septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Italia mette in guardia il Regno Unito contro la detenzione di cittadini UE per violazioni delle frontiere – POLITICO PO

LONDRA – L’Italia ha detto al Regno Unito che è “inaccettabile” rinchiudere i cittadini Ue che si recano nel Regno Unito per colloqui di lavoro o fraintendere le regole sull’immigrazione post-Brexit.

Mentre i due paesi rimodellano le loro relazioni dopo la Brexit, il Sottosegretario di Stato italiano Benedetto Della Vedova ha visitato Londra la scorsa settimana per incontrare i colleghi del Ministero degli Interni e del Ministero degli Esteri del Regno Unito, del Commonwealth e dell’Ufficio per lo sviluppo.

In un’intervista a POLITICO, Della Waddova ha affermato di aver sollevato la questione della detenzione dei migranti con il ministro dell’immigrazione britannico Kevin Foster. “Abbiamo chiarito al Viminale e al ministro Foster che non accettiamo quanto accaduto e ci auguriamo che eventi come questo si svolgano diversamente in futuro”, ha detto Della Vedova.

Questi commenti arrivano dopo i tentativi di entrare nel Regno Unito per lavoro senza visto o status di residenza, o dopo aver viaggiato per colloqui di lavoro, e dopo casi di detenuti dell’UE detenuti nei centri di immigrazione: questa situazione non richiede documenti.

Il mese scorso, l’Ufficio degli Interni ha dichiarato di aver ordinato ai funzionari di frontiera di interrompere il trasferimento di detenuti senza visto di lavoro ai centri di evacuazione dell’immigrazione, mentre i viaggi sono stati ostacolati durante le epidemie. Le autorità di frontiera dovrebbero invece concedere alle persone la cauzione per l’immigrazione “in luoghi appropriati” e consentire loro di rimanere nel paese su cauzione fino a quando non prendono un volo per i loro paesi d’origine.

Della Vedova ha affermato che ai cittadini dell’UE è “garantito di non essere mai rimessi nelle celle” in tali circostanze. Ma il ministro italiano ha affermato che un “cambiamento così drammatico” nelle regole sull’immigrazione del Regno Unito dovrebbe essere “gestito in modo più flessibile e pratico” rispetto ai primi cinque mesi di indipendenza con l’UE. Ha anche avvertito che con la ripresa dei viaggi internazionali, molti più italiani potrebbero cercare di recarsi nel Regno Unito senza i visti richiesti.

READ  Come l'Italia bloccata in sicurezza per avanzare alla finale di Euro 2020

“In tal caso, non stai affrontando un immigrato clandestino, stai affrontando un cittadino dell’UE o un cittadino italiano che non è pienamente consapevole che è successo qualcosa chiamato Brexit”, ha detto Della Vedova.

Una nuova relazione

La visita di Della Waddova a Londra si è concentrata sui primi negoziati per un accordo bilaterale tra Regno Unito e Italia per finalizzare il Brexit Trade and Cooperation Agreement (TCA) firmato lo scorso anno, e il ministro italiano si aspetta che venga “pienamente attuato”.

Il suo obiettivo è raggiungere un accordo entro la fine di quest’anno che consentirà una più stretta cooperazione tra i due paesi su questioni come sicurezza, cambiamento climatico, istruzione, scienza, investimenti e forze dell’ordine.

Quest’ultimo è significativo nella lotta dell’Italia contro la criminalità organizzata. Federico Cabiro, avvocato nazionale antimafia Detto al Guardian Ha avvertito che la condivisione di dati criminali con la Gran Bretagna sarebbe “meno efficace” dopo la Brexit del mese scorso e che le mafie potrebbero “sfruttare” le debolezze nella cooperazione internazionale.

Tuttavia, Della Vadova ha affermato che il governo italiano non ha “visto” il lavoro delle forze dell’ordine con la Brexit Gran Bretagna, aggiungendo che è forte a livello dell’Interpol e diplomatico.

Il ministro italiano ha espresso fiducia che attraverso il DCA e l’accordo bilaterale, il Regno Unito e l’Italia saranno in grado di “mantenere un alto livello di investimenti” nei rispettivi paesi e mantenere “legami molto forti” su questioni internazionali, compresi i diritti umani. Cina.

Riferendosi alla recente decisione del Parlamento europeo di sospendere l’approvazione dell’accordo sugli investimenti UE-Cina fino a quando Pechino non solleverà le sanzioni, ha affermato che Regno Unito e Ue potrebbero “più o meno mantenere la stessa posizione sulla Cina”. Contro i legislatori dell’UE e sospendere gli sforzi dell’UE per riconoscere il testo. “Non voglio dire che questo sia in corso di modifica, ma abbiamo deciso di prenderci un po’ più di tempo per una decisione definitiva”, ha detto Della Vedova.

READ  Record nazionale italiano della staffetta 4 x 100 mista maschile a Napoli Gli uomini italiani battono il record nazionale della staffetta 4 x 100 mista maschile a Napoli

Mancano dei pezzi

I negoziati tra Gran Bretagna e Italia devono ancora risolvere un altro cambiamento Brexit che sta dando fastidio a Roma: le tasse universitarie. Gli studenti dell’UE che iniziano un diploma universitario completo nel Regno Unito nel 2021-22 e arrivano dopo dicembre 2020 dovranno pagare le tasse universitarie più alte e non potranno beneficiare di prestiti universitari.

“Questo è un problema per gli studenti italiani che non possono permettersi di pagare tasse elevate”, ha detto Della Vadova. “Alla fine penso che sarà un problema anche per le università del Regno Unito, perché il reclutamento di studenti, ricercatori e professori nella comunità italiana ha avuto molto successo per gli italiani, ma molto utile per le università”.

Anche l’accordo bilaterale Regno Unito-Italia non dovrebbe chiedere asilo, che è una riforma significativa per il Ministero degli Interni dopo la Brexit. La Gran Bretagna vuole rimpatriare i rifugiati nel primo paese sicuro o paese terzo in cui entrano in un viaggio nel Regno Unito. Per fare ciò, il Regno Unito cerca accordi bilaterali con gli Stati membri dell’UE, ma costringe altre capitali a negoziare. Della Vedova ha affermato che al momento non ci sono colloqui sull’asilo tra i due paesi poiché l’Italia si oppone a tale politica.

In qualità di importante esportatore di formaggi, verdure e altri alimenti freschi nel Regno Unito, l’Italia sta anche monitorando da vicino la graduale introduzione dei controlli alle frontiere dell’UE sulle esportazioni nel Regno Unito, la maggior parte dei quali entrerà in vigore dal 1° gennaio 2022. Alla domanda sul loro potenziale impatto sulle esportazioni italiane, Della Vadova ha affermato che sono necessari maggiori investimenti, ma ha espresso fiducia che l’UE e il Regno Unito si conformeranno agli standard concordati lo scorso anno perché era nell’interesse reciproco non “rompere così bene ciò che sta accadendo .”

READ  Matter ha vinto la sesta tappa del Giro di Italia, con Walter Race in testa

“Ambizione [of the Italy-U.K. bilateral relationship] Ci deve essere qualcosa di peggio del passato “, ha detto.

Hai bisogno di più analisi da Politico? Politico Pro è il nostro servizio di intelligence premium per i professionisti. Dai servizi finanziari al business, dalla tecnologia alla sicurezza informatica e altro ancora, devi mantenere l’intelligence in tempo reale Pro, l’intelligence approfondita e l’ambito di rottura un passo avanti. E-mail [email protected] Richiedi un test di complimento.