noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La bozza di accordo COP26 pubblicata l’ultimo giorno contiene un linguaggio debole ma senza precedenti sui combustibili fossili

La bozza arriva dopo 12 giorni di polemiche nell’ultimo giorno della conferenza sul clima di quasi due settimane, ma non è definitiva. Tutte le 197 parti presenti dovranno concordare ogni parola dell’accordo finale. Permangono divisioni perenni su chi esattamente dovrebbe pagare per gli effetti della crisi climatica e un’ulteriore mitigazione è del tutto possibile.

Il fatto che qualsiasi menzione di combustibili fossili sia sopravvissuta al processo di liberalizzazione è una vittoria per la presidenza della COP26, in particolare nella sua forma attuale, che sostiene un’incessante eliminazione del carbone e la fine dei sussidi ai combustibili fossili.

C’è un’alta probabilità che i combustibili fossili non arrivino affatto alla bozza finale o si indeboliscano ulteriormente, ma averli nella seconda bozza troppo vicini all’accordo finale sta esercitando un’enorme pressione sui principali produttori di combustibili fossili. Arabia Saudita, Cina, Russia e Australia hanno cercato di indebolire o rimuovere l’articolo sui combustibili fossili, secondo due fonti che hanno familiarità con i colloqui. I funzionari sauditi hanno rifiutato di commentare il caso, mentre i funzionari cinesi, australiani e russi non hanno risposto alla richiesta di commento della CNN inviata giovedì.

Se la lingua arriverà al testo finale, sarà la prima volta che l’accordo sul clima della COP fa menzione del ruolo del carbone, del petrolio e del gas, che sono i maggiori contributori alla crisi climatica causata dall’uomo.

Tuttavia, la nuova versione del paragrafo è più debole della bozza iniziale pubblicata mercoledì, il che indica quanto possa essere difficile la controversia sulla sua inclusione. Il nuovo testo chiede un’accelerazione «dell’incessante eliminazione dell’energia dal carbone e degli inefficaci sussidi ai combustibili fossili».

La parola aggiunta «implacabile» significa sostanzialmente che i paesi possono continuare a utilizzare il carbone se sono in grado di catturare le quantità significative di anidride carbonica che emettono. Questo concetto è controverso perché l’intera tecnologia di cattura dei gas serra è ancora in fase di sviluppo. È stata aggiunta anche la parola «inefficace», lasciando questa parte dell’accordo in qualche modo suscettibile di interpretazione.

Helen Mountford, vicepresidente del clima e dell’economia di World Resources, ha detto brevemente l’istituto.

“Il fatto che abbiano aggiunto la parola ‘implacabile’ al carbone e ‘inefficiente’ ai sussidi ai combustibili fossili, rispetto al testo di due giorni fa, tornerà sicuramente a un linguaggio negoziale più comodo in altri forum, quindi mi aspetterei che alcuni paesi come l’Arabia Saudita avrebbe spinto per l’aggiunta di Inefficace contro i sussidi ai combustibili fossili.

READ  La Lituania afferma che la Bielorussia sta spostando i migranti e prevede di costruire una barriera di confine اجز

L’aggiunta della parola «implacabile» non crea necessariamente una nuova scappatoia, ha affermato Chris Littlecott, direttore associato di E3G. Ha detto che riflette il pensiero attuale sulle emissioni.

«Abbiamo visto che un quadro normativo ben progettato chiama l’industria del carbone bluff. Dice, OK, se vuoi davvero usare il carbone, devi investire nella cattura e nello stoccaggio del carbonio … e cosa siamo?» preparati a farlo».

La scadenza più audace per le emissioni è stata rispettata, ma con qualche mitigazione

Per limitare il riscaldamento globale da 1,5 a 2 gradi, come concordato nell’ambito dell’accordo di Parigi del 2015, ogni paese ha bisogno di un piano che si allinei con tale obiettivo.

L'analisi conclude che il mondo è sulla buona strada verso 2,4 gradi di riscaldamento nonostante la COP26
Sotto Parigi, a tutti i firmatari è stato chiesto di presentare nuovi piani più ambiziosi quest’anno. Ma mentre ci sono stati alcuni miglioramenti, un’importante analisi del Climate Action Tracker pubblicata questa settimana mostra che anche il mondo lo è In pista per 2,4 gradi di riscaldamento. Gli scienziati affermano che ciò significa che i rischi di gravi siccità, incendi, inondazioni, aumento catastrofico del livello del mare e carenza di cibo aumenteranno drasticamente.

La bozza di accordo invita gli Stati a tornare al tavolo da disegno ea tornare con piani più forti entro la fine del prossimo anno. Si tratta di uno sviluppo positivo, in quanto fornisce una scadenza precisa per la consegna. Sotto Parigi, gli stati dovevano farlo solo entro il 2025.

Tuttavia, questo nuovo progetto lascia ai paesi un certo margine di manovra, aggiungendo che si terrà conto di «diverse circostanze nazionali». Ciò avviene dopo che un gruppo di paesi in via di sviluppo ha suggerito che non dovrebbero essere tenuti agli stessi standard dei paesi ricchi, che storicamente hanno avuto un ruolo molto maggiore nella crisi climatica rispetto ai paesi in via di sviluppo.

La bozza di accordo di venerdì, pubblicata dalla presidenza della COP26, mantiene anche la formulazione secondo cui il mondo dovrebbe mirare a limitare il riscaldamento globale a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali.

Il documento «riconosce che gli impatti del cambiamento climatico saranno significativamente inferiori con un aumento della temperatura di 1,5°C rispetto a 2°C e decide di proseguire gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C».

READ  Un vulcano ha eruttato sull'isola spagnola di La Palma, eruttando lava e costringendo migliaia di persone all'evacuazione

Per raggiungere questo obiettivo, sono necessarie «riduzioni rapide, profonde e sostenibili delle emissioni globali di gas serra», afferma il documento. Questo linguaggio è in linea con la scienza più recente, che mostra che il mondo deve limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali per evitare di peggiorare la crisi climatica e avvicinarsi a uno scenario catastrofico.

Sebbene avanzi a livello politico, l’accordo è molto più debole di quanto gli scienziati affermano sia necessario affinché il mondo contenga il riscaldamento globale a 1,5 gradi sopra i livelli preindustriali. L’ultimo rapporto sulla scienza del clima delle Nazioni Unite mostra che il mondo ha bisogno di dimezzare all’incirca le emissioni entro questo decennio per mantenere quel limite a portata di mano.

Raddoppiare i finanziamenti ai paesi in via di sviluppo per adattarsi alla crisi

C’è ancora una divisione tra nazioni sviluppate e nazioni in via di sviluppo, che è comune in queste conferenze annuali. Quest’anno ruota attorno a una questione importante: chi dovrebbe pagare il mondo in via di sviluppo per adattarsi alla crisi climatica. Anche le questioni del finanziamento della transizione verde del Sud del mondo e la possibilità di una sorta di compensazione climatica per gli impatti affrontati dagli stati deboli.

Mentre i paesi discutono su chi dovrebbe pagare per la crisi climatica, una comunità sull'isola di Lagos viene inghiottita dal mare

Giovedì, il capo negoziatore della Bolivia, Diego Pacheco, ha affermato che il suo paese e altri 21 alleati – compresi i principali emettitori come Cina, India e Arabia Saudita – si opporrebbero all’intera sezione sui tagli alle emissioni per diversi motivi, tra cui la mancanza di finanziamenti dai paesi sviluppati. . Globalismo.

Più di 10 anni fa, le nazioni ricche hanno deciso di trasferire $ 100 miliardi all’anno ai paesi in via di sviluppo per aiutarli a passare a economie a basse emissioni di carbonio e adattarsi alla crisi climatica. L’adattamento può includere qualsiasi cosa, dalla costruzione di dighe per prevenire le inondazioni, al riportare le comunità dalla costa e riorganizzare le case per resistere a eventi meteorologici estremi.

Non solo il mondo ricco non è riuscito a consegnare 100 miliardi di dollari entro la scadenza del 2020, ma i paesi in via di sviluppo affermano che non sono abbastanza vicini in primo luogo. Vogliono anche una divisione 50-50 tra mitigazione – misure per ridurre le emissioni – e adattamento. Molto più denaro è confluito in misure incentrate sulla riduzione delle emissioni.

READ  Il sovrano iraniano schiaffeggiato in faccia durante un discorso pubblico

Attualmente, la bozza di accordo afferma che dovrebbero essere stanziati 40 miliardi di dollari per l’adattamento, quindi il divario si sta riducendo.

«Nel complesso, penso che ciò che stiamo vedendo qui è che il testo è più equilibrato a favore di alcune delle questioni per le quali i paesi vulnerabili nei paesi in via di sviluppo stanno spingendo», Helen Mountford, vicepresidente per il clima e l’economia presso il World Resources Istituto, ha detto in un briefing.

Cita anche per la prima volta un nuovo sistema di pagamento di «perdite e danni», che essenzialmente prevede di ritenere i paesi ricchi finanziariamente responsabili degli effetti della crisi climatica. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea si oppongono a questa misura.

Mentre la prima bozza «ha rilevato con grande preoccupazione» che i fondi ai paesi in via di sviluppo per far fronte alla crisi climatica sono insufficienti, l’ultima bozza omette solo la parola «serio».

Che cosa significa tutto questo?

Sebbene ci siano molti progressi qui, il diavolo è nei dettagli e la bozza di accordo accorcia diverse sezioni chiave. Questo è abbastanza comune nel processo di negoziazione.

Il nuovo linguaggio dei combustibili fossili crea scappatoie per i paesi produttori di carbone, petrolio e gas per continuare gli affari come al solito, purché utilizzino la tecnologia per catturare l’anidride carbonica emessa, o forse anche compensare le emissioni. Aggiungere considerazione alle condizioni dei paesi può creare un’altra scappatoia.

L’aggiunta di obiettivi più rigorosi sui fondi, in particolare riconoscendo la necessità di maggiori finanziamenti per perdite e danni, è una vittoria per i paesi in via di sviluppo, anche se l’accordo nella sua forma attuale è più un punto di partenza che un affare fatto.

La bozza di testo riflette la realtà politica dell’azione per il clima: i paesi che hanno più da perdere dall’inazione sono spesso piccoli e impotenti rispetto ai maggiori produttori mondiali di combustibili fossili e ai più ricchi del mondo.