septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un fan di Banksy acquista NFT “falso” per oltre $ 335K dopo un presunto hack del sito web

scritto da Oscar Holland, CNNMegan Sea Hills, CNN

Quello Collezionista d’arte Dice di aver pagato più di $ 335.000 per un “falso” Banksy, solo per vedersi restituire i soldi dal presunto truffatore.
La vendita ha avuto luogo dopo che la homepage dell’artista di graffiti ha indirizzato brevemente gli utenti a un’asta online che offriva quella che sembra essere la sua prima NFT, o Codice non sostituibile.
Da allora la pagina è stata rimossa, il che Di ritorno Martedì, sul sito ufficiale di Banksy, ha mostrato una foto a pois di una figura fumante con indosso occhiali da sole e un cappello. È stato collegato tramite un’asta ospitata da un mercato online mare aperto, dove l’opera d’arte (nella foto sopra) è stata elencata come una “Grande ridistribuzione della catastrofe del cambiamento climatico” da un utente di nome Jackman – un riferimento a un moniker precedentemente utilizzato dall’artista anonimo.

Credendosi un vero Banksy, un collezionista con sede nel Regno Unito – che commercia oggetti da collezione digitali con il nome utente Pranksy e si descrive come un “grande fan” dell’artista di strada – ha offerto l’equivalente di oltre $ 335.500 in criptovaluta Ethereum. Ma quando la sua offerta è stata prontamente accettata, terminando i giorni dell’asta prima del previsto, è diventato “sicuro al 99%” di essere diventato vittima di una frode.

Una volta che ho accettato (l’offerta) ho sentito che era falso/hackerato”, ha detto il raccoglitore di posta via e-mail.

Fino a che punto Internet ha cambiato l’arte?

Ma in una svolta apparentemente strana, il venditore ha restituito tutti i soldi, meno la commissione di transazione, poco dopo la vendita. record Archiviato sulla blockchain di Ethereum, che è il registro digitale di tutte le transazioni che coinvolgono la criptovaluta, sembra supportare la versione in pool degli eventi.

Il collezionista, che ha fatto riferimento all’hack del sito Web di Banksy, ha affermato su Twitter che la truffa potrebbe essere stata opera di un “hacker etico che ha fatto un punto”.

READ  Amazon rilascia il primo trailer di Wheel of Time prima della sua premiere del 19 novembre

“(Il venditore) potrebbe essere rimasto inorridito dalla quantità di copertura mediatica che l’hack ha ricevuto”, ha detto in seguito alla CNN. “Non ne sono davvero sicuro, ma sono molto grato di riavere la maggior parte del mio Ethereum.”

I rappresentanti di Banksy non hanno spiegato come l’immagine o il collegamento ipertestuale siano apparsi sul suo sito web ufficiale, né hanno risposto alla richiesta di commento della CNN. Un portavoce dell’artista dei graffiti Ha detto alla BBC che “Le eventuali aste NFT di Banksy non sono affiliate all’artista in alcun modo o forma”.

Da allora, alcuni utenti dei social media hanno accusato il collezionista di aver orchestrato l’incidente per scopi pubblicitari, anche se ha affermato di “non avere alcun desiderio o bisogno di eseguire una tale acrobazia per insabbiare”.

“Aspiro a poter lavorare con artisti come Banksy in futuro e (per aiutarli) a saperne di più sulle NFT”, ha aggiunto. “Hackerare il loro sito Web e acquistare un NFT da me stesso non sarebbe il modo migliore per farlo!”

Banksy ha recentemente prodotto una serie di opere d’arte nelle città costiere britanniche. a lui attribuito: Justin Thales/AFP/Getty Images

Gli NFT fiorirono Negli ultimi mesi ha offerto ai collezionisti un modo per “possedere” beni digitali e venderli come se fossero beni fisici. Artisti di spicco tra cui Damien Hirst, Daniel Archham e John Gerrard hanno iniziato a creare e vendere opere attraverso NFT, dove le principali case d’asta come Sotheby’s e Christie’s ora dedicano vendite multimilionarie di token.
OpenSea attualmente elenca centinaia di NFT Raffigura o assomiglia al lavoro di Banksy, anche se l’artista losco non ha mai suggerito di vendere arte digitale. La piattaforma non ha risposto alla richiesta della CNN di commentare l’incidente o se prevede di pagare le commissioni di transazione per il collezionista ingannato.

Nonostante abbia perso quasi centinaia di migliaia di dollari, il collezionista ha difeso OpenSea e ha affermato che avrebbe dovuto attendere la “verifica ufficiale” di Banksy prima di fare offerte. “Spero di possedere parte del suo vero lavoro un giorno”, ha aggiunto.

READ  Morto a 77 anni il famoso violinista Byron Berlin, proprietario del negozio di violini Guthrie