octubre 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Scopri i segni dell’attività geologica su Venere

di

Una nuova ricerca suggerisce che la crosta di Venere è divisa in grandi gruppi – regioni rossastre e viola scuro – che sono circondate da cinture di strutture tettoniche delineate in giallo brillante e rosso. Credito: North Carolina State University, basato su immagini originali NASA/JPL

La superficie di Venere si sta spezzando e si muove come il ghiaccio che galleggia sull’oceano, molto probabilmente a causa dell’attività tettonica.

Grande idea

Gran parte della fragile crosta superiore di Venere si sta spezzando in frammenti che si arrampicano e si muovono, e la lenta increspatura del mantello di Venere sotto la superficie potrebbe essere responsabile. I miei colleghi ed io siamo giunti a questa conclusione usando Dati radar per decenni Per esplorare come la superficie di Venere interagisce con l’interno del pianeta. mezzo dentro Pubblicato un nuovo studio In Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze del 21 giugno 2021.

Scienziati planetari come me Tanto tempo fa Venere ha Un gran numero di terreni tettonici. Alcune di queste formazioni sono cinture lunghe e sottili in cui la crosta viene spinta insieme per formare bave o strappata per formare avvallamenti e solchi. In molte di queste cinture, ci sono prove che anche pezzi di crosta si sono spostati fianco a fianco.

Il nostro nuovo studio mostra, per la prima volta, che queste bande di creste e avvallamenti spesso definiscono i confini di regioni piane e avvallamenti che mostrano a loro volta una deformazione relativamente ridotta e sono singole masse della crosta di Venere che si sono mosse, ruotate e scivolate in passato . Nel tempo – e probabilmente lo hanno fatto nel recente passato. È un po’ come يشبه Le placche tettoniche della Terra Ma su una scala più piccola e più simile Impacco di ghiaccio che galleggia sull’oceano.

Pezzi di ghiaccio che galleggiano nell'oceano

La crosta di Venere si rompe in grandi pezzi che si comportano più come pezzi di ghiaccio che galleggiano sull’oceano. Credito: Endlisnis/WikimediaCommons, CC BY

I ricercatori hanno ipotizzato che – Proprio come il mantello della Terra Il cappello di Venere turbina di correnti mentre si riscalda dal basso. I miei colleghi e io abbiamo progettato il movimento lento ma potente del mantello di Venere e abbiamo dimostrato che era abbastanza forte da rompere la crosta superiore ovunque trovassimo queste masse di terra basse.

READ  Perché le missioni su Marte della NASA resteranno silenziose per settimane?

Perchè importa

La domanda principale su Venere è se il pianeta abbia vulcani attivi e faglie tettoniche oggi. Fondamentalmente ha le stesse dimensioni, composizione ed età della Terra, quindi perché non è geologicamente viva?

bordi di ghiaccio

Quando i pezzi di ghiaccio si scontrano, il ghiaccio viene spinto verso l’alto per creare affioramenti molto simili a ciò che i ricercatori credono accada su Venere. Credito: Ben Holt e Susan Digby / Wikimedia Commons

Ma nessuna missione su Venere ha dimostrato in modo definitivo che il pianeta sia attivo. Ci sono prove allettanti, ma alla fine inconcludenti, per questo Eruzioni vulcaniche si sono verificate lì nel passato geologicamente recente – Potrebbe continuare. La questione dell’attività tettonica – lo scricchiolio, la fessurazione e il ripiegamento della crosta del pianeta – è su un terreno meno solido.

Dimostrare che il motore geologico di Venere è ancora in funzione avrà enormi implicazioni per comprendere la formazione del mantello del pianeta, dove e come possono verificarsi i vulcani oggi e come si forma, distrugge e rimpiazza la crosta stessa. Poiché il nostro studio suggerisce che parte di questo scontro crostale è geologicamente recente, potremmo aver fatto un enorme passo avanti nel capire se Venere è davvero attiva oggi.

Massa di Venere delle pianure

La più grande massa di pianura trovata dal team – la forma rosso scuro al centro di questa immagine radar – ha le dimensioni dell’Alaska ed è circondata da bordi e distorsioni che appaiono in colori più chiari. Credito: Paul K. Byrne/NASA/USGS, CC BY-ND

Ciò che è ancora sconosciuto

Non è chiaro quanto siano comuni questi frammenti corticali. Finora io e i miei colleghi ne abbiamo trovati 58, ma questa è quasi certamente una stima bassa.

READ  Boeing approfondisce la sonda Starliner della NASA, portando a ulteriori ritardi

Né sappiamo ancora quando si siano formati per la prima volta questi crostacei, né da quanto tempo si muovono su Venere. Determinare quando si è verificata la frammentazione crostale e lo scramble è fondamentale, soprattutto se gli scienziati planetari vogliono comprendere questo fenomeno in connessione con la recente sospetta attività vulcanica del pianeta. Scoprirlo ci darà informazioni vitali su come le caratteristiche della superficie del pianeta riflettono i disturbi geologici all’interno.

Qual è il prossimo

Questo studio preliminare ha permesso ai miei colleghi e a me di fare la nostra ipotesi migliore su come si deformano le vaste pianure di Venere, ma abbiamo bisogno di immagini radar ad alta risoluzione e dati topografici per costruire su questo lavoro. Fortunatamente, questo Esattamente quello che otterranno gli scienziati Negli anni a venire, la NASA e l’Agenzia spaziale europea hanno recentemente annunciato nuove missioni dirette a Venere alla fine di questo decennio. Varrebbe la pena aspettare per capire meglio il misterioso vicino della Terra.

Scritto da Paul K. Byrne, Professore Associato di Scienze Planetarie, North Carolina State University.

Originariamente inviato in Conversazione.Conversazione

Per ulteriori informazioni su questa ricerca, vedere Rivelare i segreti geologici di Venere attraverso la tettonica “ice pack”.

Riferimento: “Litosfera globalmente frammentata e mobile su Venere” di Paul K. Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.
DOI: 10.1073/pnas.2025919118