junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Vittorio Colov giura di sistemare la burocrazia della burocrazia italiana

Nell’ambito di un piano di ripresa da 248 miliardi di dollari progettato per rivitalizzare la terza economia della zona euro, il ministro italiano per l’innovazione tecnologica e la trasformazione digitale si è impegnato a facilitare la burocrazia migliorando la piattaforma digitale nazionale per i cittadini.

L’ex amministratore delegato di Vodafone Vittorio Kolov ha affermato che il portale online consentirebbe agli italiani di fare di tutto, dal pagamento delle tasse alla prenotazione dei vaccini e alla facilitazione della mutualizzazione delle capacità statali regionali e nazionali.

Ha detto che fungerà da catalizzatore per rilanciare l’economia guidata dall’epidemia guidata dal primo ministro Mario Draghi.

“Se mi capita di dire perché l’Italia è in ritardo oggi, è a causa della complessità giuridica e amministrativa che noi come governo siamo determinati a semplificare”, ha detto al Financial Times.

Ha aggiunto: “È ora di farlo. Questo non è avvenuto in passato perché l’urgenza non si faceva sentire o perché l’opposizione era forte. La tragica storia di Govt è che non solo ha preso vite, ma ha colpito l’economia in molti modi importanti. Ora il senso di urgenza e bisogno è alto. “

Tragi, l’ex capo della Banca centrale europea, è stato nominato dal presidente italiano all’inizio di quest’anno per formare un governo di unità nazionale dopo il crollo della sua ultima coalizione. Kolav è stato CEO di Vodafone, una società di telecomunicazioni britannica, tra il 2008 e il 2018, e ha vissuto a Londra fino a diventare ministro. Un novizio politico, era uno dei tanti esperti di affari nominati da Tracy.

Ha detto di essere impegnato ad espandere l’attuale portale online dell’amministrazione all’intera popolazione prima di trasformarlo in una “piattaforma di notifica onnicomprensiva per multe, tasse, ordinanze del tribunale e vaccinazioni”.

READ  Fossili di Neanderthal trovati in una grotta vicino Roma, Italia

“Sembra fantascienza ma non lo è. Abbiamo già una popolazione di 20 milioni su questa piattaforma “, ha detto.

Un terzo degli italiani è attualmente conosciuto come Spit sulla piattaforma. Nel primo trimestre di quest’anno, il servizio digitale ha effettuato 120 milioni di transazioni, rispetto ai 143 milioni del 2020.

Kolave ​​ha detto che l’aumento del livello di contatti digitali degli italiani con lo stato attraverso il sito web aiuterà i piani del governo di investire nell’istruzione e nelle capacità digitali.

L’utilizzo dei servizi online in Italia è molto basso nell’UE. Secondo Eurostat, solo il 38% degli italiani di età compresa tra 16 e 74 anni acquisterà beni e servizi online nel 2019.

La metà degli italiani di età compresa tra 16 e 74 anni ha utilizzato un piccolo computer o dispositivo mobile per accedere a Internet dal lavoro o da casa nel 2019, rispetto a una media del 73% degli europei.

La dimensione del pacchetto di investimenti sostenuto dall’UE è “strabiliante”, ha detto Kolov, “ma le vere riforme fondamentali del nostro programma e degli investimenti delle persone”. L’Italia ora vuole investire nelle proprie persone e talenti e contribuire a migliorare le opportunità per coloro che sono qui “.

Ha aggiunto: “Devi investire sull’intero nastro trasportatore dalla scuola materna alla ricerca di dottorato. Questo paese è stato molto caotico in passato, questa non è l’area in cui puoi essere caotico. Devi essere sistematico perché il ciclo di produzione delle invenzioni intelligenti è di 15-30 anni. “

Kolao ha affermato che l’iniziativa aiuterà il paese a creare le condizioni per prevenire il deflusso di talenti e attrarre investitori stranieri.

READ  Questa regione italiana attira i turisti con notti extra gratuite

“Due cose dicono sempre gli investitori stranieri in Italia: non siamo riusciti a trovare le persone giuste e questo sistema è terribile”, ha detto. “Ho la certezza al cento per cento che riusciremo a ottenere tutto questo? Bene, dobbiamo essere ambiziosi. Forse perderemo alcune parti, ma se raggiungerà il 90 per cento guiderà l’Italia in gara. “