octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Govt-19, chi tra i lavoratori è il primo ad essere vaccinato? Lezioni dalla crisi italiana

Il COVID-19 Le epidemie e i blocchi attuati in molti paesi sono costati di più alla popolazione: la crisi sanitaria e socio-economica integrata, l’economia globale ridotta del 4,3% entro il 2020 e i 130 milioni di persone che muoiono di fame a causa della crisi economica globale.

I programmi di distribuzione strategica dei vaccini generalmente seguono le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità. In molti paesi europei, la popolazione è prioritaria in base a una serie di criteri di rischio legati all’età, al lavoro e alla salute. Le linee guida per le persone sane a basso rischio di età inferiore ai 60 anni in genere non forniscono criteri prioritari, creando la stragrande maggioranza della forza lavoro fondamentale necessaria per rilanciare l’economia.

Un nuovo studio dei ricercatori della IMD School for Advanced Studies Luke propone un criterio per stabilire un ordine di priorità nella somministrazione dei vaccini Govit-19 nella fase più avanzata della campagna vaccinale, poiché gli anziani e le persone vulnerabili sono già vaccinati. Secondo i ricercatori della scuola IMD, la politica trainante dovrebbe essere quella di essere lavoratori essenziali, beneficiari di regimi di garanzia salariale e lavoratori ad alto rischio di disoccupazione a ricevere i seguenti vaccini. Ciò porterà a un ritorno al lavoro ea un rilancio dell’economia, con un’allocazione efficiente dei fondi pubblici e una riduzione delle future perdite di posti di lavoro.

L’analisi condotta nello studio si basa su un database che integra dati su migrazione umana, sovraffollamento, lavoratori licenziati, condizioni meteorologiche e altre variabili economiche. L’impatto causale dei controlli di movimento e dei blocchi è stato valutato utilizzando le condizioni meteorologiche come fonte esterna di variazione.

READ  Gli anziani si riferiscono a ottobre come "Mese della tradizione e della cultura italoamericana"

Lo studio mostra che un calo dell’1% della mobilità, con le restrizioni imposte durante il blocco, rappresenta un calo dello 0,6% dei decessi per sovraffollamento il mese prossimo. Ma, d’altra parte, un calo dell’uno per cento della mobilità umana porterà a un aumento del 10 per cento del fondo di garanzia salariale (WGF) il prossimo mese. Questo effetto è più pronunciato durante il primo bloccaggio e diminuisce gradualmente dal primo quando i controlli sono rilassati. L’analisi suggerisce che la vaccinazione dovrebbe essere una priorità per i lavoratori essenziali che non sono qualificati per il lavoro a distanza. Questa strategia aiuterà ad aumentare la mobilità e quindi aiutare l’economia riducendo la mortalità in eccesso.

C’è un altro aspetto da considerare: da luglio 2021, il Regolamento UE sulla Certificazione Digital Covit consente ai cittadini UE di ottenere la certificazione Covid-19, che in linea di principio dovrebbe facilitare la libera circolazione tra gli Stati membri dell’UE. Alcuni paesi europei introducono la certificazione COVID-19 non solo per motivi di viaggio, ma anche come requisito per entrare in spazi pubblici interni, partecipare a eventi, accedere a ristoranti e, come l’Italia, garantire l’accesso al posto di lavoro. A questo proposito, l’Italia ha già reso obbligatoria la certificazione per i dipendenti di scuole e università, e sta valutando se sia obbligatoria anche per altri settori del lavoro pubblici e privati. È anche più appropriato tenere conto della condizione occupazionale della popolazione e del rischio di disoccupazione nella somministrazione della dose del vaccino, poiché i lavoratori non vaccinati in categorie e paesi più professionali potrebbero presto essere soggetti a restrizioni simili.

“I pro e i contro delle politiche di blocco sono discussi in letteratura. In questo studio, forniamo la migliore prova dei vantaggi del blocco italiano nel ridurre le morti eccessive. Tuttavia, documentiamo anche i co-danni del blocco in termini di rischio di disoccupazione. Decidiamo che i blocchi dovrebbero essere evitati “, ha affermato Massimo Riccaponi, professore di economia presso la Scuola IMD e autore del documento.

READ  I funzionari dell'UE non sono protetti dalla forza della rivendicazione radicale dell'Italia | La voce dell'America

Per quanto riguarda la breve disponibilità di vaccini e la loro distribuzione ottimale, i risultati dello studio sono particolarmente rilevanti per i paesi a medio e basso reddito, dove la quota di persone completamente vaccinate contro il Covid-19 è significativamente inferiore rispetto ai paesi ad alto reddito , compreso tra l’1 e il 30 percento. La futura ricerca degli autori sarà dedicata alla comprensione di come influenza il rischio occupazionale e le campagne di vaccinazione in altri paesi e in vari settori dell’economia.

Nota: “Vaccino COVID-19 e rischio disoccupazione: lezioni dalla crisi italiana” 17 settembre 2021, Rapporti scientifici.
DOI: 10.1038 / s41598-021-97462-6