septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

VN Archives: Aaron Olson’s Unusual Introduction to Giro de Italia


Esclusiva per i membri

Unisciti a noi per aprire questa storia e ricevere altre fantastiche offerte.

Non puoi biasimare Aaron per aver visto Olson un po ‘troppo.

Olsen, 28 anni, di Eugene Oregon, ha ricevuto la chiamata cinque giorni prima dell’inizio del Giro d’Italia di quest’anno, anche se non settimane o mesi prima che la maggior parte dei ciclisti si preparasse per il loro primo grande tour.

Olson stava dormendo quando il suo capo della squadra con il senior Duval-Prodir gli ha inviato un messaggio di posta vocale. Gli infortuni a diversi piloti hanno lasciato la squadra spagnola nella rosa dei candidati e volevano Olsen in Italia.

“Sì, adesso – dissi.” Cinque ore dopo ero su un aereo – ha detto Olsen dopo la 6a tappa dal Bulchetto a Forley -. Sono andato da LA a Parigi e poi a Milano “.

L’ex professionista nazionale statunitense che ha corso per l’ultima volta con Colavida è venuto a sostenere il capitano della squadra Gilberto Simoni, quello che sarebbe stato un professionista per l’Italia l’anno scorso.

“Resto con Simony tutto il giorno il più a lungo possibile”, ha spiegato Olson, “Di solito, ha due o tre di noi con lui, quindi ha ragazzi intorno a lui se ha bisogno di qualcosa. “

Questo è il secondo round di Olson in Europa. All’inizio della sua carriera era cittadino statunitense. Ha trascorso del tempo con la squadra nazionale ed era allora un membro dell’ormai defunta squadra Idyamnova.

Nonostante la corsa piatta, Olson ha sempre saputo di voler tornare ai grandi tempi. Il suo colpo è arrivato quando ho ricevuto un piccolo aiuto da alcuni amici quest’inverno. Ora è uno dei quattro americani con Tom Danielson, Patrick McCarthy e Bobby Julich.

READ  Iga Svyatek sconfigge Carola Bliskova 6-0, 6-0 nella finale dell'Open d'Italia

“Chris Horner ha detto una buona parola perché ha lasciato la squadra e sapeva che volevano avere un altro americano”, ha detto Olson. “Mi ha aiutato anche il mio allenatore Massimo Testa. Era l’allenatore di Horner, parla italiano e conosce il team manager italo-svizzero. Quindi anche Testa ha chiamato e ha detto che ero pronto per Protor. “

Questo è stato sufficiente per il giovane Dua-Broder, e la squadra ha assunto Olsen, che in precedenza era rimasto con lui in un posto occupato da Horner e Tim Johnson. Quindi, il token Olson sembra americano?

“Non lo so, forse, no”, ha detto. “So che vogliono un americano, ma non devono esserlo. Sono stati con Tim e Chris Homer negli ultimi tre anni e ora. Ma devi essere abbastanza bravo per il lavoro. Non lo sanno me da chiunque altro, ma la parola di Horner ha fatto molto. Mi ha visto migliorare nel corso degli anni e ha pensato che fossi un bravo ragazzo. “

Il rapido cambiamento non è stato coerente al 100% per Olson. Le sue abilità linguistiche iniziano e finiscono con l’inglese, il che rende la vita difficile in una squadra spagnola con un leader italiano. Olson ha effettivamente dato uno schiaffo a Simony in un tour della California a febbraio, e gli americani dicono che la maggior parte delle loro comunicazioni erano fatte con gesti delle mani e annuisce.

“È così magro, è divertente”, ha detto Olson di Simoni. “Non possiamo comunicare molto, la maggior parte è in spagnolo e non sono molto bravo. A volte può essere un po ‘isolato, ma [Polish teammate] Peter Masoor parla inglese, e anche il mio coinquilino qui, Giro, Marco Pinotti, parla molto bene l’inglese, quindi non male. “

READ  La Corea rafforza la sanità in Italia grazie all'acquisizione della società piemontese Santa Croce

Per quanto riguarda gli obiettivi personali a Zero, Olson ha mantenuto le cose semplici: voleva finire. “Mi piace fare un tour di tre settimane perché tutti dicono che avresti cambiato il giro se ne avessi fatto uno”, ha detto Olson. “Puoi guarire meglio e avere più resistenza.”

Se va a Milano, la sua prossima tappa potrebbe essere il Tour de France? “Forse,” disse Olson. “Alcuni dei ragazzi della squadra pensavano che avessi una buona possibilità perché ero americano. A questo punto non credo assolutamente a niente. “