octubre 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’esclusivo presidente di Weibo, la State Corporation intende rendere privato il Twitter cinese – Fonti

HONG KONG, 6 luglio (Reuters) – Società Weibo quotata al Nasdaq (WB.O) Fonti hanno detto a Reuters che il presidente e un investitore statale cinese hanno intenzione di tenere privata la risposta della Cina a Twitter, inviando le sue azioni fino al 50% martedì.

Le fonti hanno affermato che l’accordo potrebbe valutare Weibo a più di 20 miliardi di dollari, facilitare l’uscita dell’azionista Alibaba e vedere Weibo eventualmente rimpatriare in Cina per sfruttare le valutazioni più elevate.

Tre fonti hanno affermato che la holding del presidente Charles Chao New Wave, il maggiore azionista di Weibo, sta collaborando con una società statale con sede a Shanghai per formare un consorzio per l’accordo, senza rivelare l’identità della società statale.

Due fonti hanno affermato che il consorzio sta cercando di fare un’offerta tra $ 90 e $ 100 per azione per Weibo privata, che rappresenta un premio compreso tra l’80% e il 100% rispetto al prezzo medio delle azioni di $ 50 nell’ultimo mese.

Hanno detto che il gruppo mira a chiudere l’accordo quest’anno.

Weibo ha dichiarato in una dichiarazione che Zhao e un investitore governativo sono in trattative per rendere privata la società. Ha citato Zhao dicendo che non aveva avuto alcuna discussione con nessuno sulla cancellazione della società.

Weibo e Alibaba non hanno risposto alle richieste di Reuters di ulteriori commenti. Zhao non ha risposto a una richiesta di commento tramite la società madre Weibo Sina.

Azioni in Weibo, che gestisce una piattaforma simile a Twitter (TWTR.N), è aumentato di oltre il 50% nel trading pre-mercato dopo il rapporto Reuters. Questi guadagni si sono ridotti a poco più del 6% dopo la campana di apertura.

READ  La Securities and Exchange Commission (SEC) ha appena approvato la cosa più vicina a un ETF Bitcoin statunitense che puoi acquistare, proprio ora | Notizie sulla valuta | Notizie finanziarie e commerciali

Motore di Pechino

Tre fonti separate che hanno familiarità con la questione hanno detto a Reuters che i piani derivano dall’offerta di Pechino di acquisire Alibaba Group Holdings Limited (9988.HK) La consociata Ant sta spogliando le proprie partecipazioni mediatiche per frenare la propria influenza sull’opinione pubblica cinese.

Tutte le fonti hanno rifiutato di rivelare i loro nomi a causa delle restrizioni alla riservatezza.

Reuters ha riferito a febbraio che Weibo aveva assunto banche per lavorare su una quotazione secondaria a Hong Kong nella seconda metà del 2021. Questo non è più il piano, hanno detto fonti. Leggi di più

Il rapporto annuale di quest’ultimo ha mostrato che Alibaba aveva acquisito il 30% di Weibo a febbraio, per un valore di 3,7 miliardi di dollari alla chiusura di venerdì.

repressione organizzativa

Pechino ha cercato di tenere a freno l’impero commerciale Alibaba del miliardario cinese Jack Ma lanciando una serie di nuove indagini e regolamenti dallo scorso anno.

La repressione ha seguito le critiche pubbliche ai regolatori in un discorso nell’ottobre dello scorso anno e negli ultimi mesi ha travolto il settore Internet cinese che fa girare i soldi.

I dati di Refinitiv hanno mostrato che il gigante dell’e-commerce Alibaba ha investito in quasi 30 società di media e intrattenimento, tra cui il principale quotidiano in lingua inglese di Hong Kong, il South China Morning Post.

Due delle fonti hanno affermato che l’accordo con Zhao discusso probabilmente la vedrebbe uscire da Weibo.

Le fonti hanno aggiunto che il piano riflette anche gli sforzi della Cina per rafforzare il controllo sui media privati ​​e sulle società Internet.

READ  Tesla lancia un pacchetto di abbonamento completo per la guida autonoma a $ 199 al mese

Anche le società cinesi quotate negli Stati Uniti devono affrontare un esame approfondito e requisiti di audit forse ancora più severi da parte delle autorità di regolamentazione statunitensi, in mezzo alle tensioni politiche tra Pechino e Washington.

Diverse società cinesi hanno già scelto di uscire dalle borse statunitensi, passando ai mercati privati ​​o tornando ai mercati azionari più vicini a casa attraverso una seconda quotazione.

I dati di Dealogic hanno mostrato che lo scorso anno sono state annunciate 16 svalutazioni di società cinesi quotate negli Stati Uniti per un valore di 19 miliardi di dollari, rispetto a solo cinque di tali operazioni del valore di 8 miliardi di dollari nel 2019.

Il governo cinese ha dichiarato martedì che rafforzerà la supervisione delle società quotate estere, citando la necessità di migliorare la regolamentazione dei flussi di dati transfrontalieri e della sicurezza. Leggi di più

forte concorrenza

Weibo è cresciuto rapidamente dal suo lancio nel 2009 in un mercato in cui Twitter è bloccato dal governo. Più di 500 milioni di cinesi usano Weibo per esprimere le loro opinioni su tutto, dalle soap opera coreane agli ultimi intrighi politici in Cina.

Alibaba ha acquisito una quota del 18% in Weibo nel 2013 con un investimento di $ 586 milioni come prima grande mossa per vendere annunci sui social network in Cina. Da allora ha aumentato la sua quota.

Weibo, che è stata quotata in borsa al Nasdaq nel 2014, ricava la maggior parte delle sue entrate dalla pubblicità online.

Ciò ha allarmato gli investitori poiché il tasso di crescita della pubblicità online cinese è rallentato e Weibo ha anche perso terreno nella concorrenza con altri giganti della tecnologia come ByteDance e Tencent. (0700.HK).

READ  Tyson Foods Inc. sta ricordando. I prodotti a base di pollo pronti possono essere contaminati da listeria

Le entrate pubblicitarie e di marketing della società con sede a Pechino sono diminuite del 3% lo scorso anno a 1,5 miliardi di dollari.

Le sue azioni sono aumentate del 33% quest’anno dopo essere diminuite del 12% nel 2020.

Segnalazioni aggiuntive di Julie Zhou e Bi Lee a Hong Kong; Montaggio di Sumit Chatterjee, Jason Neely e David Goodman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.