agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Uno studio ha scoperto che i dinosauri stavano già lottando prima che un asteroide colpisse, destinato all’estinzione

Ma com’era la loro vita prima che arrivasse? Che siano fiorenti o davvero in bilico sul bordo di una scogliera è stata a lungo oggetto di dibattito per i paleontologi.

Un nuovo studio suggerisce che i dinosauri erano in declino fino a 10 milioni di anni prima che un asteroide delle dimensioni di una città che colpisse la costa di quello che oggi è il Messico subisse un colpo finale e che questo declino abbia ostacolato la loro capacità di riprendersi dagli impatti degli asteroidi. .

L’attacco ha creato il cratere Chicxulub largo 125 miglia, rilasciando gas climalteranti nell’atmosfera, uccidendo alla fine tre quarti della vita sul pianeta.

I ricercatori hanno studiato un totale di 1.600 fossili di dinosauri che rappresentano 247 specie di dinosauri per valutare la diversità delle specie e i tassi di estinzione di sei famiglie di dinosauri.

“Abbiamo esaminato le sei famiglie di dinosauri più abbondanti durante l’intero periodo Cretaceo, che andava da 150 a 66 milioni di anni fa, e abbiamo scoperto che si stavano evolvendo ed espandendo e ovviamente avevano successo”, ha detto l’autore principale dello studio, Fabian. Condamine, un ricercatore dell’Istituto di scienze evolutive di Montpellier, in Francia, ha dichiarato in un comunicato stampa.

“Poi, 76 milioni di anni fa, hanno mostrato un improvviso declino. I loro tassi di estinzione sono aumentati e, in alcuni casi, il tasso di origine di nuove specie è diminuito”.

Il raffreddamento del clima globale durante il tardo Cretaceo (da 100 a 66 milioni di anni fa) potrebbe aver contribuito al declino dei dinosauri non aviari, hanno affermato gli autori dello studio, pubblicato martedì sulla rivista Nature Communications. (I dinosauri che sembravano uccelli o uccelli sono sopravvissuti all’impatto degli asteroidi e si sono evoluti negli uccelli che vediamo oggi.)

Hanno anche affermato che famiglie di dinosauri particolarmente riuscite come gli adrosauri potrebbero aver sovraperformato altri erbivori, riducendo la diversità di quei dinosauri.

READ  Il Regno Unito sta monitorando da vicino il suo programma di vaccini e l'aumento del numero di casi

I ricercatori hanno utilizzato tecniche di modellazione al computer che tengono conto delle incertezze, inclusi reperti fossili incompleti, per approssimare i risultati più probabili.

“Nelle analisi, abbiamo esplorato diversi tipi di potenziali cause del declino dei dinosauri”, ha affermato Mike Benton, un altro coautore dello studio e professore della School of Earth Sciences dell’Università di Bristol.

“È diventato chiaro che c’erano due fattori principali, il primo era che il clima generale stava diventando più freddo e questo rendeva la vita più difficile per i dinosauri che probabilmente dipendevano da temperature più calde”. Poi la perdita degli erbivori ha reso gli ecosistemi instabili e inclini all’estinzione. . Abbiamo anche scoperto che le specie di dinosauri più longeve avevano maggiori probabilità di estinguersi, forse riflettendo la loro incapacità di adattarsi alle nuove condizioni sulla Terra”.

La loro ricerca contrasta con altri studi recenti, utilizzando metodi alternativi, che hanno accusato l’estinzione dei dinosauri Solo sull’asteroide e ha scoperto che non ci sono prove concrete che i dinosauri fossero in decadimento prima dell’impatto con l’asteroide – che in effetti potrebbero aver avuto Continua a prosperare.

Alvio Alessandro Chiarenza, paleontologo e ricercatore post-dottorato presso l’Università di Vigo in Spagna, che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato che gli autori attribuivano grande importanza alla tendenza al raffreddamento alla fine del periodo Cretaceo. Ha detto che i dinosauri erano sopravvissuti a fluttuazioni climatiche simili durante i 165 milioni di anni in cui hanno vagato per la Terra.

Joseph Bonsor, studente di dottorato presso l’Università di Bath e autore di uno studio Il che ha scoperto che i dinosauri non stavano uscendo prima dell’impatto dell’asteroide, ha affermato che l’ultimo fattore limitante in questo tipo di lavoro è la natura incompleta dei reperti fossili: lo studio si è basato principalmente su fossili nordamericani.

“Ci sono pregiudizi significativi nei reperti fossili dovuti a una serie di fattori (principalmente geografici ed economici, ma anche pregiudizi più personali come i paleontologi che si concentrano sulla ricerca di una singola specie, ad esempio, come il tirannosauro)”, ha detto via e-mail .

READ  Nuove specie di dinosauri scoperte in Australia

“Il fatto che più gruppi di scienziati che lavorano alla stessa identica domanda allo stesso tempo possano fornire risultati completamente opposti rafforza questo, ovvero che c’è un enorme bisogno di raccogliere più dati, cioè di cercare più dinosauri e scoprire dove hanno vissuto e quanto successo hanno avuto davvero”.