enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Forgotten 356 Carrera è un’elegante Forza Italiana creata da GDL Abarth

Nato a Vienna durante l’impero austro-ungarico, Carl Albert Abarth è stato affascinato dalle ruote fin dalla tenera età. Da giovane si è trasferito a Milano, in Italia, dove è entrato a far parte della Carrozzeria Costagna e ha iniziato a progettare motociclette e telai di biciclette. Tornerà in Austria molti anni dopo per gareggiare nel motociclismo e diventare un cinque volte campione europeo.

Un grave incidente avrebbe posto fine alla sua carriera agonistica, così scelse di tornare in Italia, dove alla fine ottenne la cittadinanza e cambiò il suo nome in Carlo Alberto. In quegli anni Abarth fece amicizia con il famoso pilota italiano Tazio Nuvolari, attraverso il quale conobbe i connazionali austriaci Anton Piëch, genero di Ferdinand Porsche e futuro leader Volkswagen e Ferdinand Jr., noto anche come Ferry Porsche.

Questi rapporti lo portarono a lavorare nel settore automobilistico, e poco dopo essere diventato direttore sportivo della squadra corse Sicitalia, nel 1949 fondò l’Abarth. Tuttavia la funzione principale dell’azienda era quella di produrre componenti ad alte prestazioni per molti marchi italiani, la maggior parte dei profitti è andata alla squadra corse Squadron Abarth. Con una formazione che includeva piloti di talento come Novolari, Franco Cortez o Pyro Drufi, la squadra ebbe successo fin dall’inizio, cosa che attirò l’interesse della Fiat. Così, nel 1951, l’azienda si trasferisce a Torino, ed inizia la prestigiosa collaborazione.

Tuttavia, lo stretto contatto con la famiglia Porsche durò e nel 1959 commissionò alla Ferry Porsche l’aggiornamento delle 356 auto da corsa che iniziarono a combattere le auto Alfa Romeo o Lotus. Quell’anno, la FIA introdusse una nuova regola che consentiva ai produttori di modificare i corpi dei loro piloti. Il 356 gestito da pugili doveva diventare di nuovo un match.

READ  Una donna di Chicago acquista una casa del XVII secolo in Sicilia, impara a rinnovare all'italiana

Inizialmente, un telaio 356B è stato spedito a Torino, dove è stato rimosso il suo corpo originale. Carlo Abarth esaminò i difetti della vecchia struttura e decise che doveva essere completamente ridisegnata. Invece di creare una carrozzeria, Abarth si è avvalso dell’aiuto dell’ex stilista Bertone Franco Schaclion, noto soprattutto per le sue idee sul talento aerodinamico Alfa Romeo.

Dopo che diverse mappe sono state riviste sia da Abarth che da Porsche, è stato selezionato il progetto finale. Meno dell’originale 356, aveva un avantreno più corto, maniglie delle portiere incorporate e una presa d’aria regolabile montata sul coperchio del motore, che riduceva il coefficiente di trazione da 0,398 Cd a 0,365 Cd. Inoltre, tutti i pannelli saranno realizzati in alluminio, con una perdita di peso stimata di circa 99 libbre. (45kg).

Il primo prototipo ordinato da Porsche fu dotato di carrozzeria realizzata a mano da un piccolo carrozziere torinese di nome Virenzo & Filiponi. Quando arrivarono a Stoccarda nel 1960, gli ingegneri rimasero scioccati nel vedere che la qualità del lavoro era scadente. Tuttavia, i test in pista hanno mostrato molte promesse, quindi questa Carrera GDL imperfetta è stata rimandata in Italia, dove ha partecipato alla famosa corsa della Tarca Florio. Spinta da Paul Streal, riuscì a tagliare per primo il traguardo nella classe 1600cc, costringendo la casa automobilistica tedesca a ordinare venti unità aggiuntive.

Abarth ha tirato le fila e ha ottenuto una grande azienda chiamata Rocco Moto per fare il resto dei corpi. Sebbene siano ancora fatti a mano e abbiano piccole variazioni da unità a unità, la qualità complessiva è notevolmente migliorata.

READ  Goni Arnadator a Milano Donne, Giocando a Roma contro la vita e il conflitto in Italia.

Nel 1961 Porsche introdusse la nuova versione del motore Carrera, il 692/3a. Cuscinetti principali larghi, profili delle camme di aspirazione più aggressivi, volano più piccolo o Solex Corps più grande, potrebbe erogare fino a 165 CV. Molte GTL sono state dotate di questo propulsore e, negli anni successivi, questi motori con carrozzeria italiana hanno ottenuto successi di classe in molte gare iconiche, tra cui la 1000 km del Nürburgring, la 12 ore di Sebring (due volte) o la Daytona Continental. La GTL vinse anche la sua classe a Le Mans per tre volte consecutive (1960-1963).

Porsche smise di gareggiare con questo modello dopo la stagione 1963, ma molti corsari lo utilizzarono in varie competizioni nazionali, continentali e internazionali. Quell’anno, l’azienda ha presentato il successore della 356 al Salone di Francoforte. Originariamente chiamata 901, ma alla fine ribattezzata 911, il design della nuova vettura è stato ispirato dalla nuova carrozzeria GTL. Ad oggi non ci sono conferme ufficiali che i due design siano correlati, ma come potete vedere nel video qui sotto pubblicato su YouTube dal Leon Air Museum, le somiglianze tra loro sono innegabili.

Miniatura del video