octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Christine è orgogliosa di una tradizione italiana con i fiori

La mia eredità italiana è una parte enorme della mia identità. Potresti non conoscerlo con il mio cognome, ma provengo da una lunga stirpe di uomini e donne. Dipinsero dipinti sul soffitto di San Pietro, la terra che gira intorno al sole, che i fratelli Wright avevano sperimentato sull’aereo per secoli, trasformando l’ultimo respiro della viola rovinata in musica straziante e portandoci attraverso il Valle. La morte, attraverso i gradini dell’impianto di purificazione e le porte del cielo, ci ha nutrito l’unico cibo che riempie l’anima, oltre a saziare lo stomaco.

Non ho problemi a insegnare a mio padre irlandese-franco-svedese (ma soprattutto irlandese) in “Italianada” perché sua moglie, Sophia Loren, è apparsa come dono di nozze di imperatori, corsi d’acqua, oratori e miti. Semmai, l’orsacchiotto irlandese era più italiano di mia madre, che spesso prendeva in giro il colore spento come “italiano per iniezione”. Non è un caso che il suo eroe Cicerone abbia condiviso il suo compleanno: il 3 gennaio.

Non scrivo tutto questo come scusa per quanto segue, ma come certificato della mia autenticità, ve lo offro perché possiate conoscere la mia fede. Il mio orgoglio deriva da una fonte molto profonda e indescrivibile, e prendo questa tradizione come un attacco personale. Le persone che hanno cercato di demolire la statua di Colombo dal suo posto d’onore in Piazza Marconi, nel sud di Filadelfia, mi hanno aggredito, mi hanno privato del mio diritto di primogenitura, hanno insultato la mia intelligenza e mi hanno schiacciato sotto il peso della loro ignoranza e bigottismo. È personale, motivo per cui li odio insieme al sindaco che li ha sostenuti. Signori, non osate seguirmi, perché i soldati romani sono dietro di me.

Certo, mi vedo ridere, cosa che gli italiani sanno fare in un modo che nessun’altra cultura riesce a fare. Una parola che possiamo tradurre con “sole”, “soleggiato”, sebbene non esprima con precisione il significato di base. Gli italiani sono persone che cercano la luce quando passa il buio. Amiamo la vita. Non abbiamo paura della morte perché ci ispira a goderci i giorni e i momenti de “La Bella Vita” mentre li stringiamo. Non a caso, la frase “carbe time” deriva dal latino (che è sostanzialmente italiano senza pasta).

READ  Si prevede che la crescita del PIL italiano sarà intorno al 6% quest'anno e oltre il 4% nel 2022.

Posso ridere di lui quando Tony Soprano si preoccupa delle anatre nella sua piscina, e non sono arrabbiato quando colpisce un mafioso rivale (o un informatore pubblico). In “Saturday Night Live” e il suo accento alto (e sigaretta) ho sorriso mentre guardavo padre Guido Sardusi. Ho sorriso mentre guardavo i centri commerciali della serie “Jersey Shore”, tutti tatuati, buffoni e buffoni. Posso ridere di queste cose perché so nel mio cuore che non faranno nulla per cambiare la grandezza della mia eredità.

Inoltre, ho visto altri gruppi essere offesi da soprannomi, tradizioni, politiche e manufatti culturali che possono essere considerati in qualche modo contraddittori, ma non si adattano bene alla tenda sempre più ampia di “pregiudizio” e “settarismo” e “malinteso” e “tolleranza”. ”. , ”E sono orgoglioso di essere uno dei ceppi di immigrati più forti a gestire molto più inferno che stereotipi.

Siamo stati uccisi a New Orleans e a nessuno importava

Siamo stati fulminati con l’accusa di terrorismo interno e nessuno ha fatto niente.

Siamo stati imprigionati durante la seconda guerra mondiale, i nostri figli hanno combattuto per il paese che ci teneva in ostaggio e siamo rimasti per crescere altri figli.

Abbiamo accusato i nostri politici di essere mafiosi e li abbiamo votati perché erano migliori degli altri.

Siamo sopravvissuti, abbiamo prosperato e l’abbiamo mostrato a questo paese per generazioni. Un mese non basta per svelare il genio italiano.

Ecco perché posso guardare la trilogia “Il Padrino” e vedere la poesia della devozione familiare (Dai o prendi un fratello che è stato ucciso mentre pescava).

Ecco perché puoi ridere di battute come Sebastiano Maniscalco, che fa battute fastidiose e precise sui peli del viso.

READ  Colpendo il Covit-19, le truccatrici italiane sono tornate belle

Ecco perché mi piace vedere “Many Saints of Newark”.

Ma non parlo per tutti gli italiani, anche quelli con cui sono d’accordo il 99,5% delle volte. Il mio caro amico Dan Little, che è davvero una delle più grandi fonti del mio orgoglio nella tradizione di chi è e cosa ha realizzato, ha un osso con me. Poiché lo amo e rispetto i miei lettori, l’ho lasciato atterrare. (Quando vado a mangiare un cannolo…)

Don Signore:

Come al solito Christine ha avanzato un argomento convincente e si è complimentata, potresti pensare che mi mancherebbero le parole.

Ma dove sarebbe qualcuno nella nostra tradizione senza le parole, gli argomenti, le credenze e le passioni che ci rendono ciò che siamo? Quindi, ecco qui.

Cristina ha ragione. Abbiamo sperimentato una terribile umiliazione ancora e ancora. Ogni volta abbiamo lottato sempre più in alto. Oggi siamo sulle spalle dei giganti. Ma è proprio questo il punto. Questa storia, la storia ispiratrice del nostro successo; Questa storia di instancabile determinazione, fede e coraggio non è raccontata abbastanza. Nella cultura popolare – nei film, a teatro, in TV non ci viene dato il diritto che meritiamo. Spesso veniamo dipinti come compulsivi, infiammabili e pericolosi: possiamo essere uccisi come un bacio.

Molto semplicemente, la nostra storia è sacrificata alla saga mafiosa e a tutti i suoi elementi negativi. L’ho visto come il famoso ragazzo degli intoccabili in TV. Ho visto Al Capone e Frank Knitti essere inutilmente leggendari. È stato riprodotto più e più volte, specialmente con la trilogia de Il Padrino e ora I Soprano. Questi sono soldi facili per coloro che li mantengono. E cementa il peggior tipo di cliché. Inoltre, può essere dannoso. Spero che ci siano giovani italo-americani che accettino questo festival del genocidio come la vera storia della loro eredità. Come mai? Perché questo è tutto ciò che hanno visto dai media.

READ  La giovane principessa sta lottando per la sua pretesa al (rimosso) trono d'Italia

A causa del mio cognome, la gente mi chiedeva se conoscessi o conoscessi qualcuno nella mafia per darti un’idea di quanto sia diffuso. Oppure, faranno un crack: “Non voglio mettermi nei guai con te perché puoi mandare uno dei tuoi parenti dietro di me”. Anche se lo trovano divertente, non è divertente!

Sì, ci sono alcune lodevoli eccezioni al modo in cui siamo ritratti. Il miglior film della Grande Notte è in cima alla lista. Inoltre, puoi fornire uno o due esempi. Ma, purtroppo, sono bassi.

Al contrario, lo è ancora di più. Nel corso degli anni le rappresentazioni sono diventate sempre più brutali e grafiche.

Quindi, non ho niente a che fare con questo. Pasta! Basta!

Invece mi godrò il bellissimo ritratto di Frank Stella o la musica di Henry Mancini o la cucina italiana di Stanley Ducey o il concerto di Broadway di Lazarus Peters a Broadway con una smentita legale progettata professionalmente scritta da Scolia o Jaguar.

Ma oltre a questo, sostengo anche il Russo Brothers Italian American Film Forum, che finanzia gli sforzi degli artisti creativi per creare film che esplorino onestamente l’esperienza italoamericana. Creato da rinomati registi supportati dalla National Italian American Foundation (NIAF) e dagli Italian Sons and Daughters of America (ISDA), lo spettacolo mette in mostra la nostra cultura ed esperienza più ricca e diversificata in questo paese. Merita la nostra lode e il nostro incoraggiamento.

Ci sono molti altri modi positivi e reali per raccontare la nostra storia. Inseguiamoli – ora!

Christine Flowers è un avvocato. La sua rubrica apparirà domenica e giovedì. Inviale un’e-mail a cflowers1961 @ gmail, com.