agosto 14, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli Emirati Arabi Uniti sospendono un accordo di armi multimiliardario in segno di crescente frustrazione per lo stallo tra Stati Uniti e Cina

«Gli Emirati Arabi Uniti hanno informato gli Stati Uniti che sospenderanno le discussioni per acquisire l’F-35», ha detto un funzionario degli Emirati alla CNN. «I requisiti tecnici, i vincoli operativi sovrani e l’analisi costi/benefici hanno portato alla rivalutazione».

Il funzionario ha aggiunto: «Gli Emirati Arabi Uniti e gli Stati Uniti stanno lavorando per un’intesa che affronti le condizioni di sicurezza della difesa reciproca per l’acquisizione». «Gli Stati Uniti rimangono il fornitore preferito degli Emirati Arabi Uniti di requisiti di difesa avanzati e le discussioni sull’F-35 potrebbero riaprire in futuro».

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che la Casa Bianca rimane «impegnata» nell’accordo, che è visto come una pietra angolare dell’accordo dell’agosto 2020 per normalizzare le relazioni diplomatiche tra Emirati Arabi Uniti e Israele. L’accordo – che includerebbe armi statunitensi più avanzate trasferite in un paese arabo – è stato in rotta di collisione da allora, con i politici statunitensi che sollevano preoccupazioni sull’accordo.

Sempre martedì, il segretario stampa del Pentagono, John Kirby, ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a lavorare con gli Emirati Arabi Uniti per affrontare le preoccupazioni di entrambi i paesi. «La partnership degli Stati Uniti con gli Emirati Arabi Uniti è più strategica e più complessa di qualsiasi vendita di armi», ha affermato Kirby in un comunicato stampa. «Insisteremo sempre, per quanto riguarda i requisiti legali e la politica, su una varietà di requisiti dell’utente finale. Questo è tipico».

Ha aggiunto che «i requisiti degli utenti finali e la protezione delle attrezzature di difesa statunitensi sono globali, non negoziabili e non specifici degli Emirati Arabi Uniti».

La sospensione dello storico accordo arriva il giorno dopo che il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha incontrato il leader di fatto degli Emirati Arabi Uniti, il principe ereditario di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed, nella capitale degli Emirati. Questa è stata la prima visita ufficiale di un leader israeliano nello stato del Golfo.

READ  La bozza di accordo COP26 pubblicata l'ultimo giorno contiene un linguaggio debole ma senza precedenti sui combustibili fossili

«Come abbiamo recentemente sottolineato al Dubai Air Show, l’amministrazione Biden-Harris rimane impegnata nelle vendite proposte di F-35, MQ-9B e munizioni anche se continuiamo le consultazioni per assicurarci di avere una chiara comprensione reciproca degli obblighi degli Emirati Arabi Uniti e le procedure prima, durante e dopo la consegna», ha detto un portavoce. A nome del Ministero degli Affari Esteri.

Il governo degli Stati Uniti ha ripetutamente spinto gli Emirati Arabi Uniti a eliminare la società cinese Huawei Technologies dalla sua rete di telecomunicazioni, sostenendo che la tecnologia potrebbe rappresentare un rischio per la sicurezza dei suoi sistemi d’arma.

«L’F-35 è il gioiello nella corona degli Stati Uniti, per la nostra Air Force, e quindi dobbiamo essere in grado di proteggere la sicurezza tecnologica di tutti i nostri partner», ha detto il vice assistente segretario di Stato per la sicurezza regionale Mira Resnick CNN. Becky Anderson la scorsa settimana, in risposta a una domanda sul fatto che gli Emirati Arabi Uniti debbano scegliere tra Huawei e F-35.

«Queste sono le conversazioni che abbiamo avuto con gli Emirati sulle scelte che possono fare ora per assicurarsi che possano far parte del programma F-35», ha aggiunto Resnick.

Ma i funzionari degli Emirati sono stati scettici sulle accuse degli Stati Uniti sulla potenziale violazione della sicurezza e hanno espresso preoccupazione per essere coinvolti in una «nuova guerra fredda» tra un importante partner commerciale e un alleato strategico chiave. «Ciò che ci preoccupa è questa linea sottile tra la forte concorrenza (tra Cina e Stati Uniti) e la nuova Guerra Fredda», ha dichiarato la scorsa settimana Anwar Gargash, consigliere diplomatico della leadership degli Emirati, in un commento all’Arab Gulf States Institute di Washington. . . «Perché penso che noi, come un piccolo Paese, saremo influenzati negativamente da questo, ma non avremo la possibilità in alcun modo di influenzare questa competizione anche in modo davvero positivo».

In queste dichiarazioni, Gargash ha anche detto rapporti confermati Che gli Emirati Arabi Uniti hanno chiuso una struttura cinese a causa dei sospetti statunitensi che fosse utilizzata per scopi militari, nonostante il disaccordo degli Emirati Arabi Uniti con la caratterizzazione statunitense del sito. «L’opinione degli Emirati Arabi Uniti era che queste particolari strutture non potevano in alcun modo essere interpretate come installazioni militari», ha affermato Gargash. Ma gli Stati Uniti avevano le loro preoccupazioni e abbiamo preso in considerazione queste preoccupazioni americane e abbiamo interrotto i lavori su queste strutture.

«Ma la nostra posizione non è cambiata. Queste strutture non erano realmente installazioni militari», ha aggiunto. «Ma poi di nuovo, hai avuto le preoccupazioni del tuo principale alleato, e penso che sarebbe sciocco non affrontare le preoccupazioni del tuo alleato.»

READ  Corea del Norte envía ayuda a 800 familias que padecen epidemia intestinal

Una delegazione militare degli Emirati Arabi Uniti è prevista per domani in visita al Pentagono, secondo Kirby, addetto stampa del Pentagono. Sebbene l’incontro non avrebbe dovuto riguardare la vendita dell’F-35, è quasi certo che avrà luogo, ha affermato.

«L’incontro non è stato progettato per parlare di una vendita militare», ha detto. «È stato progettato per parlare dell’ampia portata della nostra relazione di difesa con gli Emirati Arabi Uniti. Ma mi aspetto che questo sia qualcosa da cui trarremo vantaggio dall’opportunità di parlare con loro delle loro preoccupazioni, oltre a condividere le nostre preoccupazioni sul taglio del prezzo.»

Mustafa Salem e Celine Al-Khalidi hanno riferito da Abu Dhabi. Jennifer Hansler e Oren Lieberman hanno riferito da Washington. Tamara Keblawi ha scritto da Londra.