septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Nuove specie fossili rappresentano l’antico precursore della maggior parte dei rettili moderni

Ricostruzione della vita di Taitalura nel suo habitat naturale con la conifera estinta Rhexoxylon a Ischigualasto (Argentina) durante il tardo Triassico, nascondendosi dal primitivo dinosauro Eodromaeus (sullo sfondo) all’interno del cranio di un antenato di mammifero. Credito: opera d’arte originale creata dall’illustratore scientifico Jorge Blanco

Il team internazionale di ricercatori descrive una nuova specie fossile che è l’antico antenato della maggior parte dei rettili moderni.

Lucertole e serpenti sono una componente importante della maggior parte degli ecosistemi terrestri sulla Terra oggi. Insieme al carismatico tuatara della Nuova Zelanda (un “fossile vivente” rappresentato da un’unica specie vivente), le squame (tutte lucertole e serpenti) costituiscono Lepidosauria – il più grande gruppo di vertebrati terrestri oggi sul pianeta con quasi 11.000 specie, e da di gran lunga il più grande gruppo moderno di rettili; Squama e tuatara hanno entrambi una storia evolutiva molto lunga. I loro lignaggi sono più antichi dei dinosauri, che hanno avuto origine e si sono separati l’uno dall’altro circa 260 milioni di anni fa. Tuttavia, la fase iniziale dell’evoluzione di Lepidosaurus, 260-150 milioni di anni fa, è stata caratterizzata da fossili altamente frammentati che non forniscono molti dati utili per comprendere la sua prima evoluzione, lasciando le origini di questo gruppo di animali estremamente diversificato avvolte nel mistero per decenni. .

In uno studio pubblicato oggi (25 agosto 2021) in temperamento natura Un team internazionale di ricercatori ha descritto una nuova specie che rappresenta il membro più primitivo di Lepidosaurus, Taitalura Alkoberi, trovato alla fine triassico depositi argentini. Scoperto dall’autore principale Dr. Ricardo N Martinez, Università Nazionale di San Juan, Argentina, e Coordinatore presso l’Istituto e Museo di Scienze Naturali, Taitalura È il primo fossile di Lepidosaurus conservato in tre prime dimensioni. Ha permesso agli scienziati di dedurre con grande sicurezza la sua collocazione nell’albero evolutivo dei rettili e aiuta a colmare il divario nella nostra conoscenza delle origini e dell’evoluzione dei primi lepidosauri.

Ricostruzione del cranio di Taytalura

Ricostruzione del cranio di Taitalura basata su scansioni TC ad alta risoluzione (a sinistra) e posizionamento nell’albero evolutivo dei rettili (a destra). Credito: (a sinistra) Gabriela Sobral, Jorge Blanco e Ricardo Martinez; (A destra) Thiago Sim .es

Martinez e il co-autore Dr. Sebastian Apisteguia, Università di Maimonides, Buenos Aires, Argentina, Esegui scansioni TC ad alta risoluzione per Taitalura che ha fornito conferma che aveva qualcosa a che fare con antiche lucertole. Quindi hanno contattato il co-autore Dr. Simões è specializzato nello studio di queste creature e nel 2018 ha pubblicato il più grande set di dati esistente per comprendere l’evoluzione dei principali gruppi di rettili (viventi ed estinti) in temperamento natura.

“Conoscevo l’età e la posizione del fossile e, esaminando alcune delle sue caratteristiche esterne, potevo dire che era strettamente correlato alle lucertole, ma sembrava più primitivo della vera lucertola e questo è qualcosa di davvero speciale”, ha detto Simes.

READ  I satelliti della NASA scoprono che l'atmosfera superiore si sta raffreddando e si contrae a causa del cambiamento climatico

I ricercatori hanno quindi contattato la co-autrice Dr. Gabriella Sobral, Dipartimento di Paleontologia, Museo Stalteliches per Naturede Stuttgart, Germania, per elaborare i dati CT. Sobral, specializzato nell’elaborazione di dati di tomografia computerizzata, ha creato un mosaico di colori per ogni osso del cranio consentendo al team di comprendere l’anatomia del fossile ad alta risoluzione su una scala di pochi micrometri, lo stesso spessore di un capello umano. .

Utilizzando i dati di Sobral, Simões è stato in grado di applicare un’analisi evolutiva bayesiana per determinare il posizionamento appropriato del fossile nel set di dati sui rettili. Simes ha recentemente applicato il metodo Bayes, che è stato adattato da metodi originariamente sviluppati in epidemiologia per studiare come assomigliano i virus COVID-19 Evoluzione – per stimare con precisione il tempo e le velocità di sviluppo anatomico durante l’ascesa dei tetrapodi. L’analisi statistica ha confermato i loro sospetti Taitalura In realtà era il membro più primitivo del lignaggio che alla fine ha dato origine a tutte le lucertole e ai serpenti. “Non è nemmeno una lucertola nell’albero evolutivo, ma è piuttosto la prossima cosa là fuori, tra i veri rettili e il tuatara, e tutti gli altri rettili”, ha detto Simes.

“Questo fossile 3D splendidamente conservato è davvero una scoperta importante. È il fossile più completo che rappresenta le prime fasi dell’evoluzione dei lepidosauri che abbiamo finora. Tutti gli altri fossili conosciuti sono molto incompleti, rendendo difficile la classificazione con certezza, ma il natura completa e dettagliata di Taitalura Rende le sue relazioni più sicure”, ha detto Sobral.

Simes era d’accordo,”Taitalura È un punto chiave nell’albero della vita dei rettili che prima mancava. Poiché questi fossili sono così piccoli, è molto difficile conservarli nella documentazione fossile. E quali fossili candidati abbiamo sono molto frammentati e mal conservati, quindi non forniscono molti dati utili per l’analisi”.

READ  Gli scienziati creano orribili creature simili a ragni

Taitalura Il cranio rivela che i primi lepidosauri assomigliavano più al tuatara che agli scampi, e quindi questa scala rappresenta una deviazione significativa da questo modello ancestrale. Inoltre, ha denti unici che sono diversi da quelli trovati in qualsiasi gruppo vivente o estinto di lepidosauri. “Quello che le nostre analisi ci dicono, insieme ad alcune delle altre caratteristiche anatomiche che possiamo vedere su di loro, in particolare nel cranio, è che questo tipo di corpo sfenodonziano, almeno rispetto al cranio, è il modello ancestrale dei lepidosauri”, ha detto Simois. . I nonni sono molto simili ai tuatara.”

Taitalura Conserva una combinazione di caratteristiche che non ci aspetteremmo di trovare in un fossile così antico. Ad esempio, mostra alcune caratteristiche che pensavamo fossero esclusive del gruppo tuatara. D’altra parte, ci ha fatto chiedere quanto siano “primitivi” alcuni tratti della lucertola e farà riconsiderare agli scienziati diversi punti nell’evoluzione di questo gruppo”, ha detto Sobral.

“Quasi perfettamente conservato Taitalura Il teschio descrive in dettaglio come è sorto un gruppo di animali di grande successo, tra cui più di 10.000 specie di serpenti, lucertole e tuatara”, ha detto Martinez. Ma sottolinea anche l’antica importanza del sito fossile della Formazione Ishigualastu, noto per preservare alcune delle i dinosauri più primitivi del mondo conosciuti L’eccezionale qualità della conservazione dei fossili in questo sito ha permesso la conservazione di qualcosa di così fragile e piccolo come questo esemplare per 231 milioni di anni.

“In contrasto con tutti i fossili di lepidosauro del Triassico trovati in Europa, questa è la prima specie di lepidosauro trovata in Sud America, il che indica che i lepidosauri sono stati in grado di migrare attraverso regioni geografiche molto remote all’inizio della loro storia evolutiva”, concorda Simoys.

READ  Pine Island Ice Shelf si sta facendo a pezzi, accelerando i principali ghiacciai antartici

“Siamo abituati ad accettarlo mesozoico L’era era l’era dei rettili giganti, dei giganteschi mammiferi primitivi e degli alberi giganteschi, quindi di solito cerchiamo fossili che possono essere visti ad altezza umana, semplicemente camminando “, ha detto Apesteguía. Tuttavia, la maggior parte dei componenti di un antico ecosistema erano piccoli, come oggi c’era un mondo di animali che si intrufolavano tra zampe, artigli o zoccoli più grandi. Taitalura Ci insegna che abbiamo perso informazioni importanti cercando non solo animali più grandi, ma anche pensando che l’origine delle lucertole si sia verificata solo nell’emisfero settentrionale poiché le prove sembrano confermarlo finora”.

Mentre Taitalura Primitivi, non sono i lepidosauri più antichi. Il fossile ha 231 milioni di anni, ma ci sono anche fossili di vere lucertole risalenti a 11 milioni di anni. Il team ha in programma di esplorare gli antichi siti nella speranza di trovare specie simili o diverse dello stesso lignaggio che si sono ramificate prima dell’origine delle vere lucertole.

Riferimento: “Il torso del lepidosauro triassico illumina l’origine dei rettili simili a lucertole” 25 agosto 2021 Disponibile qui temperamento natura.
DOI: 10.1038 / s41586-021-03834-3