septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati hanno calcolato la probabilità di un’altra pandemia a livello di COVID

Le statistiche non sono la tazza di tè di tutti. Può essere complicato e i cattivi attori possono Scegli le ciliegie a loro piacimentoA volte possono dirci cose che non vogliamo sapere.

Ad esempio, un nuovo studio statistico ha scoperto che le grandi epidemie sono più comuni di quanto ci si potrebbe aspettare. In effetti, il team ha scoperto che a pandemia Con un livello di influenza simile a COVID-19 Ha una probabilità del 2% che si verifichi ogni anno.

Quando lo aggiungi per tutta la vita, significa che abbiamo il 38% di possibilità di provarne uno grande almeno una volta, e le probabilità sembrano peggiorare nel tempo.

“Il takeaway più importante sono quelle grandi epidemie come COVID-19 e influenza spagnola Relativamente probabile,” Lo ha affermato il ricercatore globale sulla salute ambientale della Duke University William Bann.

Il team ha esaminato il record storico delle epidemie dal 1600 ad oggi. Hanno trovato 476 epidemie documentate, circa la metà delle quali ha avuto un numero noto di vittime. Circa 145 hanno causato meno di 10.000 morti, mentre altri 114 sappiamo che esistono, ma non il numero dei decessi.

È importante sottolineare che le malattie infettive attualmente attive sono state escluse dall’analisi, ovvero nessun COVID-19, virus dell’immunodeficienza umana, o malaria.

Il team ha utilizzato una modellazione dettagliata con A Distribuzione paretiana generalizzata Per analizzare i dati, è stato riscontrato che il numero annuale di epidemie è altamente variabile ed estremo Epidemico Come il influenza spagnola Dal 1918 al 1920 era probabile che si fosse verificato da qualche parte tra lo 0,3 e l’1,9 percento ogni anno negli ultimi 400 anni.

READ  I funzionari affermano che il tasso di positività sta calando leggermente nella contea di Orange

“Il lento deterioramento della probabilità con la gravità dell’epidemia significa che le epidemie gravi sono relativamente probabili, una caratteristica precedentemente non rilevata a causa di brevi registrazioni osservative e metodi di analisi consolidati”, La squadra scrive sul giornale.

Ma anche questa non è una possibilità fissa: sta aumentando.

Negli ultimi 50 anni, abbiamo assistito a un aumento dei livelli di nuovi agenti patogeni che circolano nell’uomo. SARS-CoV-2 è l’esempio più ovvio, ma anche negli ultimi decenni abbiamo l’influenza suina e l’influenza aviaria, EbolaDi più, anche di più.

“Insieme alle recenti stime di un aumento dei tassi di incidenza di malattie da serbatoi animali associati al cambiamento ambientale”, squadra scrive, “Questo risultato indica un’alta probabilità di osservare epidemie simili a COVID-19 (la probabilità di esposizione ad esso nel corso della sua vita è attualmente di circa il 38 percento), che potrebbe raddoppiare nei prossimi decenni”.

Quindi, anche se ci riprendiamo da un’epidemia esistente, è importante non presumere che non vedremo un’altra pandemia che cambierà la vita abbastanza presto.

In effetti, se giochiamo bene le nostre carte, la nostra risposta e le nostre risorse al COVID-19 possono prepararci per la prossima pandemia.

“Ciò sottolinea l’importanza di una risposta tempestiva alle epidemie di malattie e dello sviluppo di capacità per la sorveglianza epidemiologica a livello locale e globale, nonché per l’impostazione di un’agenda di ricerca per capire perché le grandi epidemie sono più comuni”, Divieto ha detto.

Se le statistiche hanno qualcosa a che fare con questo, la prossima pandemia sta arrivando, speriamo solo di non dimenticare il passato.

La ricerca è stata pubblicata in PNAS.