agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Scontri tra palestinesi e ufficiali dell’AP nel terzo giorno di proteste contro l’uccisione di un attivista

I palestinesi si sono scontrati con le forze di sicurezza a Ramallah sabato il terzo giorno di proteste che ha seguito l’uccisione di un importante critico dell’Autorità Palestinese, morto all’inizio di questa settimana sotto la custodia dell’Autorità Palestinese.

Nizar Banat, noto per i suoi video pungenti sui social media, è morto giovedì dopo essere stato arrestato da agenti dei servizi di sicurezza palestinesi.

Secondo i membri della famiglia di Banat, lo hanno visto essere duramente picchiato per otto minuti consecutivi prima che gli agenti lo trascinassero.

Centinaia di manifestanti si sono radunati alla rotonda di Al-Manara, nel centro di Ramallah, per manifestare contro l’uccisione di ragazze e chiedere la fine dei 16 anni di governo del presidente Mahmoud Abbas.

I manifestanti hanno cantato “Il popolo vuole la caduta del regime”, un segno distintivo delle proteste rivoluzionarie del 2011 che hanno travolto il mondo arabo. “Vattene, lasciaci”.

Ricevi l’edizione quotidiana di The Times of Israel via e-mail e non perdere le nostre notizie più importanti. Iscriviti gratis

“Abbas, tu [Israeli] Altri piangevano.

I sostenitori palestinesi del Partito di Liberazione Islamico tengono striscioni durante una manifestazione a Hebron il 26 giugno 2021 per protestare contro l’uccisione dell’attivista palestinese Nizar Banat (MOSAB SHAWER / AFP)

Nei video della scena, le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese hanno sparato gas lacrimogeni sulla folla in un apparente tentativo di tenere i manifestanti lontani dagli uffici presidenziali. Altri, secondo quanto riferito agenti in borghese, possono essere visti trascinare via un manifestante.

“Cooperatori! Collaboratori! Alcuni manifestanti hanno gridato alle forze dell’Autorità Palestinese mentre cercavano di disperdere il raduno.

Una precedente manifestazione a Ramallah guidata da Hizb ut-Tahrir, un’organizzazione politica islamica che cerca di ristabilire il califfato islamico e governare secondo la legge islamica, sembra essersi conclusa senza incidenti.

Migliaia di persone si sono radunate sabato scorso a Hebron, dove il giorno prima si è tenuto il funerale delle ragazze.

Banat, 44 anni, ha una pagina Facebook dove ha caricato video critici nei confronti dell’Autorità Palestinese. Ha spesso aggredito alti funzionari a Ramallah per presunta corruzione e per il loro impegno nella cooperazione per la sicurezza con Israele.

Nizar Banat, un critico esplicito dell’Autorità Palestinese, parla ai giornalisti nella sua casa di famiglia nella città di Hebron, in Cisgiordania, il 4 maggio 2021 (AP/Nasser Nasser)

La sua attività politica ha portato a rappresaglie. A dicembre, Banat è stato detenuto per diversi giorni ai sensi della controversa legge sul crimine informatico del 2018 dell’Autorità palestinese, che consente ai palestinesi di essere accusati di “diffamazione” di funzionari online.

Dopo che Abbas ha annullato le elezioni palestinesi previste per aprile, Banat, lui stesso candidato legislativo in una lista indipendente, ha rilasciato un’intervista molto critica nei confronti del presidente dell’AP su un canale televisivo collegato ad Hamas. Pochi giorni dopo, uomini armati non identificati hanno aperto il fuoco sulla sua casa a Dura, vicino a Hebron.

Banat è fuggito in un bunker in una parte di Hebron controllata da Israele. La città della Cisgiordania è stata divisa dal Protocollo di Hebron del 1997, che divideva la città in aree sotto l’amministrazione palestinese e israeliana.

Giovedì mattina, i servizi di sicurezza dell’Autorità Palestinese hanno fatto irruzione nella casa in cui si trovava. Secondo la sua famiglia, gli agenti hanno spogliato le sue figlie e gli hanno spruzzato gas al peperoncino negli occhi prima di “picchiarlo forte” e trascinarlo via. Due ore dopo, la sua famiglia ha appreso della morte delle ragazze.

L’Autorità Palestinese ha detto che condurrà un’indagine completa con i rappresentanti della famiglia e dei gruppi per i diritti umani.

La sua uccisione ha scatenato una rabbia diffusa tra i palestinesi, che giovedì ha portato a proteste a Ramallah. Centinaia di manifestanti hanno marciato per le strade, chiedendo la fine dei 16 anni di governo di Abbas. La polizia li ha accolti con manganelli e lacrimogeni.

Venerdì, durante un funerale di ragazze a Hebron, i manifestanti hanno cantato: “Abbas, vattene. Questo è il voto di tutti”.

Altri dicevano: “Vattene, esci, tira fuori i cani dell’AP”.

Una folla di palestinesi – apparsi a dozzine – si è riunita anche dopo la preghiera del venerdì alla moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme per intonare slogan contro Abbas e Hamas. Il sito è il terzo luogo più sacro dell’Islam e si trova sul Monte del Tempio, il luogo più sacro dell’ebraismo.

Autorità Palestinese [Israeli] Spie, dal soldato più infimo al capo», gridò la folla.

Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha affermato che l’amministrazione è “profondamente turbata” dalla morte di Banat e ha esortato l’Autorità palestinese a condurre un’indagine trasparente.

“Siamo seriamente preoccupati per le restrizioni imposte dall’Autorità palestinese all’esercizio della libertà di espressione da parte dei palestinesi e per le vessazioni nei confronti degli attivisti e delle organizzazioni della società civile”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price in una nota.

Manifestanti arrabbiati tengono in mano le foto di Nizar Banat, un critico esplicito dell’Autorità Palestinese, e cantano slogan anti-AP durante una manifestazione di protesta per la sua morte, nella città di Ramallah in Cisgiordania, 24 giugno 2021 (AP Photo/Nasser)

L’Unione Europea, il più grande finanziatore dell’Autorità Palestinese, si è detta “scioccata e rattristata” dalla morte di Banat. Martedì, l’Unione Europea ha sostenuto un pacchetto di aiuti di 425 milioni di dollari per il settore privato palestinese, di cui almeno 200 milioni di dollari saranno incanalati attraverso le istituzioni dell’Autorità Palestinese.

“I nostri pensieri vanno alla sua famiglia e ai suoi cari. [A] L’Unione europea ha affermato in una nota che deve essere condotta immediatamente un’indagine completa, indipendente e trasparente.

La Cisgiordania ha visto un leggero aumento degli arresti di attivisti contrari all’Autorità palestinese dagli ultimi 11 giorni di battaglia tra Israele e Hamas a Gaza. I combattimenti hanno fatto sì che la leadership dell’Autorità Palestinese a Ramallah, a cui non piaceva molto, perdesse più sostegno, mentre i suoi rivali di Hamas crescevano in popolarità.

Martedì, le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese hanno arrestato Issa Amro, un altro importante attivista di Hebron, per dichiarazioni che accusavano di corruzione la leadership della Cisgiordania. Amr è stato rilasciato, in attesa dell’udienza del suo caso presso il pubblico ministero presso l’Autorità palestinese.

Manifestanti arrabbiati hanno appiccato incendi, bloccato le strade del centro e si sono scontrati con la polizia antisommossa, dopo che Nizar Banat, un critico esplicito dell’Autorità Palestinese, è stato ucciso nella città di Ramallah, in Cisgiordania, giovedì 24 giugno 2021. AFP/Nasser Nasser)

Il movimento Hamas, che governa la Striscia di Gaza, ha condannato l’uccisione delle ragazze, definendola un “assassinio”.

Hamas, che è in contrasto con il movimento Fatah di Abbas dalla guerra civile del 2007 tra le due parti, ha affermato che “questo crimine premeditato riflette le intenzioni e il comportamento dell’autorità e dei servizi di sicurezza di Abbas nei confronti del nostro popolo, degli attivisti dell’opposizione e dei suoi oppositori politici”. Per controllare Gaza.

Il rivale in esilio di Abbas, Muhammad Dahlan, ha chiesto “un’ampia risposta popolare e legale per ritenere gli assassini responsabili”.

“Non ci sono parole per descrivere l’uccisione dell’eminente attivista nazionale, il martire Nizar Banat”, ha scritto in un tweet Dahlan, che guida una fazione separatista di Fatah nota come Movimento di riforma democratica.

Emmanuel Fabian ha contribuito a questo rapporto.

READ  'Il peggio deve ancora venire'