agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Risolto il problema del “Big Dimming” di Betelgeuse

Immagini nel tempo della star

Gli astronomi dicono di aver messo a tacere un mistero perché una delle stelle più famose nel cielo notturno si è improvvisamente oscurata poco più di un anno fa.

Betelgeuse, la gigantesca gigante rossa nella costellazione di Orione, si è improvvisamente oscurata alla fine del 2019, all’inizio del 2020.

Questo comportamento ha portato molti a ipotizzare che potrebbe essere sul punto di esplodere.

Ma un team che utilizza il Very Large Telescope (VLT) in Cile afferma che c’era sicuramente una gigantesca nuvola di polvere tra noi e la stella.

Anche se non puoi nominare molti punti nel cielo, conoscerai sicuramente Betelgeuse ad occhio nudo. È il punto arancione nell’angolo in alto a sinistra di Orione – o in basso a destra, se stai osservando la costellazione nell’emisfero australe.

Vicino alla Terra, relativamente, a una distanza di circa 550 anni luce, Betelgeuse è quella che è conosciuta come una stella variabile quasi regolare. Illumina e scurisce naturalmente in un periodo di circa 400 giorni.

Ma quello che è successo 18 mesi fa era fuori dall’ordinario. La perdita di luminosità è stata molto maggiore di qualsiasi altra cosa registrata in precedenza.

lavoro artistico

Opera: Nella costellazione di Orione (il cacciatore), Betelgeuse rappresenta la “spalla destra”

L’astronomo Miguel Montargues e colleghi hanno studiato l’evento utilizzando il VLT dell’Osservatorio europeo meridionale, uno dei telescopi più potenti della Terra. Ha la precisione di fotografare direttamente la superficie di Betelgeuse.

I ricercatori hanno confrontato le immagini prima, durante e dopo il blackout e hanno fatto dei modelli per vedere che tipo di comportamento potrebbe innescare le opinioni ottenute.

READ  Le "zone morte" si sono formate frequentemente nel Pacifico settentrionale durante i climi caldi negli ultimi 1,2 milioni di anni سنة

C’erano due idee dominanti. Potrebbe esserci stato un grande punto freddo sulla superficie della stella, perché i giganti rossi giganti come Betelgeuse sono noti per le loro cellule convettive molto grandi che possono causare punti caldi e punti freddi. O forse c’era una nuvola di polvere che si stava formando proprio di fronte alla stella vista dalla Terra.

La spiegazione si rivela essere “un po’ entrambe le cose”, afferma la collega Emily Cannon della KU (A Catholic University) Leuven in Belgio.

“La nostra idea generale è che ci fosse un punto freddo sulla stella che, a causa del calo di temperatura locale, ha poi causato la condensazione del gas precedentemente espulso e la trasformazione in polvere”, ha detto a BBC News.

“Quindi un punto freddo sulla superficie inizialmente ci farà apparire debole la stella. Ma poi questa condensa di polvere si aggiungerà alla rapida diminuzione della luminosità della stella”.

Betelgeuse ha una massa di circa 15-20 volte la massa del Sole. È possibile che un oggetto di queste dimensioni si trasformi in una supernova ad un certo punto. Quindi, non era così folle chiedersi quando si è verificato questo insolito oscuramento che Betelgeuse potrebbe essere in procinto di lasciare in una sbalorditiva esplosione.

Emily Cannon ha dichiarato: “Non credo che questo evento significhi che Betelgeuse diventerà presto una supernova, anche se sarebbe molto interessante e lo spero anch’io!

“Sappiamo che le giganti rosse possono mostrare maggiori tassi di perdita di massa, il che potrebbe indicare una fase successiva della loro vita in cui sono più suscettibili a una supernova. Ma Betelgeuse pensiamo che sia una gigante rossa relativamente giovane e probabilmente ha molto tempo sinistra.”

READ  SpaceX ha lanciato il 29 ° lotto di satelliti Starlink e ha raggiunto una nuova pietra miliare con la punta del missile usata

Quanto tempo è questo? Decine, anche centinaia, migliaia di anni è quel periodo che gli astronomi spesso citano.

Sarebbe una cosa meravigliosa da vedere; L’evento sarà visibile in pieno giorno.

L’ultima supernova osservata nella nostra Via Lattea è stata la stella Kepler, che è stata osservata nel 1604. Le registrazioni degli astronomi in quel momento indicano che era visibile durante il giorno per più di tre settimane.

Rapporto della squadra di Miguel Montargues Le sue scoperte sono sulla rivista Nature.