junio 29, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Djokovic si dirige a Belgrado dopo essere stato espulso dall’Australia

Dubai, Emirati Arabi Uniti (AFP) – Novak Djokovic si sarebbe recato in Serbia lunedì dopo essere stato espulso dall’Australia a causa della vaccinazione contro il COVID-19, ponendo fine alle speranze del tennista di alto livello maschile di difendere il suo titolo degli Australian Open.

Un aereo Emirates che lo trasportava dall’Australia è atterrato a Dubai nelle prime ore di lunedì mattina, e Djokovic è stato poi visto su un aereo che sarebbe dovuto atterrare nella capitale serba Belgrado alle 12:10 CET. Domenica i suoi avvocati hanno sostenuto in un tribunale australiano che dovrebbe essere autorizzato a rimanere nel paese e partecipare al torneo con un’esenzione medica a causa dell’infezione con il virus Corona il mese scorso.

Djokovic Ha vinto nove titoli dell’Australian Open, di cui tre di fila, e un totale di 20 titoli del Grande Slam in singolo, e ha pareggiato con i rivali Roger Federer e Rafael Nadal per il massimo nella storia del tennis maschile. Federer non sta giocando mentre si sta riprendendo dall’infortunio e Nadal è l’unico ex campione dell’Australian Open nel torneo. che è iniziato lunedì.

Djokovic gode di un sostegno schiacciante nella sua nativa Serbia Dove vive la sua famiglia più vicina. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha accusato il governo australiano di aver «molestato» la stella del tennis di alto livello e lo ha esortato a tornare dove è accolto.

Djokovic era risultato positivo al coronavirus a Belgrado il 16 dicembre, che ha usato come scusa per entrare in Australia, ma il suo visto è stato inizialmente revocato. Il 6 gennaio un funzionario di frontiera ha stabilito che non si qualificava per un’esenzione medica dalle regole australiane per i visitatori non vaccinati.

READ  Immagine dei playoff della NFL 2021: ecco 14 squadre previste nei playoff con i Rams e i Bengals come vincitori di divisione

Ha vinto un appello per rimanere nel torneo, ma in seguito il ministro dell’immigrazione australiano gli ha revocato il visto. Tre giudici della corte federale hanno deciso all’unanimità domenica di confermare il diritto del ministro dell’immigrazione di annullare il visto di Djokovic.

La vaccinazione durante la pandemia è stata un requisito per chiunque abbia partecipato agli Australian Open, siano essi giocatori, allenatori o chiunque sia sul sito del torneo. Oltre il 95% dei primi 100 uomini e donne nei loro round di valutazione sono stati vaccinati. Almeno due uomini – l’americano Tennys Sandgren e il francese Pierre Hughes Herbert – hanno saltato il primo major dell’anno a causa dei requisiti del vaccino.

Il tentativo di Djokovic di ottenere l’esenzione medica per non essere stato vaccinato ha suscitato indignazione In Australia, dall’inizio della pandemia sono stati in atto rigidi blocchi nelle città e restrizioni ai viaggi internazionali per cercare di controllare la diffusione del coronavirus.

Ma Djokovic ha un sostegno schiacciante nel suo paese d’origine, la Serbia, e il presidente Aleksandar Vucic ha affermato che l’udienza in tribunale in Australia è stata «una farsa con molte bugie».

«Pensano di aver insultato Djokovic con queste molestie per 10 giorni e si sono già umiliati. Se dici che una persona che non è stata vaccinata non ha il diritto di entrare, Novak non verrà o sarà vaccinato, Vucic ha detto ai giornalisti.