agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Se l’Italia fallisce, l’Europa fallisce di più

Il parlamento italiano ha approvato il budget di 26261 miliardi (315 miliardi di dollari) di Mario Tragi. Questo farà rivivere la terza economia della zona euro dal flagello delle epidemie. Ora arriva la parte difficile: attuare drastiche riforme strutturali richiede all’Italia di stimolare la crescita e ristrutturare i conti pubblici e di convincere gli italiani che questa è la strada giusta.

In caso contrario, l’Italia porterà a respingere e ridurre i piani di consolidamento finanziario dell’UE.

Tragi ha provocato i demoni dei politici italiani per la ricostruzione postbellica perché questa settimana ha presentato in parlamento il suo piano di spesa e riforma di 273 pagine. Non è lontano il confronto con la catastrofica economia italiana del secondo dopoguerra. Il PIL del paese si è contratto dell’8,9% lo scorso anno, rispetto a una media del 6,2% dell’UE. Più di 120.000 italiani sono morti a causa del Covid-19, la più grande perdita di vite umane a causa del virus.

L’Italia è già stata colpita dall’epidemia del calo dei tassi di natalità. L’anno scorso vi sono nati meno bambini che in qualsiasi altro momento dalla fusione. Quasi il 10% della popolazione vive in assoluta povertà.

Inoltre, l’Italia è stata colpita dal virus quando la sua economia si stava ancora riprendendo dalla crisi finanziaria, rendendola l’unico paese dell’UE a non farlo. Dal 1999 al 2019, il PIL italiano è aumentato del 7,9%, rispetto alla crescita dal 30% al 45% di Germania, Francia e Spagna. La sua produttività economica è diminuita del 6,2% tra il 2001 e il 2019, mentre è cresciuta altrove in Europa. Alla percezione che l’Italia fosse rinchiusa a metà del secolo scorso si aggiunge il fatto che le donne hanno la più bassa rappresentanza del 53% della forza lavoro in Europa.

READ  Un bambino di Woodlands ora in Italia per cure pionieristiche

Dare una scossa elettrica a un’economia quasi disfunzionale è ciò che fa Drake con i suoi enormi costi. Roma è il più grande beneficiario dei 50.750 miliardi di Disaster Relief Fund dell’Unione europea, ei 1 261 miliardi che detiene non hanno precedenti. Tuttavia, il compito è enorme, complesso e pericoloso.

I pilastri del progetto Drake sono gli investimenti pubblici e il settore privato è incoraggiato a investire ulteriormente. Ci sono sei “compiti” di investimento, tra cui la digitalizzazione e l’economia verde (prendendo mezzi di trasporto sostenibili come le reti ferroviarie ad alta velocità). Il 40% della spesa di base totale è disponibile nel sud Italia oppresso. Le donne sono preferite, così come i giovani, e una su tre è disoccupata.

Ma il costo è la leva più semplice da tirare in pista. Il suo lavoro principale è un piano a medio e lungo termine per ristabilire l’economia italiana a sostegno della crescita. Richiede una forte riforma strutturale della giustizia, della pubblica amministrazione, della concorrenza e della burocrazia. Questo sarà più difficile da realizzare rispetto ai sei compiti di investimento. Le riforme andranno incontro a profondi vantaggi e battute d’arresto, come l’evasione fiscale che paralizzerà l’economia italiana.

Ci sono già segni di malcontento politico: i legislatori hanno deriso Tracy in Senato questa settimana quando ha letto brevemente i suoi appunti. Ma l’Italia non ha il Piano B, né l’Europa. Se questo piano fallisce in Italia, lo farà anche la politica monetaria europea. Ciò consentirà a tutti gli attivisti uroscopici del foraggio di rilanciare il loro caso in corso presso la Corte costituzionale tedesca per dichiarare illegale il Fondo europeo per il recupero dei disastri.

READ  I turisti sono felicissimi della ripresa di Costa Cruz dall'Italia

Bola Subacci, economista della Queen Mary University di Londra, sostiene che un doppio colpo – prima il costo, poi le riforme – è “pura resistenza”. Dice di aver ricordato il dibattito politico durante la crisi del debito greco quando era presidente della Banca centrale europea. L’allora ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schaubel, voleva razionalizzare il dibattito nell’ECP, insistendo sul fatto che una riforma strutturale fosse fatta con il progredire dell’economia greca. “La sua posizione è che devi sostenere le persone in caso di emergenza e poi fare riforme strutturali”, dice Subachi. “Ma le riforme sono molto importanti”.