octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli analisti vedono un rally prolungato mentre l’OPEC si attiene ai piani

Il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman Al Saud, parla tramite collegamento video durante una riunione virtuale di emergenza dei paesi OPEC e non OPEC, a seguito dello scoppio della malattia da coronavirus (COVID-19), a Riyadh, in Arabia Saudita, il 9 aprile 2020.

Agenzia di stampa saudita | Reuters

LONDRA – I prezzi del petrolio sono balzati ai massimi pluriennali poco dopo che un gruppo dei più potenti produttori mondiali di petrolio è stato scelto a fronte di un massiccio eccesso di offerta.

Gli analisti energetici ora ritengono che i prezzi del greggio potrebbero essere destinati a salire verso i 100 dollari al barile.

L’OPEC e i suoi partner non OPEC, un gruppo denominato collettivamente OPEC+, hanno dichiarato lunedì che si atterranno al suo attuale accordo su un graduale aumento dell’offerta di petrolio.

OPEC + Lei disse Aveva “riconfermato il piano di adeguamento della produzione” in un comunicato pubblicato online poco dopo colloqui ministeriali relativamente rapidi. Questo si riferisce alla sua decisione precedentemente concordata di aggiungere 400.000 barili al giorno al mercato per il mese di novembre.

La decisione del gruppo sulla politica di produzione era ampiamente attesa, anche se alcuni speravano che le pressioni di Stati Uniti e India per domare gli alti prezzi del petrolio sarebbero state sufficienti per convincere il gruppo a fornire maggiori forniture.

standard internazionale Brent I futures sul petrolio greggio sono stati scambiati a 81,74 dollari al barile martedì mattina, in aumento di oltre lo 0,5% per la sessione Stati Uniti intermedi del Texas occidentale I futures erano a $ 77,92, in aumento di quasi lo 0,4%.

I futures sul greggio Brent sono saliti del 2,5% per chiudere lunedì a 81,26 dollari, raggiungendo il livello di regolamento più alto degli ultimi tre anni. Il greggio West Texas Intermediate è salito del 2,3% per terminare la sessione precedente a 77,62 dollari, raggiungendo il livello di regolamento più alto in quasi sette anni.

READ  Come un diciottenne ha ottenuto un posto sul primo volo con equipaggio di Jeff Bezos di Blue Origin

Entrambi i contratti petroliferi sono in rialzo di circa il 60% dall’inizio dell’anno.

“Il mercato è pieno di fiducia”, ha affermato Tamas Varga, capo analista di PVM Oil Associates, in una nota di ricerca martedì. La domanda è se questo ottimismo è giustificato o meno”.

Le piattaforme petrolifere lavorano su piattaforme nel lago Gaoyu a Gaoyou, nella provincia di Jiangsu, nella Cina orientale, venerdì 17 settembre 2021.

Barcroft Media | Getty Images

L’OPEC+ ha concordato a luglio di aumentare la produzione di 400.000 barili al mese almeno fino ad aprile 2022 per eliminare gradualmente 5,8 milioni di barili al giorno dei tagli alla produzione esistenti.

La ripresa della domanda mondiale di petrolio dalla pandemia di coronavirus è stata più rapida di quanto molti si aspettassero, mentre le forniture globali sono state interrotte dagli uragani e dalla riduzione degli investimenti.

Mentre il commercio del greggio Brent sopra gli 80 dollari “potrebbe sentirsi a proprio agio”, Varga ha affermato che i prezzi sono “visto a disagio solo fino all’arrivo della prima ondata di freddo nell’emisfero settentrionale, creando ulteriore domanda e innescando un nuovo attacco di acquisto”.

A breve termine, Varga ha affermato che lo sfondo attuale è che “c’è ancora spazio per essere al rialzo”.

100 dollari di petrolio?

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha precedentemente invitato l’OPEC e i suoi alleati Per aumentare la produzione di petrolio per contrastare i prezzi elevati della benzina. La mossa è arrivata tra le preoccupazioni che l’aumento dell’inflazione potrebbe ostacolare la ripresa economica dalla pandemia di coronavirus.

Anche l’India, un altro grande consumatore di petrolio, ha spinto l’OPEC a considerare maggiori forniture per garantire prezzi adeguati sia ai produttori che ai consumatori.

Kieran Clancy, un esperto di materie prime presso Capital Economics, ha riconosciuto che si stanno accumulando pressioni sull’OPEC+ per riportare le forniture sul mercato più rapidamente. “Riteniamo che il loro rifiuto di farlo significhi che il mercato rimarrà in deficit nel quarto trimestre, il che indica che i prezzi del petrolio rimarranno elevati almeno per il resto di quest’anno”.

Forse la domanda più importante è se l’OPEC+ sarà in grado di raggiungere anche questi obiettivi meno ambiziosi, ha affermato Clancy.

“L’OPEC ha gestito meno della metà dell’aumento pianificato della produzione ad agosto”, ha aggiunto [the latest available data], in gran parte a causa di interruzioni delle operazioni in Angola e Nigeria. E se la produzione continua a scendere al di sotto degli obiettivi del gruppo, i prezzi del petrolio potrebbero rimanere alti anche il prossimo anno”.

Il mese scorso, gli analisti della Bank of America Global Research hanno affermato che la banca potrebbe anticipare il suo obiettivo di prezzo del petrolio di $ 100 al barile se le temperature sono più fresche del previsto durante l’inverno, Secondo Reuters. Secondo quanto riferito, gli analisti hanno affermato che questa possibilità potrebbe aumentare la domanda e ampliare il deficit di offerta.

Separatamente, gli analisti di Goldman Sachs hanno recentemente aumentato le loro previsioni sul prezzo del Brent di fine anno a $ 90 al barile, da $ 80, citando una ripresa più rapida del previsto della domanda globale.

“Sembra che i membri dell’OPEC non considerino l’aumento dei prezzi come un problema critico al momento”, hanno affermato gli analisti energetici della società di consulenza sul rischio Eurasia Group in una nota di ricerca. “Tuttavia, l’Arabia Saudita, il più grande esportatore di petrolio al mondo, ha iniziato ad abbassare il prezzo di vendita ufficiale ai suoi clienti principali e probabilmente allevierà le preoccupazioni per i futures del greggio Brent che salgono a 80 dollari al barile o più”.

Dal lato della domanda, gli analisti energetici di Eurasia Group hanno affermato che il rallentamento industriale in Cina, il crollo del gigante immobiliare Evergrande, le crescenti pressioni inflazionistiche e le interruzioni del COVID-19 in tutto il mondo potrebbero minare la crescita della domanda di petrolio nei prossimi 12 mesi.

A breve termine, hanno aggiunto, il ripetersi del freddo inverno in tutto l’emisfero settentrionale “potrebbe causare significative carenze di approvvigionamento energetico in molti dei principali centri industriali”.

Eurasia Group prevede prezzi del greggio Brent a 75 dollari al barile fino alla fine dell’anno, con il contratto petrolifero che dovrebbe scendere a 67 dollari l’anno prossimo.