pensano che continuerà fino alla fine dell’anno”, ha detto mercoledì, osservando che altre società si aspettano che i prezzi tornino presto alla normalità. Questo si basa sul follow-up del suo team la scorsa settimana di un sondaggio di oltre 2.000 aziende cinesi nel settore industriale.

L’indagine preliminare condotta a fine marzo e aprile ha rilevato che il sentiment delle imprese è rimasto invariato nel primo trimestre rispetto al trimestre precedente. Tuttavia, lo studio ha rilevato che la percentuale di aziende che riportano un margine di profitto lordo inferiore al 15% è salita a circa il 70%.

READ  Jeff Bezos pronuncia le parole di commiato mentre Richard Branson si prepara per il suo lancio nello spazio

“Sono decisamente sotto pressione”, ha detto Gan. “Alcune aziende hanno persino affermato di non poter accettare ordini in questo momento, perché più producono, più perdono denaro. Il loro utile netto è in numeri negativi”.

Maggiori informazioni sulla Cina da CNBC Pro

Nelle ultime settimane, il governo centrale cinese ha annunciato Supporto aggiuntivo per le piccole impreseParticolarmente colpiti dai prezzi elevati delle materie prime.

L’impatto sulle medie e piccole imprese è “abbastanza grande”, ha detto ai giornalisti la scorsa settimana in cinese mandarino Wang Jianping, viceministro del Ministero dell’industria e della tecnologia dell’informazione.

Ha notato che il margine di profitto operativo del 6% nei primi quattro mesi dell’anno era di due punti percentuali inferiore al margine di profitto operativo per le grandi organizzazioni, un divario che sta crescendo.

La dichiarazione dei dati di mercoledì ha mostrato che i prezzi sono quasi raddoppiati, con un aumento del 99,1%, nell’industria cinese dell’estrazione di petrolio e gas naturale, e sono aumentati del 34,3% nella lavorazione di petrolio, carbone e combustibili.

I costi per i consumatori privati ​​sono invece aumentati solo di poco. Il Census Bureau ha dichiarato mercoledì che l’indice dei prezzi al consumo è aumentato dell’1,3% su base annua a maggio, deludendo le aspettative di un aumento dell’1,6%. Indice abbassato di a I prezzi del maiale scendonoDopo aver aumentato il loro numero negli ultimi due anni.

Paure della guerra commerciale

I produttori cinesi stanno anche affrontando pressioni da un previsto calo degli acquisti all’estero. L’aumento delle esportazioni, guidato dalla domanda globale di maschere per il viso e altri beni legati alla salute, ha contribuito a rilanciare l’economia cinese lo scorso anno durante l’apice della pandemia di coronavirus.

Per ora, ha detto Gan, le aziende stanno assorbendo i costi e non tagliando la manodopera. Tuttavia, ha detto che si aspettano produttori cinesi Gli ordini esteri sono in lieve calo, anche se la domanda esterna alla fine rimane la stessa.

“In generale, le persone non sono sicure di cosa stia succedendo fuori”, ha detto. Uno è il Covid e l’altro è la guerra commerciale e il sentimento pubblico contro le aziende cinesi.

Le tensioni tra la Cina e il suo più grande partner commerciale, gli Stati Uniti, sono aumentate negli ultimi tre anni poiché entrambi i paesi hanno imposto tariffe sulle merci dall’altro. Le esportazioni cinesi negli Stati Uniti sono cresciute a maggio rispetto al mese precedente, ma le importazioni sono diminuite.

Inoltre, un importante accordo di investimento tra Cina ed Europa che si è avvicinato alla conclusione alla fine dell’anno scorso ora Sembra improbabile che raggiunga il completamento A causa delle sanzioni imposte da ciascuna parte per presunte violazioni dei diritti umani.