septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Olimpiadi di Tokyo: l’italiano Lamond Marcel Jacobs vince l’oro nei 100m . maschili

Tokyo – Usain Bolt non riconosce cosa è successo sulla sua pista olimpica.

Nella notte della corsa alla medaglia d’oro dei 100 metri di proprietà della superstar giamaicana, gli italiani nati in Texas hanno avuto una storia più profonda del salto a lunga distanza.

Nel Olimpiadi di TokyoMarcel Jacobs è l’uomo più veloce del mondo.

L’italiano ha tagliato il traguardo in 9,8 secondi domenica sera, la prima medaglia conquistata dal Paese nei 100 metri. Pietro Mennia vinse la 200 nel 1980 e Livio Ferruti vinse la gara nel 1960 a Roma.

Anche in una gara senza opzioni chiare – l’americano Ronnie Baker era un candidato e il cinese Xu Pingtain ha stordito 9.83 in semifinale – Jacobs è rimasto sorpreso.

Per prendere il posto che Bolt ha comandato dal 2008, Jacobs ha superato Fred Kerley degli Stati Uniti e Andre DeCross del Canada.

Atletica - Olimpiadi: Giorno 9
L’italiano Lamond Marcel Jacobs celebra la finale dei 100 metri maschili alle Olimpiadi di Tokyo 2020 a Tokyo, in Giappone, il 1 agosto 2021.

Michael Steele / Getty Images


“Non so davvero nulla di lui”, ha detto Kerley della nuova medaglia d’oro. “Ha fatto un lavoro straordinario.”

La vittoria di Jacobs è stata vinta dal suo connazionale Gyanmargo Tampere, che ha vinto l’oro nel salto in alto con il saltatore in alto del Qatar Mudas Essa Parsimi.

Tampery, borbottando a terra, era un uomo che aveva bisogno di qualcuno che lo abbracciasse e scalciasse con gioia dopo la sua frenetica vittoria.

Jacobs, con ogni mezzo, lo trovò quando attraversò per la prima volta il castello, e saltò tra le braccia del velocista dal petto ampio e avvolse il proprio braccio intorno alla testa calva di Jacobs.

Non hanno celebrato l’imprevisto solo una volta.

In precedenza, il venezuelano Yulimer Rojas ha battuto il record mondiale del 26enne di 51 piedi, 5 pollici o 15,67 metri in tre salti.

L’altra medaglia d’oro della giornata è andata al cinese Kong Lijao, che ha battuto l’americana Raven Sanders degli Stati Uniti. Sanders, un uomo nero e gay, indossava una maschera da “incredibile Hulk” quando gareggiava, alzava le mani sopra la testa, impostava “X” con i polsi e terminava la cerimonia di premiazione.

“Questo è un incontro in cui si incontrano tutte le persone oppresse”, ha spiegato.

La vittoria di Jacobs è arrivata dopo e ha lasciato tutti fuori dall’Italia – forse qualcuno in campagna – “Chi?”

È nato a El Paso, in Texas, figlio di padre americano e madre italiana. Si è trasferito in Italia da ragazzo quando l’esercito americano ha trasferito suo padre in Corea del Sud. È stato un esperto di salto in lungo per molti anni e all’inizio di quest’anno ha ottenuto la sua più grande vittoria in una big run al titolo European Champions Indoor 60m.

Il suo record personale è stato un record italiano, 9,95 secondi, stabilito a maggio. Questa è la prima volta che ha rotto 10 secondi.

Ora è nella lista insieme a Jesse Owens, Carl Lewis e Bolt, il campione olimpico dei 100 metri.

Il suo percorso è stato reso molto più facile quando l’americano Trojan Bromel, che era stato il miglior tempo al mondo e il favorito delle probabilità per Tokyo, non ha nemmeno raggiunto la finale.

Bromel è arrivato terzo nella sua manche di semifinale in 9,996 secondi e ha concluso terzo, dicendo “Non so cosa avrei potuto fare di meglio, ma la gara è andata come è andata”.

READ  Sospettato braccio mafioso in Italia per combattere gli incendi - Politico