noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Active Sun sprigiona un potente bagliore solare del segmento X [Video]

Più luminoso di un fantasma scintillante, più veloce della coda di un gatto nero, il sole ha lanciato un incantesimo nella nostra direzione, giusto in tempo per Halloween. Queste foto sono state scattate da NASAIl Solar Dynamics Observatory di Solar Dynamics copre alcuni intensi giorni di attività tra il 25 e il 28 ottobre, che si sono conclusi con un grande brillamento solare.

Dal tardo pomeriggio del 25 ottobre fino a metà mattina del 26 ottobre, una regione attiva sul bordo sinistro del Sole ha lampeggiato con una serie di piccoli brillamenti ed eruzioni vulcaniche simili ai petali di materiale solare.

Nel frattempo, il Sole ha avuto regioni più attive nel suo centro inferiore, che è direttamente rivolto verso la Terra. Il 28 ottobre, il più grande di loro ha rilasciato un grande bagliore, che ha raggiunto il picco alle 11:35 EDT.

I brillamenti solari sono potenti esplosioni di radiazioni. Le radiazioni nocive del bagliore non possono passare attraverso l’atmosfera terrestre per influenzare fisicamente gli esseri umani sulla Terra, tuttavia, se abbastanza gravi, possono disturbare l’atmosfera nello strato in cui vengono trasmessi i segnali e le comunicazioni GPS.

Questo bagliore è classificato come un bagliore di classe X1. La classe X indica i brillamenti più intensi, mentre il numero fornisce maggiori informazioni sulla loro forza. X2 è due volte più potente di X1, X3 è tre volte più potente e così via. I flare classificati X10 o più forti sono insolitamente intensi.

Questo è stato il secondo brillamento di categoria X del ciclo solare 25, iniziato a dicembre 2019. Un nuovo ciclo solare arriva ogni 11 anni. Nel corso di ogni ciclo, il sole passa da relativamente calmo a attivo e tempestoso, e poi di nuovo calmo; Al suo apice, noto come il massimo solare, i poli magnetici del sole si capovolgono.

READ  Confermata la prima epidemia di influenza del 2021 nel Rhode Island

Altre due esplosioni del Sole da questa regione attiva: un’eruzione di materiale solare chiamata espulsione di massa coronale e uno sciame invisibile di particelle solari energetiche. Queste sono particelle cariche ad alta energia accelerate dai brillamenti solari.

La flotta di missioni eliofisiche della NASA monitora costantemente il sole e lo spazio per aiutarci a capire cosa causa tali eruzioni sul sole e come tale attività influenza lo spazio, anche vicino alla Terra, dove può influenzare gli astronauti e i satelliti.