noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Playoff NBA 2021 – Kevin Durant ha ricordato al mondo che può fare qualsiasi cosa in campo

Quando un grande giocatore di tutti i tempi gioca sempre una grande partita, specialmente nei playoff NBA, c’è una sensazione che inizia a sopraffare l’arena quando le persone iniziano a rendersi conto che questo è un momento nel tempo e nello spazio.

L’adrenalina collettiva impone prospettive agli spettatori – e questo può includere giocatori e allenatori di entrambe le squadre – e non possono fare a meno di trattenere il ricordo di come l’hanno vissuto tanto quanto la vista di vederlo accadere.

Kevin Durant Lo ha fatto al Barclays Center martedì sera nella vittoria per 114-108 dei Brooklyn Nets sui Milwaukee Bucks, mentre i Nets avanzavano improbabile 3-2 nella serie East End delle semifinali battendo grandi quote e un deficit di 17 punti.

E conosciamo una persona che ci tiene.

«Sai, è il miglior giocatore del mondo in questo momento», la star dei Bucks نجم Giannis Antikonmo Ha detto dopo aver ottenuto 34 punti e 12 rimbalzi.

Come verrà ricordato? Quarantanove punti in 48 minuti. Strinse le labbra mentre guardava verso il cielo dopo il suo pugnale a tre punte. Oppure chiamalo semplicemente il «quinto gioco».

Parliamo di valutazioni NBA. Ha parlato di tante partite e tanti infortuni. Parla di tutti i replay, i 3-punti o gli abusi che vuoi. Il motivo per cui le persone sono attratte dal basket NBA ai massimi livelli è quello di assumere un piccolo ruolo in un gioco come Durant Introduction.

«Sono stato in grado di accumulare alcuni punti», ha detto Durant seccamente. «Ho giocato ogni minuto, quindi questo mi ha aiutato con il mio punteggio».

Faceva parte dei tentativi di Durant di minimizzarlo allora, in parte perché sapeva che la serie non era finita, e in parte perché probabilmente era così bello comportarsi come se fosse solo un’altra scatola di file.

READ  La Roma completa il contratto con il terzino uruguaiano Fina

Questo ovviamente non è vero. Aveva 17 rimbalzi, 10 assist, 3 palle rubate e 2 muri. Abbastanza stranamente, però, la trasparenza delle statistiche non lo cattura del tutto. Era più legato al vederlo librarsi più e più volte per fare quei maglioni di seta sopra i difensori. Criticare la difesa dei Bucks o non avere l’allenatore del Milwaukee Mike Budenholzer assegnargli Antetokounmpo o non assegnarlo a una doppia squadra; Tutti e nove i giocatori di Durant nel quarto trimestre erano rivali accaniti. fare sei.

«Cosa posso dirti, non è perfetto», ha detto l’allenatore dei Nets Steve Nash di Durant che non è stato eliminato dal gioco. «Ma se non avessimo giocato con lui a 48 anni, probabilmente non avremmo vinto stasera. È una decisione difficile, è una decisione facile ed è molto difficile da prendere».

Il defunto commissario NBA David Stern era solito offrire il saggio detto che la grandezza del gioco e dei suoi giocatori vincono sempre. Gli svantaggi di coloro che giocano, gestiscono, allenano o fanno commissioni diventano irrilevanti quando vedi la benedizione di Durant salire a una tale dimensione di colpi dall’aspetto impossibile.

«Il gioco di Kevin è stato incredibile», ha detto. James Harden, che è stato in campo una o due volte nella sua carriera, anche se siamo onesti, non è proprio in una posizione di virgola come questa. «Era impassibile per tutta la partita».

Tutto nella serata di Harden era ridicolo: era stato elencato il giorno prima ed era passato da dubbioso a dubbioso alla formazione di partenza entro 12 ore. Che aveva 100 dollari in un nastro per terapia elastica che si arricciava su tutta la gamba destra nel disperato tentativo di mantenere i muscoli posteriori della coscia attaccati all’osso. Riesce a malapena a correre o tagliare e gioca ancora 46 Quarantasei! — Minuti. Ne ha tirato 1 su 10 ed è stato comunque molto apprezzato dai compagni.

READ  Aggiornamenti rumor: Xhaka, Patricio e altro, così come la formazione dell'equipaggio di Mourinho

Potrebbe esserci un breve romanzo scritto in Hardin’s Day. Ma è una nota a piè di pagina.

Durant ha un sacco di soprannomi. Durantola. Mietitore magro. JD, ovviamente. Ma il migliore è probabilmente Easy Money Sniper. Lo ama così tanto, è il suo handle di Instagram. Alcuni dei suoi amici lo chiamano Easy Money. Entra nella mente in momenti come questo, chi lo conosce meglio sussurra «Soldi Facili» mentre quei colpi continuano a cadere.

Forse la cosa più sorprendente di tutta la faccenda, Durant ha fatto sembrare tutto davvero facile. Analizzalo fino alla morte, ma quelle commedie definiscono la sua carriera. Che bel modo di ottenere una partita di playoff.

«Onestamente, non sono all’altezza né guardo alle prestazioni», ha detto Durant. «Una volta che succede, cerco solo di andare avanti e vedere se riesco a farlo di nuovo. È stato un gioco divertente di cui far parte. Ci sono state molte partite nella mia carriera che ho ritenuto altrettanto divertenti». Sono sicuro che quando ci penso, possiamo parlarne di nuovo, ma in questo momento è stato grandioso che abbiamo ottenuto una W».