enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Parker Solar Probe della NASA è diventata la prima navicella spaziale a «toccare» il sole

«Il Parker Touching the Sun Solar Probe è un momento decisivo per la scienza solare e un risultato davvero notevole», ha dichiarato in una nota Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Science Mission Directorate della NASA.

«Non solo questo risultato ci fornisce una visione più profonda dell’evoluzione del nostro sole e dei suoi effetti sul nostro sistema solare, ma tutto ciò che apprendiamo sulla nostra stella ci insegna anche di più sulle stelle nel resto dell’universo».

La Parker Solar Probe è stata lanciata nel 2018 e ha iniziato a girare vicino al sole. Scienziati, compreso l’astrofisico omonimo del veicolo spaziale Eugene Parker, vuole rispondere a domande di base sul vento solare che scorre dal sole, rilasciando particelle energetiche attraverso il sistema solare.

La corona del sole è molto più calda della superficie effettiva della stella e la navicella spaziale potrebbe fornire un’idea del perché. La corona ha una temperatura di circa 1 milione di gradi Kelvin (1.800.000 gradi Fahrenheit) nel suo punto più caldo, mentre la temperatura superficiale è di circa 6000 K (10.340 gradi Fahrenheit).

La navicella spaziale ha già fatto scoperte sorprendenti sul sole, inclusa la scoperta nel 2019 di strutture magnetiche a zigzag nel vento solare chiamato Operazioni di commutazione.

Ora, grazie al recente approccio di Parker al Sole, la navicella spaziale ha aiutato gli scienziati a determinare che questi riflessi hanno origine dalla superficie del Sole.

Prima che la missione Parker Solar Probe finisca, avrà effettuato 21 avvicinamenti più ravvicinati al Sole nel corso di sette anni. La sonda orbiterà a 3,9 milioni di miglia dalla superficie del Sole nel 2024, più vicino alla stella di Mercurio, il pianeta più vicino al Sole.

READ  Gli scienziati delle Hawaii hanno scoperto uno dei pianeti più piccoli mai visti

Anche se sembra lontano, i ricercatori lo identificano con la sonda sulla linea delle quattro yarde del campo di calcio e il sole è la zona finale.

Più vicini al sole, gli scudi solari in carbonio da 4 pollici di spessore dovrebbero resistere a temperature vicine a 2.500 gradi Fahrenheit. Tuttavia, l’interno del veicolo spaziale e dei suoi strumenti rimarranno a una temperatura ambiente confortevole.

Noor Al Rawafi, Parker Project Scientist presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory di Laurel, nel Maryland, ha dichiarato in una nota.

«Vediamo prove della corona nei dati del campo magnetico, nei dati del vento solare e visivamente nelle immagini. Possiamo effettivamente vedere i veicoli spaziali che volano attraverso le strutture coronali che possono essere osservate durante un’eclissi solare totale».

Avvicinati alla stella

Ad aprile, il team di Parker si è reso conto che la loro navicella spaziale aveva attraversato il confine ed era entrata per la prima volta nell’eliosfera.

È successo quando la navicella ha compiuto il suo ottavo sorvolo del Sole e ha registrato condizioni magnetiche e particellari specifiche per il confine in cui termina la massiccia atmosfera solare del Sole e inizia il vento solare – 8,1 milioni di miglia sopra la superficie del Sole.

Justin Casper, autore principale dello studio e professore dell’Università del Michigan e vice chief technology officer presso BWX Technologies, Inc. un permesso. «È molto eccitante che ci siamo davvero arrivati».

Parker è entrato ed uscito dalla corona diverse volte nel corso di poche ore durante il flyby di aprile, aiutando i ricercatori a capire che il confine, chiamato superficie critica di Alfvén, non è un cerchio liscio attorno al Sole. Invece, ha picchi e valli. Comprendere la presenza di queste caratteristiche può consentire agli scienziati di abbinarle all’attività solare dalla superficie del Sole.

READ  Il perseverante Rover della NASA scarica rocce marziane "per guardare qualcosa che nessuno ha mai visto prima"

Durante il volo, Parker ha avuto un altro emozionante incontro mentre passava a 6,5 ​​milioni di miglia dalla superficie del Sole. È passato attraverso una proprietà chiamata pseudostreamer, una grande struttura che si erge sopra la superficie del Sole osservata dalla Terra durante un’eclissi solare.

Parker Solar Probe ha assistito a questi streamer mentre volavano attraverso la corona all'inizio di quest'anno.

Quando l’astronave ha sorvolato lo pseudo-trasmettitore, le cose erano calme, proprio come nell’occhio di un ciclone. Normalmente, Parker è bombardato da particelle mentre volano attraverso il vento solare. In questo caso, le particelle si sono mosse più lentamente e gli zigzag sono diminuiti.

La navicella probabilmente volerà di nuovo attraverso la corona a gennaio durante il suo prossimo sorvolo.

«Sono entusiasta di vedere cosa ha scoperto Parker mentre passa ripetutamente attraverso la corona nei prossimi anni», ha dichiarato Nicola Fox, direttore della divisione eliofisica della NASA, in una nota. L’opportunità di nuove scoperte è illimitata.

Gli esperti dicono che il sole ha iniziato un nuovo ciclo solare

Parker sarà probabilmente nel posto giusto al momento giusto durante i voli futuri poiché il ciclo di 11 anni del sole si riscalda con l’attività nei prossimi anni. Ogni 11 anni, il Sole completa un ciclo solare di attività calma e tempestosa e ne inizia uno nuovo.

Comprendere il ciclo solare è importante perché il clima spaziale causato dal Sole – eruzioni come brillamenti solari ed eventi di espulsione di massa coronale – può influenzare la rete elettrica, i satelliti, il GPS, le compagnie aeree, i razzi e gli astronauti nello spazio.

il ultimo ciclo solareIniziato a dicembre 2019, dovrebbe raggiungere il suo picco nel luglio 2025, il che significa un aumento dell’attività solare.

Ciò significa che il bordo esterno della corona solare si espanderà e Parker probabilmente trascorrerà più tempo a volare attraverso la misteriosa atmosfera esterna del sole.

READ  Guarda gli enormi razzi lunari della NASA parcheggiati, i booster e tutto il resto

«È un’area davvero importante in cui entrare perché pensiamo che tutti i tipi di fisica possano funzionare», ha detto Casper. «E ora stiamo entrando in quell’area e si spera che stiamo iniziando a vedere un po’ di questa fisica e comportamento».