diciembre 8, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Crisi di confine tra Bielorussia e Polonia: Russia e Bielorussia conducono esercitazioni militari

Venerdì, Russia e Bielorussia hanno condotto un’esercitazione congiunta di paracadutisti vicino alla Polonia, che il ministero della Difesa bielorusso ha definito «correlata all’intensificazione dell’attività militare vicino al confine di stato della Repubblica di Bielorussia».

Negli ultimi giorni circa 15.000 soldati polacchi sono stati dispiegati al confine della Polonia con la Bielorussia in risposta a una tesa situazione di stallo che l’Unione Europea, gli Stati Uniti e la NATO ritengono essere opera del leader bielorusso Alexander Lukashenko.

NATO Venerdì, ha affermato che stava monitorando qualsiasi escalation o provocazione nella situazione al confine dei suoi membri con la Bielorussia dopo gli esercizi.

I leader occidentali, inclusi i primi ministri della vicina Polonia, Lettonia e Lituania, accusano il regime di Lukashenko di aver innescato una crisi migratoria al confine orientale dell’UE come punizione per le sanzioni per violazioni dei diritti umani.

Il governo di Lukashenko ha ripetutamente negato tali accuse, incolpando invece l’Occidente per l’attraversamento e il trattamento dei migranti.

Intrappolate nel fuoco incrociato, più di 2.000 persone bloccate tra Polonia e Bielorussia ora affrontano condizioni descritte dalle Nazioni Unite come «catastrofiche», con scene disperate di fame e ipotermia nelle foreste ghiacciate e nei campi di fortuna al confine.

La Russia, il più grande (e più importante) partner politico ed economico della Bielorussia, continua a difendere la gestione della crisi dei confini da parte di Minsk negando ogni coinvolgimento.

La Russia ha già mostrato questo supporto in passato Due bombardieri supersonici russi Tupolev Tu-22M3 a lungo raggio volano sullo spazio aereo bielorusso mercoledì e giovedì.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che gli aerei noti per le loro capacità nucleari hanno praticato «problemi di interazione con i punti di controllo a terra» con le forze armate dei due paesi.

Anche la vicina Ucraina sta rafforzando le misure di sicurezza. Giovedì ha annunciato che condurrà esercitazioni militari con circa 8.500 soldati e 15 elicotteri in un’area vicino ai suoi confini con Polonia e Bielorussia per far fronte alla potenziale crisi dei migranti.

READ  Un generale iraniano afferma che gli attacchi missilistici di Hamas cambiano gli equilibri di potere

La dimostrazione di forza che si sta svolgendo in tutta la regione continua a mettere alla prova il fragile sistema politico, con le accuse degli Stati Uniti sul potenziamento militare della Russia questa settimana che aggravano le preoccupazioni sul potenziale per una più ampia crisi geopolitica.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha dichiarato mercoledì che gli Stati Uniti sono «preoccupati dalle segnalazioni di insolite attività militari russe» e hanno notato la possibilità che la Russia stesse «cercando di riformulare» la sua invasione dell’Ucraina del 2014.

La Russia ha risposto alle accuse venerdì, affermando che rappresentavano una «escalation di tensione vuota e senza fondamento».

Il presidente russo Vladimir Putin (a sinistra) e il leader bielorusso Alexander Lukashenko si stringono la mano a Sochi, in Russia, all'inizio di quest'anno.

«Questo non funzionerà.»

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha descritto la crisi dei confini come una «sfida per l’intera Unione europea» all’inizio di questa settimana. «Questa non è una crisi dell’immigrazione. È un tentativo di un regime autoritario di cercare di destabilizzare i suoi vicini democratici. Questo non funzionerà», ha detto.

Le potenze occidentali si stanno ora preparando a imporre nuove sanzioni alla Bielorussia e l’Unione europea ha affermato che sta valutando sanzioni contro le compagnie aeree di paesi terzi per aver contribuito alla crisi trasportando persone a Minsk, la capitale della Bielorussia.

Venerdì il ministero degli Esteri turco ha dichiarato in un tweet che impedirà alle persone provenienti da Siria, Iraq e Yemen, da dove provengono molti dei migranti bloccati al confine, di viaggiare dagli aeroporti turchi alla Bielorussia. Giovedì, il ministero ha risposto alle accuse di aver contribuito alla crisi, dicendo che «si rifiuta di dipingerlo come parte del problema di cui la Turchia non è parte».

READ  Le città più vivibili del mondo sono Auckland, Osaka e Adelaide

Il presidente del Consiglio dell’Unione europea Charles Michel ha risposto al tweet, dicendo «Grazie» per il «sostegno e la cooperazione».

Ma Mosca non si è mossa, poiché il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha respinto le accuse secondo cui la compagnia aerea russa Aeroflot aveva aiutato i rifugiati a viaggiare in Bielorussia. Peskov ha affermato che le dichiarazioni di Aeroflot hanno mostrato che «non ha previsto e non prevede il trasferimento dei migranti a Minsk», aggiungendo che «anche se alcune compagnie aeree sono coinvolte in questo, non contraddice in alcun modo le normative internazionali».

Negli Stati Uniti, il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca ha annunciato mercoledì che sta preparando «sanzioni successive» volte a ritenere la Bielorussia responsabile di «attacchi in corso alla democrazia, ai diritti umani e alle norme internazionali». Si tratta del secondo round di sanzioni annunciato dagli Stati Uniti negli ultimi mesi. Non è chiaro quando saranno attuate le nuove misure.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha detto giovedì che ci si aspetta anche che l’Unione europea «allarga e inasprirà le sue sanzioni contro il regime di Lukashenko».

costo umano

Migranti si radunano per ricevere aiuti umanitari in un campo al confine bielorusso-polacco in Bielorussia'  Regione di Grodno il 12 novembre 2021.

Nel frattempo, le condizioni dei migranti intrappolati al confine continuano a peggiorare, con le persone in un campo improvvisato per migranti a Brozge, al confine con la Bielorussia, ora affamate e disperatamente bisognose di legna da ardere a temperature quasi gelide.

La CNN ha ottenuto l’accesso esclusivo al campo, mentre le scene caotiche si svolgevano in un’area di distribuzione di cibo mentre la Croce Rossa bielorussa cercava di fornire aiuti alimentari a folle stipate mentre le forze di sicurezza bielorusse le respingevano. La delusione e la tristezza sono evidenti in tutto il campo.

READ  Nigeria: uomini armati rilasciano decine di giovani studenti rapiti da scuola tre mesi fa

I migranti in fuga da paesi devastati dalla guerra come la Siria e l’Iraq sono venuti in Bielorussia con l’obiettivo dichiarato di approfondire l’Europa e cercare di trovare una vita migliore. Ma ora c’è un amaro senso di delusione che non sta accadendo.

Secondo le autorità polacche, dall’inizio di novembre sono stati registrati 4.500 tentativi di attraversare il confine. Le guardie di frontiera polacche hanno affermato di aver registrato circa 1.000 tentativi di attraversamento negli ultimi giorni, inclusi alcuni sforzi «su larga scala» con gruppi di oltre 100 persone che cercavano di violare la recinzione.

I gruppi umanitari accusano il partito al governo polacco di violare il diritto internazionale di asilo rimandando le persone in Bielorussia invece di accettare le loro domande di protezione. Ai sensi dell’articolo 14 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, ogni individuo ha il diritto di cercare e godere di asilo dalle persecuzioni in altri paesi. La Polonia afferma che le sue azioni sono legali.

Mentre il confronto continua, la gente continua ad arrivare. Le autorità bielorusse stimano che il numero di migranti che arrivano al confine potrebbe salire a 10.000 nelle prossime settimane se la situazione non viene risolta.

Nadine Schmidt, Katharina Krebs, Antonia Mortensen e Magda Chudonik della CNN hanno contribuito al rapporto.