agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Nicolas Cage spiega perché ha lasciato Hollywood: “Non so se mi piacerebbe tornare”

Nicolas Cage Istintivamente sapeva giocare a Robb, il tetro foraggio al tartufo del centro “maiale.” Il film indipendente esplora il rapporto di Rob con il suo maialino domestico e il suo rapporto tormentato con il suo ex personaggio di chef famoso. Cage, una delle principali star d’azione della fine degli anni ’90 e dei primi anni ’90, è collegato ai complessi sentimenti di Rob riguardo alla fama e al suo desiderio di vivere fuori dalla rete.

“Mi sento come se fossi entrato nel mio deserto e ho lasciato la piccola città che è Hollywood”, dice Cage. “Non so esattamente perché Rob abbia lasciato la sua stella. Non è completamente spiegato e lo adoro nel film. Ma per me, non so se voglio tornare indietro. Non so se voglio andare a fare un altro film Disney. Sarà terrificante. “C’è un clima completamente diverso. C’è molta paura”.

Cage non è l’attrazione al botteghino che era quando ha superato i film dei fumetti come “Ghost Rider” del 2007 e le bombe di Jerry Bruckheimer come “The Rock” del 1996 e “Con Air” del 1997. tariffa, alcune dimenticabili (Kill Chain, chiunque?), alcuni dei quali sono criminalmente invisibili, come nel caso del suo tenero ruolo in “Joe” di David Gordon Green. Ma Cage dice che anche quando andava in alto, a volte si preoccupava delle restrizioni commerciali che venivano imposte alle sue prestazioni.

Nicolas Cage si è detto entusiasta di prendere film indipendenti perché offrono più libertà.
(Foto di Michael Kovac/Getty Images per NEON)

“Quando giravo i film di Jerry Bruckheimer uno dopo l’altro, era un gioco molto stressante. Ci sono stati molti momenti divertenti, ma allo stesso tempo c’era anche un” abbiamo scritto quella frase. Deve aver detto in questo modo”, ricorda Cage. “Ti mettevano una telecamera su di te, ti filmavano e ti dicevano: ‘Ora di’ la linea delle tue rotelle da snowboard’. ma mi piacerebbe anche provare in questo modo.'” Nei film indipendenti, hai più libertà di sperimentare ed essere flessibile. C’è meno pressione e c’è più ossigeno nella stanza. “

READ  La moglie di Bill Cosby, Camille, è stata vista senza la fede nuziale, ma l'attore nega qualsiasi problema

“Pig” è stata un’occasione per Cage per ricordare agli spettatori che è capace di lavorare furtivamente dopo aver allungato le vette dell’opera in film come “Mandy” e “Prisoners of the Ghostland”, l’ultimo dei quali gli ha fatto rappresentare come sarebbe Per far esplodere il testicolo.

“Volevo ricordare a me stesso e ricordare ad alcune persone, forse tra il pubblico o nei media, che potevo anche mettermi in uno stile di esibizione più calmo e misurato”, afferma Cage. “Sono andato su questa lacrima, quasi significativa, per rompere la cifra con la performance del film e quella che era considerata una buona performance essendo naturale, realistica o minimalista”.

Per un film come Prisoners of Ghostland, Cage dice di adattare ogni ritmo della sua interpretazione e applica uno stile di recitazione che chiama “teatro occidentale Kabuki”, un film che attinge alla pronuncia appassionata, all’espressionismo tedesco e all’intensità sfrenata per creare uno stile di suo. Meme, dozzine di loro, è stato dedicato ai risultati delle scene di masticazione. Ha anche ispirato un seguito fedele, con un esperto nientemeno che Ethan Hawke complimenti alla gabbia Come “l’unico attore dopo Marlon Brando che ha fatto qualcosa di nuovo nell’arte della recitazione”.

Nicolas Cage recita nel film indipendente Pig.

Nicolas Cage recita nel film indipendente Pig.
(immagini Getty)

“Ha creato una cultura di quella che io chiamo ‘rabbia in gabbia'”, dice Cage. Sono contento che sia stato comunicato. Sono contento che ci fosse un documento d’identità che ho condiviso con altre persone del cinema interessate”.

Con “Pig”, ha scelto di fare qualcosa di diverso.

“Volevo solo presentarmi sul set, entrare in una stanza e riprendere qualsiasi esperienza di vita, qualunque fossero i miei ricordi, qualunque fossero i miei brutti sogni la notte scorsa, e raccontare solo la storia”, dice Cage. “Volevo tornare a più haiku, in mancanza di una parola migliore, stile di esecuzione. E quando dico lo intendo letteralmente. Un haiku è cinque sillabe, sette sillabe, cinque sillabe, ed è davvero gli spazi tranquilli che voi ragazzi sono stati portati a pensare che sia stato ispirato da.” Parole e clip. Ecco com’è questo film.”

READ  La gioielleria di Ben Affleck e Jennifer Lopez a Capri, ma ancora nessun anello

“Pig” non è solo uno studio personale. Il film esamina anche i forti legami che possono svilupparsi tra umani e animali. Nel caso di Rob, il maiale cacciatore di tartufi è il suo migliore amico e l’unica fonte di amore incondizionato. Per Cage, c’è una relazione simile con il suo gatto, Merlin.

Nicolas Cage apparirà presto in The Unbearable Weight of Massive Talent, dove interpreterà una versione immaginaria di se stesso.

Nicolas Cage apparirà presto in The Unbearable Weight of Massive Talent, dove interpreterà una versione immaginaria di se stesso.
(AFP)

“Sono sempre stato vicino ai miei animali”, dice Cage. “Penso che anche molte persone agli occhi del pubblico probabilmente lo sentano. C’è una verità lì. A volte quando incontri qualcuno che ti conosce da un film ma non ti conosce come te, vogliono in qualche modo indebolirti o ti vedo come un concorrente. Non lo capisci con gli animali, quindi le relazioni tra animali diventano le più vicine alla famiglia. Diventano quelle che non hanno nulla da nascondere e vogliono solo condividere questo momento con te. “

“Pig” apre il 16 luglio e I revisori lo lodano Come ritorno ai Cage, ma non aspettarti che l’attore rinunci ai suoi progetti all’estero. Cage apparirà presto in “L’insopportabile pesantezza del talento”, Interpreta una versione immaginaria di se stesso, un’anziana star reclutata per aiutare la CIA.

“Non vedrò mai quel film”, dice Cage. “Mi è stato detto che era un buon film. Mi è stato detto che la gente lo adora e si gode il viaggio, ma l’ho fatto per il pubblico. È troppo per me andare alla premiere e sedermi lì con tutti. Psicologicamente, è così strano e malconcio per me.”

READ  Il giro nella giungla marina della Disney aggiornato tra polemiche, check out dei "nativi"