diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le aziende vogliono costruire un mondo virtuale per copiare il mondo reale

NStutto questo proliferazione dei metaversi. Da quando Mark Zuckerberg, il capo di Facebook – scusate meta – ha presentato la sua visione a fine ottobre di mondi virtuali immersivi in ​​cui pensava che le persone avrebbero voluto trascorrere molto tempo, nuovi mondi sono apparsi ovunque. Il mondo dello spettacolo delizierà gli amanti della musica, gli influencer si riverseranno nel mondo della moda per sfoggiare abbigliamento digitale e ci sono persino gli squali del metaverso (legati alla criptovaluta). Per lo più questi sono il frutto di un’idea di esperti di marketing che stanno mettendo un nuovo segno sull’ultima frenesia tecnologica.

Ascolta questa storia

Goditi più audio e podcast iOS o Android.

Un nuovo mondo virtuale merita vera attenzione: The Metaverse Foundation. Dimentica le rock star e i vestiti eleganti, questa è fondamentalmente una copia digitale in carbonio dell’economia fisica. Costruire schemi vividi e interattivi che ripetono il mondo fisico può, nel tempo, arrivare a modellarlo. Capire cosa questo possa significare è diventato sempre più chiaro negli ultimi giorni. Microsoft, la più grande azienda di software al mondo, all’inizio di questo mese l’ha inserita nella sua posizione di mercanteggiamento annuale di clienti, così come Nvidia, uno dei principali produttori di processori grafici, il 9 novembre.

I mondi virtuali aziendali stanno diventando una realtà più che nella versione consumer Meta, dove le persone potranno uscire con i loro amici in fantastiche ville sul mare. In contrasto con questo metaverso, che è popolato principalmente da avatar umani, la versione aziendale è molto più che una raccolta di oggetti. Questi sono «gemelli digitali», virtuali Tridimensionale Repliche per tutti i tipi di asset fisici, dalle singole viti a intere fabbriche.

Fondamentalmente, sono collegati al loro vero sé – un cambiamento nel negozio, ad esempio, attiverà il cambiamento equivalente nel gemello digitale – e raccolgono dati su di loro. Questa impostazione consente gli impegnativi miglioramenti della produttività odierni, ad esempio migliorando il modo in cui i gruppi di dispositivi lavorano insieme. Le modifiche possono quindi essere replicate virtualmente nel mondo reale. I sostenitori sperano che venga tracciato un percorso per automatizzare maggiormente il funzionamento interno dell’azienda.

Se il metaverso diventa una realtà non è solo un interesse per gli appassionati di IT aziendali (Lui lei). Le innovazioni scaturite dalle intuizioni del mondo dei mirror digitali possono aiutare le aziende a diventare più adattabili ed efficienti, aiutandole, ad esempio, a ridurre le emissioni di carbonio. Anche i promotori del concetto sostengono che rimuoverà il vecchio adagio, coniato dall’economista premio Nobel Robert Solow, secondo cui «si può vedere l’era dei computer ovunque tranne che nelle statistiche sulla produttività».

Il concetto di questo «doppio mondo», come potrebbe essere chiamato il progetto del metaverso (si troverà sicuramente un bel soprannome), non è nuovo. Alcune delle tecnologie necessarie esistono da anni, inclusi dispositivi con sensori per acquisire dati, noti come «Internet of Things» (IoT), un’altra area che è ancora in attesa dell’aggiornamento del titolo. Un programma per la progettazione di repliche virtuali dettagliate che hanno avuto origine nei giochi per computer, lo standard attuale per i mondi immersivi.

Ma altri bit sono recentemente diventati abbastanza buoni, inclusi collegamenti wireless ultraveloci per connettere sensori e cloud computing e intelligenza artificiale, che possono prevedere come si comporterà probabilmente il sistema. «I gemelli digitali riuniscono tutte queste cose», spiega Sam George, che dirige lo sforzo della Metaverse Foundation in Microsoft.

Come al solito come produttore di software aziendale, Microsoft ha sviluppato un’intera piattaforma su cui altre aziende possono sviluppare applicazioni su di essa. Ciò include strumenti per creare gemelli digitali e analizzare i dati che raccolgono. Ma questo «stack», come sono noti questi blocchi di codice, fornisce anche una tecnologia che consente alle persone di collaborare, tra cui Mesh, un servizio che ospita spazi virtuali condivisi e HoloLens, un visore di realtà mista con cui gli utenti possono scansionare il loro gemello digitale.

Le radici di Nvidia nella computer grafica significano che si concentra maggiormente sulla collaborazione e sulla creazione della domanda per i suoi chip. Omniverse è anche una piattaforma per spazi virtuali condivisi, ma consente a gruppi di utenti di portare oggetti che hanno costruito altrove e combinarli in un gemello digitale su cui possono poi lavorare come una squadra. La forma tecnica comune richiesta per tale cooperazione per supportare i gemelli digitali arriverà allo stesso modo linguaggio di programmazione, un linguaggio di formato standard, supporta già le pagine web, prevede Richard Kerris, responsabile di Omniverse.

Entrambe le piattaforme hanno già attratto un gran numero di startup e altre aziende che stanno costruendo alcune delle loro attività su questa tecnologia. Cosmo Tech, ad esempio, utilizza gli strumenti Microsoft per eseguire complesse simulazioni di gemelli digitali per prevedere come si evolveranno. E Bentley Systems, che vende software di ingegneria, utilizza Omniverse per migliorare la propria infrastruttura energetica. Microsoft e Nvidia hanno anche collaborato con importanti aziende per mostrare i loro prodotti. Via InBev, il gigante della birra, sta collaborando con Microsoft per creare gemelli digitali per alcuni dei suoi oltre 200 birrifici al fine di controllare meglio il processo di produzione della birra. Nel caso di Nvidia, il primo partner è BMW, che utilizza Omniverse per facilitare la riconfigurazione delle sue 30 fabbriche per nuove auto.

Nonostante tutta questa attività, non è un dato di fatto che il metaverso decollerà così rapidamente, se non del tutto, i suoi protagonisti si aspetterebbero. Sforzi simili sono falliti o sono stati delusi, inclusi diversi progetti IoT. Si scopre che le «città intelligenti», che erano i tentativi primari di costruire modelli urbani, utilizzavano una tecnologia non all’altezza e si affidavano troppo agli standard di proprietà.

Tuttavia, se il metaverse aziendale è già stato formato, sarà un processo interessante. Sarà basato su tecnologia proprietaria o standard aperti (c’è già un Digital Twin Consortium)? chiede George Gilbert, un veterano osservatore di Lui lei Industria, come verranno pagati i produttori di software come Microsoft per i loro prodotti? Poiché il loro codice sarà più integrato che mai nei prodotti e nei servizi delle aziende, alcuni potrebbero chiedere una fetta delle entrate invece di una licenza o un canone di abbonamento.

Poi c’è la questione di come funzionerà l’economia globale. Poiché la maggior parte delle attività aziendali verrà replicata digitalmente, gli economisti potrebbero avere una visione senza precedenti di ciò che sta accadendo. I gemelli digitali possono scambiarsi servizi tra di loro e possono persino sostituire le aziende come principale unità di analisi. Se i gemelli digitali vivono sulla blockchain, il tipo di piattaforma che è alla base della maggior parte delle criptovalute, possono persino diventare indipendenti e possedere se stessi. Aspettati almeno tante possibilità quanti sono i metaversi da svelare.

Questo articolo è apparso nella sezione business dell’edizione cartacea sotto il titolo «Virtual world, Inc»

READ  Pleasant Hill In-N-Out Hotel riapre la portiera dell'auto, tiene chiusa la sala da pranzo a causa delle violazioni del vaccino COVID