septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Dai il benvenuto a Spotted Skunk Highlights, “Acrobati nel mondo Skunk”

Incontra la puzzola maculata, gli “acrobati del mondo delle puzzole”. Gli scienziati hanno scoperto che ce ne sono più di queste specie di quanto pensassero, secondo una nuova ricerca.

Di recente, il numero concordato era quattro. Ma un nuovo studio pubblicato mercoledì sul Journal of Molecular Genetics and Evolution ha detto che ci sono sette specie di puzzola maculata.

“Il Nord America è uno dei continenti più studiati in termini di mammiferi e i carnivori sono uno dei gruppi più studiati”, ha affermato l’autore dello studio Adam Ferguson, uno dei gruppi Negaunee. “Tutti pensano che sappiamo tutto sui sistemi dei mammiferi carnivori, quindi essere in grado di ridisegnare l’albero genealogico della puzzola è molto eccitante”.

La puzzola maculata è il parente più piccolo della puzzola a strisce comune. Circa delle dimensioni di uno scoiattolo, questi sfuggenti carnivori vivono in tutto il Nord America. E quando è il momento di spaventare un predatore, questi piccoli si alzano sulle mani e danno un calcio alle zampe posteriori.

“Quando sono stressati, saltano sull’arto anteriore e poi danno un calcio all’arto posteriore, soffiano la coda e possono effettivamente camminare verso un predatore, come facendoli sembrare più grandi e più intimidatori”, dice Ferguson. Lei disse.

Le puzzole di solito si mettono a quattro zampe per prendere il colpo mortale e controllare lo spray puzzolente. Anche la loro bassa statura non impedisce a queste creature di resistere al combattimento.

Uno studio pubblicato nel 2013 includeva a video Una puzzola maculata occidentale sta sulle sue mani e affronta un leone di montagna sopra la carcassa di una gazzella. Per riferimento, le puzzole maculate pesano in genere meno di 2 libbre (0,9 chilogrammi).

Ferguson ha detto che è solo un altro esempio della loro audacia, qualcosa che ama delle puzzole in generale.

READ  Il buco nero avvolge lo spazio così tanto che gli astronomi vedono la luce dietro di esso

Mentre la puzzola a strisce comune ha reso nota la sua presenza nelle aree urbane, così come nei loro habitat naturali, le puzzole a strisce non hanno fatto le stesse scoperte e come tali rimangono in gran parte nascoste. Queste creature “ambientalmente criptiche” vivono in ambienti densi e aree remote e sembrano meno capaci di adattarsi all’urbanizzazione rispetto alle loro controparti più grandi e a strisce, ha detto Ferguson.

A causa della loro agilità, le puzzole maculate sono grandi scalatori e sono più carnivore di altre puzzole, nutrendosi di uova di uccelli, lucertole, serpenti e roditori. I gufi bighorn sono il principale predatore.

Il fatto che le puzzole maculate siano così brave a tenerle d’occhio le rende più difficili da studiare. Dalla scoperta della prima puzzola maculata nel 1758, gli scienziati si sono chiesti quante specie ci siano. Nel corso degli anni, le differenze osservate tra alcune puzzole maculate hanno portato i ricercatori a credere che ne esistano solo due e fino a 14 specie.

L’identificazione della presenza di sette specie è dovuta all’analisi dei dati genetici della puzzola maculata. Ma prima, Ferguson aveva bisogno di campioni da studiare. La caccia alle puzzole non è il lavoro più semplice: Ferguson e i suoi colleghi hanno fatto sei viaggi in Messico mentre cercavano puzzole maculate e non ne hanno mai catturata una. E se ne intrappoli uno, sei destinato a essere spruzzato.

“Lo chiamiamo il profumo del successo perché significa che ne abbiamo già avuto uno, e questo è l’obiettivo finale”, ha detto Ferguson.

Ferguson è stato ispirato a creare etichette “Wanted” e distribuirle in tutto il Texas centrale nei negozi di mangimi e nelle aree in cui operano allevatori e pescatori. I poster descrivevano la necessità di eventuali puzzole maculate che potrebbero essere state intrappolate o trovate come vittime di strada e presentavano immagini delle creature. I ricercatori si sono offerti di prelevare campioni di puzzola e conservarli in un “congelamento di puzzola” personalizzato.

un & quot;  voluto & quot;  Il poster richiede l'uso di campioni di puzzola lungo la strada per la ricerca.

I ricercatori hanno anche fatto affidamento su esemplari nelle collezioni del museo, che includevano la puzzola maculata trovata in America Centrale e nello Yucatan. Alla fine, avevano 203 campioni di puzzola maculata da utilizzare nello studio e nell’estrazione del DNA. I dati genetici hanno rivelato che alcune puzzole, che un tempo erano considerate la stessa specie, erano in realtà piuttosto diverse.

READ  L'uso frequente di cannabis può causare attacchi di cuore nei giovani adulti: nuovo studio

“Sono stato in grado di estrarre il DNA da esemplari museali secolari ed è stato davvero emozionante vedere con chi sono imparentati questi individui. Si scopre che uno di questi era una specie endemica attualmente non riconosciuta nello Yucatan”, ha affermato lo studio, autore Molly McDonough, professore di biologia alla Chicago State University e Research Associate al Field Museum, in una dichiarazione.

Lo studio dice che il toporagno eroe ha spine forti e intrecciate, a differenza di qualsiasi altro animale

Una nuova specie da studiare è la puzzola maculata dello Yucatan, che ha all’incirca le dimensioni di uno scoiattolo e si trova solo nella penisola dello Yucatan. Gli scienziati descrivono anche la puzzola maculata delle pianure, la cui popolazione è diminuita nel secolo scorso ed è stata suggerita come una specie in via di estinzione.

“Lo studio non sarebbe stato possibile senza i campioni del museo che avevamo”, ha detto Ferguson. “L’unico motivo per cui siamo stati in grado di ottenere sequenze dallo Yucatan è a causa di campioni museali raccolti 60 o 70 anni fa”.

Comprendere le singole specie di puzzola può aiutare gli scienziati a saperne di più su qualcosa di unico per queste creature: la biologia riproduttiva. Le puzzole maculate possono riprodursi in autunno, ma non partoriscono fino alla primavera. In altre parole, il sistema riproduttivo ritarda intenzionalmente l’impianto dell’uovo nell’utero.

Adam Ferguson (all'estrema sinistra) e gli ospiti delle collezioni del Field Museum vengono fotografati con esemplari di puzzola maculata.

“E ‘stato in attesa per un po'”, ha detto Ferguson. “Vogliamo sapere perché alcune specie ritardano l’impianto mentre altre no, e capire come si sono evolute queste diverse specie di puzzola potrebbe aiutarci a farlo”.

La puzzola ha fatto molta strada da quando è apparsa per la prima volta nei reperti fossili 25 milioni di anni fa, evolvendosi e dividendosi in diverse specie rispondendo ai cambiamenti climatici indotti dall’era glaciale.

READ  Gli operatori sanitari di New York City che rifiutano COVID-vax possono essere licenziati

Imparare di più sulla puzzola maculata può anche aiutare gli sforzi di conservazione per proteggere questi animali. Le puzzole hanno il loro ruolo da svolgere all’interno dell’ecosistema, ha detto Ferguson, consumando frutta ed espellendo semi che aiutano nella dispersione delle piante, oltre a predare parassiti e roditori.