diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le accuse dell’avvocato italiano contro il giornalista del Guardian segnalate dall’organismo di vigilanza sui diritti umani | Libertà di stampa

Due accuse diffamatorie da parte di un pubblico ministero italiano contro un giornalista del Guardian sono state segnalate come possibili atti di «molestie e intimidazioni» dello Stato in un sistema di allerta gestito dal principale organismo europeo per i diritti umani, il Consiglio europeo.

Galergo Ferrara, avvocato di Palermo, ha intentato una causa per diffamazione contro il giornalista Lorenzo Tondo nel 2019 in relazione a un post su Facebook e ad articoli falsi pubblicati dal Guardian. La prima udienza in uno dei casi di diffamazione è ora fissata per febbraio 2022.

Come affermato in Un avvertimento Il Consiglio europeo dei giornalisti e la Federazione internazionale dei giornalisti hanno pubblicato sulla «Piattaforma di sicurezza» del Consiglio d’Europa che le azioni legali impediranno a Tondo di svolgere i propri compiti di cronaca. Il governo italiano non ha ancora risposto all’avvertimento.

Secondo il Consiglio d’Europa, un organismo del dopoguerra firmato da 47 governi degli Stati membri, la piattaforma «Sicurezza dei giornalisti» «segnala sulle minacce e sulla responsabilità degli Stati membri per rafforzare la risposta dell’Europa alle gravi minacce alla sicurezza dei giornalisti e alla libertà dei media in Europa .»

Nell’ultimo anno, sono stati ricevuti 212 avvisi di questo tipo in 33 paesi e 78 paesi hanno ricevuto una risposta dal governo interessato. Secondo il Consiglio d’Europa, nessuno degli avvertimenti è stato «risolto».

Le cause per diffamazione di Ferrara contro Tondo sono legate al rapporto del Medani Desfamarium Berhe dell’Eritrea nel 2016 sull’erronea identificazione di uno dei trafficanti di esseri umani più ricercati al mondo dagli avvocati di Palermo. Il soprannome di «Generale».

READ  I richiedenti asilo aiutano a produrre il famoso vino Brunello italiano

Nel luglio 2019, il giudice Alfredo Mondaldo ha archiviato la causa degli avvocati contro Berhe e ne ha ordinato l’immediato rilascio. È stato arrestato a Khartoum, in Sudan, con l’aiuto della National Crime Agency britannica e della polizia sudanese.

«Questo è un caso di falsa identità», ha detto il giudice. «L’uomo in prigione è stato arrestato ingiustamente».

Berhey è stato accusato di favorire l’immigrazione clandestina per aiutare suo cugino a raggiungere la Libia. Il giudice ne ha disposto l’immediato rilascio perché aveva già scontato tre anni di carcere.

Il primo caso contro Berhev guidato da Ferrara, in un rapporto giudiziario di 400 pagine, ha dichiarato la corte di Aziz colpevole di «grave negligenza» nascondendo le prove. Secondo i giudici, in alcuni casi le accuse dei pubblici ministeri «non sembravano irregolari e sufficienti».

Gli avvocati fanno ricorso contro il cosiddetto processo «Mered» in Italia. Non ha potuto riferire sugli appelli, iniziati il ​​27 ottobre, a “risultato” del caso del Guardian contro Tondo, cronista del sud Italia, come avvertito dal Consiglio d’Europa.

Il Consiglio d’Europa avverte: “Nel 2016 i pubblici ministeri siciliani hanno annunciato l’arresto di un uomo eritreo di 35 anni a Khartoum (Sudan), accusandolo di essere ‘Il generale’, Medani Yehdeko Merrett. I trafficanti di esseri umani internazionali più ricercati al mondo.

«Durante un successivo processo a Palermo, Tondo ha inizialmente sollevato sospetti basati su indagini basate su prove: il detenuto non era Mert, ma un rifugiato innocente il cui nome era Medani Desfamarium Berhe, mentre Mert era attivo in Uganda.

“Tra dicembre 2019 e gennaio 2020, a Tondo sono state notificate due cause civili per diffamazione intentate dall’avvocato Ferrara: una era il suo post su Facebook e l’altra i suoi articoli pubblicati sul Guardian.

READ  Molti sono arrabbiati perché la statua di Joe DiMaggio è sparita dalla piazza di Little Italy; Sports Hall of Fame dice che è loro e si trasferisce con loro - CBS Chicago

“Sebbene il tentativo di arbitrato obbligatorio si sia concluso il 5 novembre 2020, l’avvocato Ferrara ha aspettato quasi un anno per confermare i casi, che è stato annunciato poco prima dell’inizio del secondo processo di ‘merito’. I critici dicono che questo potrebbe segnare una mossa strategica per evitare che il secondo processo «Merret» insabbia e minacci Tondo.

Romina Marceca, giornalista del quotidiano italiano La Repubblica, è stata citata in giudizio da Ferrara per aver riportato l’inchiesta originale.

Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno per l’informazione, organizzazione nata per tutelare i diritti dei giornalisti, ha dichiarato: “In Italia è pericoloso criticare un avvocato. Se un giornalista osa farlo, l’avvocato gli farà causa per diffamazione, costringendolo a difendersi in tribunale e ad assumersi le spese.

«Eventi di questo tipo non sono rari e causano grandi disagi ai giornalisti. Ossigeno per l’informazione continuerà a sostenere Lorenzo Tondo in questa battaglia legale, e continuerà a farlo con il Guardian e la comunità europea dei giornalisti.

Contattato, Ferrara ha detto di aver chiesto al suo legale di rispondere.