mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le autorità di regolamentazione europee in Italia, Francia, Germania e Regno Unito frenano la big tech

Una protesta contro la multinazionale tecnologica Amazon durante la diffusione della pandemia di COVID-19, il 27 novembre 2020, a Roma, in Italia.

Antonio Masilo | Notizie Getty Images | Getty Images

Quando l’autorità di regolamentazione della concorrenza italiana ha imposto una massiccia multa di 1,13 miliardi di euro (1,28 miliardi di dollari) Amazon Il mese scorso, questa è stata l’ultima di una serie di mosse contro Big Tech.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha intensificato lo scorso anno la sua azione con una serie di sentenze contro il colosso dell’e-commerce, alfabeto Titolare di Google e Facebook morto, Ad esempio, ma non limitato.

nel caso se L’ultima multa di AmazonIl regolatore non era d’accordo con una società che incoraggiava i venditori italiani a utilizzare la propria logistica, Fulfillment by Amazon, che secondo il regolatore era un abuso della sua posizione dominante. È un’accusa che Amazon nega.

Renaud Foukart, docente di economia alla Lancaster University nel Regno Unito, ha detto alla CNBC che sanzioni monetarie significative in questa occasione fanno parte della tendenza delle autorità di regolamentazione nazionali che lavorano contro le grandi aziende tecnologiche perché le indagini più ampie a livello dell’UE possono essere «troppo lente».

«Le autorità di regolamentazione nazionali vogliono dimostrare di essere attive, che stanno effettivamente facendo qualcosa», ha affermato.

L’AGCM è molto attiva. Per tutto il 2021 sono state inflitte diverse multe a grandi società tecnologiche statunitensi. In un caso a parte, esso Amazon e Apple multate Sulla presunta cooperazione anticoncorrenziale. Google è stata multata di 102 milioni di euro per «abuso di posizione dominante» nel suo prodotto software per auto ea febbraio ha multato Facebook di 7 milioni di euro per l’utilizzo dei dati.

READ  Sanofi acquista Translate Bio per 3,2 miliardi di dollari in mRNA Push

Le sanzioni variano ampiamente in termini di dimensioni, ma portano un messaggio simile: le autorità di regolamentazione nazionali agiranno nei loro mercati interni.

Ma i regolatori come l’AGCM non rimarranno incontrastati con le loro sentenze. Amazon ha risposto e prevede di presentare ricorso contro la multa di $ 1,28 miliardi.

«La proposta di multa e i danni sono ingiustificati e sproporzionati», ha affermato un portavoce.

Capacità del regolatore sotto pressione

Non sorprende che alcuni regolatori nazionali, come quelli in Italia, Francia e Germania, abbiano preso la propria iniziativa per agire in modo aggressivo contro le grandi aziende tecnologiche, ha affermato Maria Luisa Stasi, chief legal officer di ARTICLE 19, una ONG per i diritti digitali. .

«Alcune autorità garanti della concorrenza in Europa tendono a informarsi sul settore o su studi di mercato in cui ritengono che esista un ambiente in cui potrebbero esserci dei problemi piuttosto che aspettare di ricevere reclami», ha affermato.

Ha aggiunto che non è un caso che queste indagini si stiano svolgendo in mercati con una popolazione più ampia con un pubblico digitale e consumatori più sofisticati.

«In alcuni dei casi più grandi che vediamo in Europa al momento, sono stati in qualche modo sostenuti, se non avviati, da associazioni di consumatori o individui che si uniscono», ha affermato. «È più una spinta dal basso».

Tuttavia, ha affermato, ci saranno problemi di budget, risorse e capacità, poiché le autorità di regolamentazione di tutte le forme devono affrontare ostacoli con carichi di lavoro digitali sempre più grandi.

Passare al setaccio prove e dati, in particolare nel caso delle grandi e globali società di Big Tech, richiede uno sforzo significativo che può mettere a dura prova budget e conoscenze.

«Se metti sulla mia scrivania una serie di protocolli o codici, non sarò in grado di dirti se questo è uno strumento di calcolo del cartello o meno perché non sono in grado di leggerlo. Potrebbe rallentare molto il processo. «

Grandi riforme in corso in Europa

Mentre artisti del calibro dell’AGCM hanno agito da soli, il dinamismo della regolamentazione della concorrenza in Europa, in particolare in relazione alle big tech, sta per subire una profonda revisione.

il Legge sui mercati digitali Si tratta di una serie completa di nuovi regolamenti dell’UE che sono ancora in fase di attuazione ma si stanno avvicinando al traguardo. Sarà una priorità assoluta per il Consiglio dell’Unione Europea, dove i ministri del governo si riuniranno per adottare le leggi, attualmente guidato dalla Francia.

La DMA inasprirà le regole per le grandi aziende tecnologiche – i cosiddetti vigilantes – che sono dominanti nel mercato per prevenire gli abusi. Introdurrà inoltre un maggiore controllo degli accordi relativi a fusioni e acquisizioni.

La Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, condurrà indagini su abusi o misfatti da parte dei guardiani.

Luisa Stasi ha affermato che la questione della capacità e delle risorse è imperniata anche sull’analisi meccanica dinamica.

«Quasi tutto spetterà all’ufficio dell’Unhcr», ha detto, «riuscirà la commissione a farlo? Ancora una volta, una questione di capacità».

Nel frattempo, altri regolatori nazionali, sia nel diritto della concorrenza che in altri settori come la privacy e la protezione dei dati, continuano ad agire.

«I tedeschi sono molto attivi e i francesi sono stati molto attivi in ​​passato», ha detto Fockert della Lancaster University.

Nella prima settimana di gennaio, il data watchdog francese CNIL schiaffeggiato google e facebook Con sanzioni rispettivamente di 150 milioni di euro e 60 milioni di euro per il loro utilizzo di cookie, mentre l’Ufficio federale dei cartelli Indagine di Google Sotto i poteri di nuova attribuzione.

Ma ha aggiunto che molti regolatori devono soccombere a periodi prolungati.

«Ho trovato [against] Una di quelle grandi aziende, devi ancora vincere in tribunale più tardi. Possono fare appello a livello europeo».