junio 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Germania pagherà alla Namibia 1,3 miliardi di dollari per il riconoscimento ufficiale del genocidio dell’era coloniale

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha dichiarato venerdì in una dichiarazione che la Germania sosterrà la Namibia ei discendenti delle vittime con 1,1 miliardi di euro (1,3 miliardi di dollari) per la ricostruzione e lo sviluppo e chiede l’amnistia per “i crimini del dominio coloniale tedesco”.

Il nostro obiettivo era e rimane quello di trovare nella memoria delle vittime un percorso comune verso una vera riconciliazione, che include nominare gli eventi del periodo coloniale tedesco nell’attuale Namibia, in particolare le atrocità avvenute dal 1904 al 1908, senza evitare o oscurandoli. Ora chiameremo ufficialmente questi eventi come era oggi: genocidio “.

Il segretario stampa presidenziale namibiano Alfredo Ungheria ha detto venerdì alla CNN che il governo namibiano considera l’accettazione ufficiale delle atrocità come un genocidio come un passo importante nel processo di riconciliazione e riparazione.

“Questi sono sviluppi molto positivi alla luce di un processo molto lungo che è stato accelerato negli ultimi cinque anni. Le persone non dimenticheranno mai questo genocidio; vivono con esso. Questo è un processo importante in termini di guarigione di quelle ferite”, ha detto. . Egli ha detto.

Il gruppo delle vittime rifiuta l’accordo

I gruppi di vittime hanno rifiutato l’accordo. Vickoy Rokoru, presidente della Paramount per il popolo Herrero, ex procuratore generale e membro del parlamento, ha detto alla CNN che non facevano parte della discussione con il governo tedesco.

“È questo il tipo di risarcimento di cui dovremmo essere entusiasti? Si tratta solo di pubbliche relazioni. Questo è un tradimento da parte del governo namibiano. Il governo ha tradito la causa del mio popolo”, ha detto.

READ  La gaffe di Biden al vertice del G7 provoca le risate dei leader mondiali

Rokorro ha detto che i gruppi di vittime di Herrero e Nama si aspettano danni monetari. Ha detto che le riparazioni non devono andare ai singoli, ma dovrebbero essere sotto forma di un pagamento collettivo ai discendenti di coloro che sono stati uccisi e pagati per le loro terre durante il genocidio.

Ha aggiunto che il presidente tedesco non è il benvenuto nel paese sudafricano.

“Il presidente della Germania non è il benvenuto qui in relazione alle comunità delle vittime. È persona non grata”, ha detto.

Lotta sanguinosa

Forze tedesche Ha ucciso fino a 80.000 persone Herrero e Nama Nel paese sudafricano tra il 1904 e il 1908 in risposta a una rivolta anticoloniale, secondo lo United States Holocaust Memorial Museum.

Secondo gli storici, il sanguinoso conflitto si è verificato quando la popolazione indigena Herero si ribellò contro le forze coloniali a causa di accaparramenti di terra. La Germania, che ora fornisce aiuti allo sviluppo alla Namibia, ha offerto le sue prime scuse formali per il conflitto nel 2004.

Entrambi i paesi sono in trattative dal 2015 al Negozia il risarcimento Il massacro commesso dalle forze coloniali tedesche. Nella sua dichiarazione, Maas ha affermato che i rappresentanti delle comunità Herero e Nama “hanno partecipato da vicino” ai negoziati da parte namibiana.

“I crimini del dominio coloniale tedesco hanno appesantito a lungo le relazioni con la Namibia. Il libro del passato non può essere chiuso. Tuttavia, ammettere la colpa e chiedere scuse è un passo importante per affrontare e plasmare i crimini. Il futuro è insieme. “

I media tedeschi hanno riferito che il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier presenterà una richiesta formale di tolleranza durante una cerimonia che si terrà al parlamento namibiano.

Macron chiede perdono per il ruolo della Francia nel genocidio in Ruanda, ma smette di scusarsi

Un portavoce dell’ufficio del presidente federale ha dichiarato alla CNN: “Sarà presa una decisione su una possibile visita del presidente federale dopo che i governi avranno raggiunto un accordo formale e in stretta consultazione con la parte namibiana”.

L’annuncio arriva il giorno dopo l’annuncio del presidente francese Emmanuel Macron Riconosco pubblicamente la “grave responsabilità” della Francia per il genocidio del 1994 in Ruanda Solo i sopravvissuti, hanno detto, potevano dare il “dono del perdono”.

Nel 1994, circa 800.000 tutsi etnici furono uccisi dalle milizie hutu sostenute dal governo ruandese. La Francia è stata accusata di non essere riuscita a prevenire il genocidio e di sostenere il regime hutu, anche dopo l’inizio dei massacri.

READ  Il naufragio al largo dello Sri Lanka potrebbe diventare un disastro permanente: NPR