noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Recensione: il premuroso puzzle platform Minute of Islands a sorpresa rilasciato domenica

Ho già sentito questa storia. Sebbene i dettagli possano essere diversi, il succo della storia è lo stesso. Quando il mondo va a puttane, c’è solo una persona che può salvarci: il Prescelto, attraverso il suo ultimo potere di scelta, deve intraprendere un viaggio disastroso per fermare qualsiasi cosa terribile che minacci il mondo.

È Link in Legend of Zelda, Master Chief in Halo, Kratos in God of War. Questi tipi di eroi compaiono anche in storie più piccole, in mondi più intimi, come il personaggio del giocatore in accogliente boschettoSoddisfando sempre le esigenze di tutti. Ma essere un eroe può essere isolante, persino doloroso.

Foto: Fizbin Studio/Mixtvision Games

un minuto di carote, l’uscita a sorpresa di domenica dello sviluppatore tedesco Studio Fizbin, riguarda proprio questo aspetto dell’essere il prescelto. La protagonista del gioco è Mo, una giovane meccanica che ha ottenuto il titolo di cavaliere per salvare il suo mondo aiutando quattro giganti che vivono sotto la crosta del pianeta. Il gioco usa la metafora con intento, la inquadra come se fosse una storia che ti viene raccontata e i clic sulla tastiera trasformano la narrazione come il fruscio delle pagine di un libro.

La storia inizia su una serie di piccole isole abbandonate da tempo, fatta eccezione per alcuni radicali destinati a guardare sopra la terra, avvelenati da un fungo velenoso che uccide e consuma tutto ciò che vive. Uno di questi estremi è Mo, un meccanico simile all’infanzia che è stato incaricato di scrutare le enormi creature simili a umane che vivono sottoterra in profondi labirinti meccanici. Queste creature un tempo vivevano in superficie e prosperavano tra gli umani, ma furono costrette – per dovere – sottoterra a far funzionare un sistema che purificava l’aria in modo che gli umani potessero respirare. Ma quei sistemi che invecchiano rapidamente spesso si rompono. La storia racconta che Mo, che usa uno strumento chiamato Omni Switch, è l’unico che può riparare queste creature e preservare la terra afflitta. E così facendo salva anche la sua famiglia, bloccata sul posto per non abbandonare Mo.

Mo davanti a un bellissimo santuario dei funghi

Foto: Fizbin Studio/Mixtvision Games

un minuto di caroteIl viaggio dell’eroe ha uno scopo chiaro. Lo Studio Fizbin non sta necessariamente sovvertendo la metafora, ma sta ripensando a cosa significa essere un eroe e per chi. Le isole sono luoghi familiari a Moe, luoghi in cui è cresciuta e ha trascorso la sua giovinezza: la casa della sua infanzia, il parco deserto di suo zio, un faro un tempo vivace. Mo esplora questi luoghi attraverso una leggera piattaforma 2D costellata di semplici puzzle d’azione: posizionare oggetti per nascondere il percorso e far girare le ruote per aprire il cancello. Durante il suo viaggio, Mo raccoglie ricordi di questi luoghi, del periodo prima che i funghi conquistassero il mondo. Gabbiani insanguinati, balene in decomposizione, metallo arrugginito e legno marcio stanno per riparare un gigantesco sistema di filtraggio dell’aria. Si arrampica tra i mondi, la parte superiore infestata dai funghi e le superfici inferiori dove vivono i giganti, ripristinando i sistemi uno per uno, esponendosi così a funghi velenosi.

Attraverso la narrativa del gioco, il giocatore dà una sbirciatina al dialogo interiore di Mo – e mentre il gioco continua, vediamo gli effetti del suo «destino», essendo l’unica persona che può salvare le isole. Mo allontana la sua famiglia – persone che sono chiaramente preoccupate per lei – e soccombe alle pressioni di essere la prescelta. La discesa è lenta ma dolorosa a cui partecipare, poiché Mo crea faide con lo zio, la sorella, gli amici e la nonna. Durante tutto questo, Mo esegue ancora piccoli rituali per mantenere la calma, ma la narrazione è chiara: la missione di proteggere queste terre è distruggere Mo e la sua famiglia.

buio un minuto di carote È condito con uno stile artistico leggero e arioso; È un colorato mondo di cartoni animati che sembra, da lontano, un posto in cui amo vivere. Le piattaforme e gli enigmi sono semplici e soddisfacenti. Ma un esame dei dettagli rivela una realtà ancora più oscura di quegli uccelli insanguinati e dei funghi violenti e belli. Il design visivo rende il gioco leggero anche nei momenti in cui Mo. è presente ah La più oscura, disse la voce nella sua testa, divenne amara e dispettosa.

Nonna Mu seduta su una panchina con una maschera con filtro dell'aria

Foto: Fizbin Studio/Mixtvision Games

Tuttavia, Mo conserva sempre i suoi ricordi felici a cui tornare. Trovare oggetti e spazi che attivano i ricordi di Mu – il pulsante che indica letteralmente il «ricorda» del giocatore – crea momenti piccoli ma toccanti. Puoi completare il gioco senza raccoglierli, ma sono essenziali per illuminare l’oscurità di Mo, e sono questi ricordi che alla fine diventano la sua ancora di salvezza nelle sei ore necessarie per completare il gioco. Quando Mo ricorda le volte che ha trascorso ad ammirare l’aria dell’isola prima che il disastro si abbattesse, dimostra ciò che conta per lei. Nella sua costante corsa per salvare l’isola, può trascorrere solo un minuto questo giorno, con sua nonna alla sua periferia.

È stata la nonna di Mo a spingere Mo ad andare in un posto che aveva sempre temuto. Si scopre che il posto non è affatto disgustoso come i muscoli intricati delle caverne sotterranee o la dura realtà di un’isola uccisa dai funghi. Invece è bellissimo. L’intera gamma di un minuto di carote«I colori sono in piena vista, con splendidi funghi intricati che crescono da ciò che una volta era carne e spore. Ma questo è anche un posto in cui Mo può entrare solo senza il comfort di un Omni Switch. La sua paura non sembra essere correlata alla brutalità, ma piuttosto alla debolezza.

Può essere più facile, a volte, chiudersi fuori, protetti da un pericoloso senso di forza e resilienza, piuttosto che lasciarsi emotivamente deboli. Questo è il lato del viaggio dell’eroe un minuto di carote paga contro. È a questo che è destinato Mo? È davvero l’unica che può salvare questo mondo, e ne ha bisogno? Cosa succede se chiedo aiuto?

Minuto di carote era È stato rilasciato il 13 giugno su Nintendo Switch, PlayStation 4, PlayStation 5 e PC Windows. (Una versione Xbox verrà rilasciata «presto».) Il gioco è stato recensito utilizzando un codice di download per PC Windows fornito dall’editore Mixtvision Games. Vox Media ha partnership di affiliazione. Questi non influiscono sui contenuti editoriali, sebbene Vox Media possa guadagnare commissioni per i prodotti acquistati tramite link di affiliazione. potete trovare Ulteriori informazioni sulla politica etica di Polygon sono disponibili qui.

READ  Il Kobo Elipsa da 10,3 pollici restituisce e-reader super ingombranti