septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Apple accusata di ritorsione dopo che i lavoratori hanno parlato

Il CEO di Apple Tim Cook parla sul palco durante un evento di lancio del prodotto presso la sede di Apple a Cupertino, in California, il 10 settembre 2019.

Il CEO di Apple Tim Cook parla sul palco durante un evento di lancio del prodotto presso la sede di Apple a Cupertino, in California, il 10 settembre 2019.
Foto: Josh Adelson (Getty Images)

Il National Labor Relations Board sta indagando sulle accuse di due dipendenti Apple di coercizione e ritorsione sul posto di lavoro dopo che i dipendenti hanno parlato apertamente delle condizioni sul posto di lavoro come la parità di retribuzione e le molestie sessuali.

documenti il petto Secondo il Freedom of Information Act di questo mese, uno dei casi descrive una serie di rappresaglie contro un direttore di un programma di ingegneria senior, Ashley Govik, che si è fatta conoscere dalla stampa. Jovik ha affermato che la società l’ha messa in congedo amministrativo, riassegnato la sua posizione e ridotto le sue responsabilità in violazione dei diritti dei dipendenti dopo aver parlato dei problemi all’interno dell’azienda.

Il Consiglio del lavoro indaga su tutte le accuse e dice di fare causa ogni volta che ne vale la pena.

In un’intervista telefonica, Jovik ha affermato che Apple intendeva zittirlo. È ancora in aspettativa retribuita, ma non l’ha detto per sua scelta. “Passo molto tempo a realizzare prodotti davvero buoni, voglio fare davvero bene”, ha detto. “Credo nel marchio, ma ora ho grossi problemi con l’azienda”.

Jovik ha anche accusato Apple di aver ignorato le molestie da parte del manager e di averlo esposto a condizioni ostili e non sicure. Sostiene inoltre di essere stata identificata senza il consenso di una persona la cui identità è stata segnalata in forma anonima per molestie sessuali.

“Apprezzo che Apple ami pubblicare post su diritti umani e responsabilità sociale, ma le sue azioni non vanno con le parole”, ha detto.

Jovik ha detto che è stata bombardata Domande dei giornalisti, aggiungendo Si aspetta che la pubblicità abbia già danneggiato la sua carriera. “A questo punto, mi sento davvero come se fossi agitata”, ha detto. Jovik ha detto che intende continuare a parlare pubblicamente, però. Ha detto che vuole che gli altri sappiano che possono e vuole che Apple faccia meglio.

“È la più grande azienda al mondo”, ha aggiunto Jovik. “Un modello per altre aziende a livello globale”.

Apple non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento, ma l’azienda Reuters Giovedì tardi, ha indagato su tutte le preoccupazioni sollevate dai dipendenti. Secondo quanto riferito, la società ha rifiutato di commentare eventuali accuse specifiche citando “il rispetto della privacy di qualsiasi individuo coinvolto”.

Cher Scarlett, ingegnere Apple, Dillo a Bloomberg Aveva presentato una seconda denuncia.

Scarlett ha detto ai giornalisti di aver cercato di creare un canale Slack sul posto di lavoro dedicato alla discussione di questioni di equità retributiva, ma la società ha rifiutato e ha affermato che non era correlato al lavoro. Scarlett ha detto che è stato approvato un altro canale dedicato alla partita di biliardino.

Parlando con Gizmodo il mese scorso, Scarlett ha affermato che Apple ha ripetutamente soffocato gli sforzi dei dipendenti per condurre un sondaggio sulla trasparenza retributiva, come il primo menzionato Dal limite in agosto. Gizmodo confermato Il mese scorso hanno partecipato al sondaggio fino a 2.300 dipendenti Apple; Tuttavia, questo non è stato sufficiente per fornire un quadro chiaro a livello aziendale.

Le lamentele arrivano sulla scia di una rara raffica di attività all’interno di Apple da parte di un piccolo numero di lavoratori finora. I lavoratori sono organizzati sotto l’hashtag #AppleToo Il mese scorso con l’obiettivo dichiarato di esporre “modelli persistenti di razzismo, sessismo, ingiustizia, discriminazione, intimidazione, oppressione, coercizione, abuso, punizione ingiusta e privilegio sfrenato”.

Hanno detto: “Per troppo tempo, Apple ha eluso il controllo pubblico”.

Aggiornamento, 23:00: Aggiunte note da Ashley Jovik.

READ  Oltre 59.000 libbre di prodotti a base di pollo estratti