enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Italia rende omaggio alle sue coltivazioni emettendo francobolli dedicati a 15 prodotti alimentari

Il 20 novembre 2021 il Ministero dello Sviluppo Economico italiano ha emesso quindici francobolli per la posizione di Fonte Protetta Ortofrutticoli. I francobolli costano € 0,25.

Proprietà timbro I francobolli sono stampati su carta rotocalco bianca, neutra, autoadesiva, non luminosa, di Istido Polygraphico e Jecca Dello Stato Spa; Peso: 90 g/mq; Supporto: carta kraft bianca, monofacciale, 80 g/mq; Resina: di tipo acrilico all’acqua, distribuita in volumi di 20 gsm (secca); Dimensioni foglio 40 x 48 mm; Dimensioni di stampa: 38 x 46 mm; Dimensione tracciamento: 47 x 54 mm; Perforazione: 9 avviene mediante scarico; Colori: sei.

La versione cartacea è composta da 100.000 fogli, contenenti 15 francobolli diversi, disposti in un unico foglio e disposti su tre file, per un totale di 1.500.000 francobolli.

Proprietà del foglio: Dimensioni 259 x 187 mm; Colori: sei.

Nella parte superiore del foglio c’è la scritta «Ministero dello Sviluppo Economico – Prodotti a Denominazione Protetta».

Questi francobolli sono stati disegnati da Fabiana del Curatolo.

Quindici francobolli raffigurano una serie di prodotti agroalimentari italiani con un nome protetto su 170 francobolli approvati dall’UE in grafica stilizzata. Nell’angolo in alto a sinistra di ogni francobollo, è presente il marchio della denominazione di origine protetta, comunemente nota con l’acronimo DOP (DOP).

Sigilli «Dalla terra Italina» (dal suolo italiano) iscrizione e parole correlate come «pomodoro» (pomodoro), «bagiolo» (fagiolo), «carciofo» (carciofo), «arancia» (arancia), «peperoncino» (campana pepe) , «Mela» (mela), «melanzana» (melanzana), «patata» (patata), «costagna» (castagna), «zippola» (cipolla), «nocciola» (nocciola), «fico» (fico ), «Tulsi» (basilico), «Aglio» (aglio), «Pistacchio» (pistacchio), scritta «Italy» (Italia) e cartellino del prezzo «0.25».

Fonte: www.mise.gov.it